Uzbekistan, lo chiamano “lavoro volontario” ma è il pretesto per lo sfruttamento nei campi di cotone

La pratica cambia ma resta diffusa e sistematica, coinvolgendo anche personalità vicine al governo. Il salario è di 0,10 dollari al chilo. I pagamenti non bastano per mangiare. E ci si indebita

Leggi Tutto

Fonte Repubblica.it > Mondo Solidale

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti