Una generazione di vuoti per colpa degli smartphone. Lettera

Lettera

Infatti molti alunni, nelle prime ore di lezione, spesso dormono sul banco e
manifestano uno scarso livello di attenzione. Ciò è veramente preoccupante dal momento che i ritmi di apprendimento e di attenzione dei nostri alunni si sono praticamente annullati e la dimostrazione ci viene dalle indagini demoscopiche condotte dagli enti e agenzie di rilevazione statistica. A causa dell’uso eccessivo degli smartphone i nostri alunni non leggono più giornali e libri, non scrivono affatto, e se lo fanno è soltanto sotto forzatura del docente e manifestano forme di apatia e indifferenza verso tutto ciò che li circonda. Sono continuamente con gli occhi incollati sullo schermo dello smartphone per ore e ore e smanettano continuamente sulla tastiera del telefonino.

È pur vero che gli alunni che oggi frequentano le scuole sono dei nativi digitali e, quindi, con la tecnologia e gli strumenti tecnologici sono dei
veri e propri geni, ma è altrettanto evidente che troppa tecnologia ha letteralmente “annebbiato” il cervello dei nostri ragazzi che non possono fare a meno degli strumenti tecnologici. Le ripercussioni si stanno avendo in maniera marcata anche sui comportamenti e atteggiamenti di questi alunni. Molti appaiono sempre agitati, nervosi, insolenti, ipercinetici e possiamo credere che questi atteggiamenti sono il riflesso di una cultura ipertecnologica che ha in tutto e per tutto fagocitato i nostri alunni. Tutti ormai sono dipendenti dagli smartphone, in quanto non possono farne a
meno e guai a sottrarre dalle loro mani un telefonino: si trasformano in belve esternando una reazione ed una rabbia fuori dal comune. Sarebbe necessario un maggiore controllo perché l’eccessiva dipendenza dagli smartphone è sinonimo di patologie neuro vegetative.

I ragazzi non sanno più vivere senza cellulare, hanno dimenticato come si dialoga, come si ci confronta con gli altri e con il mondo, il loro linguaggio è muto e silenzioso, povero ed avaro di sentimenti, distaccato dalla realtà e completamento immerso in un universo irreale dove dominano la freddezza, l’apatia, l’indifferenza. Stiamo, insomma, perdendo una intera generazione che rischia di scomparire nel nulla senza aver conosciuto gli altri esseri umani, ma solo degli automi nelle mani degli strumenti tecnologici. Una generazione di fragili, di indifesi, di vuoti.

L’articolo Una generazione di vuoti per colpa degli smartphone. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Esclusione dalla graduatoria interna di istituto: in quali casi è prevista

Commenti disabilitati su Esclusione dalla graduatoria interna di istituto: in quali casi è prevista

Pensioni, servizio Inps per certificazione diritto

Commenti disabilitati su Pensioni, servizio Inps per certificazione diritto

Diplomati magistrale, sindacati chiedono al Miur apertura tavolo tematico

Commenti disabilitati su Diplomati magistrale, sindacati chiedono al Miur apertura tavolo tematico

Usare Google Forms per creare verifiche, test, quiz, sondaggi e molto altro

Commenti disabilitati su Usare Google Forms per creare verifiche, test, quiz, sondaggi e molto altro

Bonus 500 euro Carta docente spetta anche agli educatori. Sentenza

Commenti disabilitati su Bonus 500 euro Carta docente spetta anche agli educatori. Sentenza

A Otranto Assemblea Generale UIL Scuola Puglia: la regione tra le più penalizzate d’Italia

Commenti disabilitati su A Otranto Assemblea Generale UIL Scuola Puglia: la regione tra le più penalizzate d’Italia

PAS 36 mesi, Gilda: accesso per tutti, concorso in uscita con commissione esterna

Commenti disabilitati su PAS 36 mesi, Gilda: accesso per tutti, concorso in uscita con commissione esterna

Religione cattolica, inserimento dati SIDI sino al 30 aprile. Quante ore per classe

Commenti disabilitati su Religione cattolica, inserimento dati SIDI sino al 30 aprile. Quante ore per classe

Coronavirus, Salvini: nessuno deve perdere posto di lavoro, cassa integrazione per i piccoli

Commenti disabilitati su Coronavirus, Salvini: nessuno deve perdere posto di lavoro, cassa integrazione per i piccoli

Pensioni dal 1° settembre 2020, 33.886 docenti e ATA. I dati per provincia, aggiunta Potenza

Commenti disabilitati su Pensioni dal 1° settembre 2020, 33.886 docenti e ATA. I dati per provincia, aggiunta Potenza

Legge di Bilancio 2020, corso di formazione per docenti sul bullismo. Emendamento

Commenti disabilitati su Legge di Bilancio 2020, corso di formazione per docenti sul bullismo. Emendamento

Riscatto laurea coincidente con servizio militare: che fare

Commenti disabilitati su Riscatto laurea coincidente con servizio militare: che fare

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti