Tumori, “penna” li identifica in 10 secondi. Nel 2018 i test sull’uomo

Si maneggia come una penna, ma è uno strumento che permette di riconoscere i tumori in 10 secondi e con un’accuratezza del 96%. MasSpec Pen, questo il suo nome, è un dispositivo sviluppato dall’università del Texas ad Austin che servirà ai chirurghi per avere informazioni diagnostiche precise e in tempo reale su quale tessuto rimuovere o conservare in casi di tumore, migliorando la terapia e riducendo le probabilità di recidive. I ricercatori contano di sperimentarlo sull’uomo a partire dal 2018.

La “penna”, testata per ora su topi viventi, è dotata di una punta stampata in 3D e fatta di un materiale biocompatibile. In questo modo può estrarre le molecole da controllare dal tessuto con poche goccioline d’acqua; le trasferisce attraverso un tubo flessibile allo spettrometro di massa e questo calcola la massa delle molecole presenti nel campione. Dopo pochi secondi su uno schermo compare il risultato. In alcuni casi il dispositivo è in grado anche di riconoscere il sottotipo del tumore, come spiega la ricerca pubblicata su Science Translational Medicine, la rivista dell’Associazione americana per l’avanzamento della scienza.

Ciò è possibile perché ogni forma tumorale produce dei metaboliti particolari, come una sorta di firma. Dopo aver analizzato i campioni dei tessuti tumorali di 253 pazienti (polmone, ovaie, tiroide e seno), i ricercatori sono riusciti a sviluppare un profilo molecolare, arrivando così a identificare i tumori con un’accuratezza del 96%. In questo modo, la “penna” riesce ad essere 150 volte più veloce rispetto alle attuali tecnologie nell’identificare i tumori e riesce a farlo senza danneggiare i tessuti sani. Rimuovere troppo tessuto sano, durante la chirurgia, può provocare effetti collaterali ai pazienti, come danni ai nervi o ai muscoli.

La ricerca sul Science Transnational Medicine

L’articolo Tumori, “penna” li identifica in 10 secondi. Nel 2018 i test sull’uomo proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Procreazione con tre Dna, nato il primo bambino: ora ha cinque mesi e sta bene

Commenti disabilitati su Procreazione con tre Dna, nato il primo bambino: ora ha cinque mesi e sta bene

La vita su Marte è possibile? “Sì, lo dimostra il deserto di Atacama in Cile”

Commenti disabilitati su La vita su Marte è possibile? “Sì, lo dimostra il deserto di Atacama in Cile”

Hiv, in Italia il test per l’autodiagnosi. Dal primo dicembre in farmacia

Commenti disabilitati su Hiv, in Italia il test per l’autodiagnosi. Dal primo dicembre in farmacia

Aids, rapporto Onu sull’Hiv: aumentano contagi fra ragazze tra 14 e 24 anni Diminuiscono infezioni fra i bambini

Commenti disabilitati su Aids, rapporto Onu sull’Hiv: aumentano contagi fra ragazze tra 14 e 24 anni Diminuiscono infezioni fra i bambini

Bimbo condannato a sondino a vita salvato al Policlinico di Milano

Commenti disabilitati su Bimbo condannato a sondino a vita salvato al Policlinico di Milano

Sistema solare, il mistero del Pianeta 9: dopo l’entusiasmo i dubbi sull’esistenza

Commenti disabilitati su Sistema solare, il mistero del Pianeta 9: dopo l’entusiasmo i dubbi sull’esistenza

Alzheimer, scoperta l’origine in area che regola l’umore. “Importanti prospettive diagnostiche e terapeutiche”

Commenti disabilitati su Alzheimer, scoperta l’origine in area che regola l’umore. “Importanti prospettive diagnostiche e terapeutiche”

“Maschilisti e playboy più soggetti a rischio malattie mentali” per studio Usa

Commenti disabilitati su “Maschilisti e playboy più soggetti a rischio malattie mentali” per studio Usa

L’intervallo è finito, grillini maestri: entrate in aula, la scuola vi aspetta!

Commenti disabilitati su L’intervallo è finito, grillini maestri: entrate in aula, la scuola vi aspetta!

Malattia di Lyme, Nature: “Dagli Usa si sta diffondendo in Europa a causa del clima che muta”

Commenti disabilitati su Malattia di Lyme, Nature: “Dagli Usa si sta diffondendo in Europa a causa del clima che muta”

Un’ipotesi A contro un’insensata ipotesi B: così funziona la controcultura online

Commenti disabilitati su Un’ipotesi A contro un’insensata ipotesi B: così funziona la controcultura online

Fotografata per la prima volta una “culla” di stelle nella Nebulosa di Orione

Commenti disabilitati su Fotografata per la prima volta una “culla” di stelle nella Nebulosa di Orione

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti