WPRF: a Oslo il futuro delle Rp

Il World PR Forum 2018 è stata una preziosa occasione per circa 400 delegati da oltre 44 nazioni per fare un punto sulla industry e sul processo di cambiamento che sta coinvolgendo i media, le relazioni pubbliche, la tecnologia, la politica, la cultura, gli affari, il potere globale, le organizzazioni e le nuove sfide che incontreranno. Tre parole chiave hanno scandito gli interventi dei relatori: verità, profitto, intelligenza.

Nelle tre giornate del Forum (la prima dedicata a Research and Practice Colloquium e le altre due al Business Programme) sono stati affrontati alcuni temi centrali rispetto al futuro della professione. Tra questi, si è sottolineato l’assoluto valore e la centralità della consulenza strategica, a favore di un continuo dialogo virtuoso tra azienda e stakeholders, l’importanza della reputation, come vero e proprio business value, e dell’ascolto in un mare sconfinato di messaggi; si sono poi approfonditi il progressivo processo di disintermediazione, le fake news e il declino del giornalismo, il progredire incalzante dell’intelligenza artificiale, che pian piano soppianterà i comunicatori negli aspetti più operativi, ma non solo, e la crescente domanda di un sistema condiviso di education standars e di misurazione delle RP, di un programma formativo per i professionisti, di un costante confronto interculturale e di un sostegno di ricerche accademiche condotte su scala mondiale.

È emersa una forte necessità di condivisione dei processi di comunicazione con tutti i rami d’azienda: il comunicatore dovrà facilitare e favorire la collaborazione tra diversi ambiti aziendali come: operations, stakeholder & government relations, HR, regulatory affairs, legal e public affairs.

Le organizzazioni avranno sempre più bisogno di gestire le relazioni pubbliche in modo professionale, poiché la comunicazione costruisce empatia, comprensione, rispetto e fiducia. Il mondo ha bisogno di figure che pratichino la comunicazione con etica e standards, perché la comunicazione è non solo un imperativo di business ma un importante patrimonio sociale. I comunicatori e i relatori pubblici dovranno perciò far propria la centralità dell’advisoring e del coordinamento di molte competenze come media relations, social media, public affairs, marketing Pr, reputation & stakeholder management e crisis communication.

Il Forum ha offerto molti spazi di ispirazione, ha favorito svariati momenti di networking e di confronto con culture anche molto lontane. Il tema dell’innovazione tecnologica, accanto all’utilizzo dei dati, della realtà virtuale e dell’intelligenza artificiale, è stato decisamente centrale. In particolare quest’ultima rappresenta una grande potenzialità per il nostro settore – soprattutto per gli aspetti di narrazione – ma costituisce allo stesso tempo motivo di paura per gli effetti manipolatori che potrebbe generare.

Gettando uno sguardo al futuro, nel 2025 i millennials assumeranno il potere, l’Asia comprenderà più della metà della popolazione mondiale, la comunicazione sarà ancora più veloce. La nostra industry avrà sicuramente un futuro: “Le relazioni pubbliche sono il nuovo marketing”.

Lunga vita alla rete, alle relazioni e ai valori! Secondo Dan Tisch “Content is the King. Relationships are Royality”!  Il contenuto non è morto o irrilevante. In effetti, si tratta di utilizzare “buoni” contenuti credibili per creare relazioni a lungo termine, stabili e di fiducia, esternamente e internamente.

A livello aziendale, nell’automazione e persino nell’uso dell’IA, siamo ancora all’inizio e la strada è completamente aperta, anche se i pericoli di natura etica ed economica sono rilevanti e la velocità è mozzafiato.

Ciononostante “www.gapminder.org” ci ha ricordato ancora una volta che il mondo è migliore di quello che crediamo. E le possibilità di automazione sono di grande aiuto, per esempio per risparmiare tempo nel lavoro quotidiano e guadagnare più spazio per nuove idee, creatività e strategia.

Molto interessante si è dimostrato il Global Capability Framework per le relazioni pubbliche e la gestione delle comunicazioni: si tratta di un progetto di ricerca biennale (2016-2018) condotto da Fawkes, J., Gregory, A., Falkheimer,J., Gutiérrez-García, E., Halff, G., Rensburg, R., Sadi, G., Sevigny, A., Sison, M.D., Thurlow, A., Tsetsura, K., & Wolf, K., realizzato per essere utilizzato dalle organizzazioni e dai professionisti di relazioni pubbliche di tutto il mondo. Finanziato dall’Università di Huddersfield e sostenuto dalla Global Alliance for Public Relations and Communication Management (GA), il progetto si è concentrato sulla costruzione di un framework di attitudini che possa essere applicato a livello globale; riflette le variazioni culturali e regionali nelle relazioni pubbliche come professione.

Il Framework è un potente strumento per lo sviluppo personale e una soluzione – attraverso auto valutazione – per il miglioramento di un team di lavoro. Che la consulenza sia svolta in autonomia, in un piccolo gruppo o un’organizzazione più strutturata, questo framework può fornire le basi per sviluppare le principali capacità di RP come:

  • Allineare le strategie di comunicazione con obiettivi e valori dell’organizzazione.
  • Identificare e indirizzare i problemi di comunicazione in modo proattivo.
  • Condurre ricerche formative e valutative per sostenere strategie e tattiche di comunicazione.
  • Comunicare in modo efficace, attraverso una gamma completa di piattaforme e tecnologie.
  • Facilitare le relazioni e rafforzare la fiducia con le parti interessate e le comunità interne ed esterne.
  • Costruire e migliorare la reputazione dell’organizzazione.
  • Fornire informazioni contestuali.
  • Fornire consulenze di valore.
  • Offrire una leadership organizzativa.
  • Lavorare all’interno di un quadro etico per conto dell’organizzazione, in linea con le aspettative professionali e sociali.
  • Sviluppare sé stessi e gli altri, attraverso un continuo aggiornamento professionale.

Spunti molto interessanti sono arrivati dal mondo della ricerca, nonostante successivi esempi pratici da tutto il mondo abbiano dimostrato che, a seconda del Paese, della cultura e delle risorse, esistono grandi differenze nell’applicabilità della ricerca. Spesso un’implementazione fallisce semplicemente perché le condizioni politiche o le possibilità finanziarie non lo consentono.

C’è ancora un grande bisogno di avvicinare ricerca e pratica. Innanzitutto, è necessario ricercare un linguaggio comune per comprendere l’applicabilità e l’utilità dei risultati della ricerca. Inoltre, devono essere trovati metodi più efficaci di trasferimento della conoscenza.

Arrivederci al prossimo World Public Relations Forum 2020 che si svolgerà a Auckland, New Zealand!

 


 

Autori

Silvia Rizziwww.share-communication.com
con la preziosa collaborazione dei delegati:
Brigitte Heinrich, delegata PR Suisse | CEO Nettwerk
Andreas Plöger, esperto di marketing storico e consulente presso Birke und Partner

L’articolo WPRF: a Oslo il futuro delle Rp sembra essere il primo su Ferpi.

Leggi Tutto

Fonte Ferpi

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Investire sulla reputazione rende il 10%

Commenti disabilitati su Investire sulla reputazione rende il 10%

Che cos’è la disintermediazione

Commenti disabilitati su Che cos’è la disintermediazione

Nuovi linguaggi tra Cinema e Comunicazione, Ferpi alla Festa del Cinema

Commenti disabilitati su Nuovi linguaggi tra Cinema e Comunicazione, Ferpi alla Festa del Cinema

Anche gli AD fanno politica internazionale

Commenti disabilitati su Anche gli AD fanno politica internazionale

Food, Wine & Co., per celebrare il Made in Italy in tavola

Commenti disabilitati su Food, Wine & Co., per celebrare il Made in Italy in tavola

Over 65, la prima generazione Senior digitale che progetta un futuro

Commenti disabilitati su Over 65, la prima generazione Senior digitale che progetta un futuro

Eni celebra la Nazionale di calcio in uno spot con Fabio Capello

Commenti disabilitati su Eni celebra la Nazionale di calcio in uno spot con Fabio Capello

Aperte le iscrizioni all’InspiringPR Award

Commenti disabilitati su Aperte le iscrizioni all’InspiringPR Award

Nobilita: a Bologna il primo festival della cultura del lavoro

Commenti disabilitati su Nobilita: a Bologna il primo festival della cultura del lavoro

Rp e Responsabilità Sociale d’Impresa, quali affinità?

Commenti disabilitati su Rp e Responsabilità Sociale d’Impresa, quali affinità?

Una somma di piccole cose

Commenti disabilitati su Una somma di piccole cose

A Torino prosegue “In viaggio verso la professione”

Commenti disabilitati su A Torino prosegue “In viaggio verso la professione”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti