Un corpo è anche la scelta che vuole vivere

«È nelle sue scelte – scrive Tonino Urgesi – che una persona con disabilità può veramente “volare” in un corpo libero in relazione con il “mondo”. Ma per far sì che questo sia possibile, bisogna educare ed educarsi all’incontro con le proprie limitazioni e con le limitazioni dell’altro e forse si arriverà a poter liberamente scegliere di essere un “corpo che fa parte del mondo”, che si relaziona con il mondo nella sua interezza»

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Stefano

Related Posts

La disabilità intellettiva e il lavoro, ieri e oggi

Commenti disabilitati su La disabilità intellettiva e il lavoro, ieri e oggi

Tra attese e costi, il futuro della salute in gioco

Commenti disabilitati su Tra attese e costi, il futuro della salute in gioco

Accessibilità, inclusività e app per smartphone

Commenti disabilitati su Accessibilità, inclusività e app per smartphone

Dal Friuli ad Assisi: una catena per l’autismo

Commenti disabilitati su Dal Friuli ad Assisi: una catena per l’autismo

Esistono anche “luoghi amichevoli” per l’autismo

Commenti disabilitati su Esistono anche “luoghi amichevoli” per l’autismo

Retinopatie e maculopatie: aspetti oftalmologici, genetici e sociali

Commenti disabilitati su Retinopatie e maculopatie: aspetti oftalmologici, genetici e sociali

Si infittisce l’agenda di Esagramma

Commenti disabilitati su Si infittisce l’agenda di Esagramma

Tra letteratura e narrazioni di esperienze

Commenti disabilitati su Tra letteratura e narrazioni di esperienze

Quella parola non è come un’altra

Commenti disabilitati su Quella parola non è come un’altra

La difficile situazione italiana delle persone adulte con ADHD

Commenti disabilitati su La difficile situazione italiana delle persone adulte con ADHD

Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace, l’ambiente

Commenti disabilitati su Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace, l’ambiente

Se un “geranio” diventa educatore

Commenti disabilitati su Se un “geranio” diventa educatore

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti