Turi (UIL): perché stupisce una scuola che classifica se si vogliono trasformare docenti in impiegati?

“Se accadono fatti come questi, vuol dire che la comunità si sta trasformando e non sta più funzionando come incubatrice di valori che il senso comune ritiene positivi come l’inclusione la solidarietà, la serietà degli studi, il valore dello studio e il ruolo degli insegnanti e delle istituzioni.

Come si è arrivati, e come evitare, una situazione che rappresenta la punta di un iceberg?
E’ la domanda di partenza del segretario generale della Uil Scuola Pino Turi di fronte a fatti paradossali come quello dell’Istituto ‘Via Trionfale’ rispetto ai quali – osserva Turi – non ci si può limitare a normali condanne che il buonsenso induce a fare.

Sono decenni che si trascura la scuola e le si impongono modelli neo liberisti, parametri che sono diventati riferimenti sociali e politici dominanti. Si sta determinando una mutazione genetica della scuola e dell’istruzione, iniziata con la politica del contenimento della spesa, seguita dalla chimera delle riforme a costo zero. Il primato dei diritti e dei valori costituzionalmente garantiti è stato gettato all’ultimo posto, per lasciare posto a statistiche e graduatorie – aggiunge Turi.

Come ci si può meravigliare se l’unico metro di misura è il profitto il denaro, il reddito e la scuola diventa un supermercato in cui esibirlo e spenderlo, accontentare i clienti – continua Turi – in un crescendo che induce ogni scuola a distinguersi per attirare sempre nuovi clienti da accontentare ulteriormente altri da trovare e da contendere.

Perché desta stupore una scuola che classifica, divide, guarda alle performances, quando si vogliono trasformare i docenti in impiegati a cui impartire doveri, limitandoli nella loro autonomia didattica e professionale. Come possono fare se si trovano sempre più spesso in un continuo senso di omologazione ad attività amministrative che nulla o poco hanno a che fare con la funzione docente?

Molti insegnanti sono in una situazione di profonda prostrazione  professionale proprio perché spettatori e non protagonisti di situazioni come quella della scuola romana.
Respinti continuamente entro rigidi ambiti burocratici da misurare in termini produttività. Un crescendo di carte, relazioni, modelli, schede. Tutta forma e nessuna sostanza.

Se accadono fatti come questi, vuol dire che la comunità si sta trasformando e non sta più funzionando come incubatrice di valori che il senso comune ritiene positivi come l’inclusione la solidarietà, la serietà degli studi, il valore dello studio e il ruolo degli insegnati e delle istituzioni.

Forse è arrivato il momento di dire basta e pensare alla scuola e al suo personale come comunità, come istituzione a cui la Costituzione affida il compito di ascensore sociale. Compito che non parte dal modello 730 ma dalla cultura dall’istruzione, affidata ai docenti a cui restituire fiducia, dignità,  funzione.

Significa basta clientele, basta élite, basta egoismi, basta denigrazioni e basta pseudo riforme.
Servono investimenti, serve fiducia ed un ritorno alla scuola come luogo di libertà e di crescita culturale, una comunità basata su democrazia e partecipazione. Basta principalmente considerare la scuola terreno di scontro politico, basta.

Facciamo in fretta a cambiare registro. Siamo ancora in tempo visto che siamo disposti ancora ad indignarci.”

L’articolo Turi (UIL): perché stupisce una scuola che classifica se si vogliono trasformare docenti in impiegati? sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Organici ATA 2019/20, Flc Cgil: in puglia meno 140 unità

Commenti disabilitati su Organici ATA 2019/20, Flc Cgil: in puglia meno 140 unità

Classe senza aula; a spostarsi saranno gli studenti e non i docenti

Commenti disabilitati su Classe senza aula; a spostarsi saranno gli studenti e non i docenti

Didattica a distanza, non vedenti e ipovedenti: due esperienze, allegati da scaricare e link a risorse utili

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, non vedenti e ipovedenti: due esperienze, allegati da scaricare e link a risorse utili

Bussetti: concorsi per giovani e risposta a precari con 3 annualità di servizio

Commenti disabilitati su Bussetti: concorsi per giovani e risposta a precari con 3 annualità di servizio

Vincolo quinquennale sul sostegno: riparte dopo passaggio di ruolo sempre sul sostegno

Commenti disabilitati su Vincolo quinquennale sul sostegno: riparte dopo passaggio di ruolo sempre sul sostegno

Dodici sindaci lucani chiedono dirigenti scolastici stabili e non reggenze

Commenti disabilitati su Dodici sindaci lucani chiedono dirigenti scolastici stabili e non reggenze

CNDDU: lottare contro la dispersione scolastica per contrastare l’illegalità

Commenti disabilitati su CNDDU: lottare contro la dispersione scolastica per contrastare l’illegalità

Azzolina: non ci sono 3 mesi di vacanza, circa 33 giorni di ferie per gli insegnanti

Commenti disabilitati su Azzolina: non ci sono 3 mesi di vacanza, circa 33 giorni di ferie per gli insegnanti

Promuoviamo la scuola: innovazione didattica ponte per il futuro. Convegno alla Camera oggi 25 ottobre

Commenti disabilitati su Promuoviamo la scuola: innovazione didattica ponte per il futuro. Convegno alla Camera oggi 25 ottobre

Svizzera allenta misure: tornano a scuola studenti fino a 15 anni

Commenti disabilitati su Svizzera allenta misure: tornano a scuola studenti fino a 15 anni

Richiesta assistenti lingua straniera lingua, prorogata apertura funzioni SIDI

Commenti disabilitati su Richiesta assistenti lingua straniera lingua, prorogata apertura funzioni SIDI

Coronavirus, Maturità 2020: se si ritornasse il 4 maggio commissari tutti interni, seconda prova preparata dalle singole scuole

Commenti disabilitati su Coronavirus, Maturità 2020: se si ritornasse il 4 maggio commissari tutti interni, seconda prova preparata dalle singole scuole

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti