Troppo poco si è parlato della tragica storia di Adan, ragazzo con la distrofia

Arrivato in Italia una settimana prima dal Kurdistan iracheno, il tredicenne Adan Hussein, affetto dalla forma più grave di distrofia muscolare, aveva dovuto trascorrere diverse notti in strada, perché gli era stata rifiutata l’accoglienza, nonostante la grave malattia e nonostante la famiglia avesse fatto domanda di protezione internazionale. Qualche giorno dopo, la sua tragica vicenda si era conclusa nel peggior modo possibile, con la sua morte all’Ospedale di Bolzano. Oggi sembrerebbe accertato, nei suoi confronti, un errore diagnostico da parte di alcuni medici che lo presero in carico

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Stefano

Related Posts

Libri e altri materiali scolastici per studenti con BES o DSA delle superiori

Commenti disabilitati su Libri e altri materiali scolastici per studenti con BES o DSA delle superiori

Una conversazione con Tony Attwood sullo spettro autistico

Commenti disabilitati su Una conversazione con Tony Attwood sullo spettro autistico

L’arte che aiuta a vivere nei luoghi di cura

Commenti disabilitati su L’arte che aiuta a vivere nei luoghi di cura

Lunga vita al lavoro dei Centri Territoriali di Supporto

Commenti disabilitati su Lunga vita al lavoro dei Centri Territoriali di Supporto

Per credere e investire nell’emancipazione delle donne con disabilità intellettiva

Commenti disabilitati su Per credere e investire nell’emancipazione delle donne con disabilità intellettiva

Le parole giuste per raccontare la disabilità

Commenti disabilitati su Le parole giuste per raccontare la disabilità

L’autismo merita rispetto

Commenti disabilitati su L’autismo merita rispetto

Si infittisce l’agenda di Esagramma

Commenti disabilitati su Si infittisce l’agenda di Esagramma

Criticità di farmaci salvavita per l’epilessia: sciopero della fame dell’AICE

Commenti disabilitati su Criticità di farmaci salvavita per l’epilessia: sciopero della fame dell’AICE

Vent’anni da festeggiare parlando del “Durante e Dopo di Noi”

Commenti disabilitati su Vent’anni da festeggiare parlando del “Durante e Dopo di Noi”

Malattie rare dell’osso e Umberto I di Roma: un vuoto nella presa in carico

Commenti disabilitati su Malattie rare dell’osso e Umberto I di Roma: un vuoto nella presa in carico

È ora che voglio vivere!

Commenti disabilitati su È ora che voglio vivere!

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti