Trieste 15-18 novembre: The right (and opportunity) to have a (whole) life

Invito-Convegno_dsm-1024x512

Nella Risoluzione sulla Salute Mentale ed i Diritti Umani, il Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani sottolinea che “le persone con problematiche di salute mentale o disabilità psicosociali, e in particolare le persone che utilizzano i servizi di salute mentale, possono essere soggette, tra l’altro, a discriminazioni diffuse, stigma, pregiudizio, violenza, esclusione sociale e segregazione, istituzionalizzazione illegale o arbitraria, iper-medicalizzazione  e pratiche di trattamento che non rispettano la loro autonomia, volontà e preferenze”.

In Italia la de-istituzionalizzazione è stata completata fino alla chiusura di tutti gli ospedali psichiatrici in due decenni (1978-1999). La legge del 1978 è stata basata sui diritti (libera comunicazione, diritto al ricorso, no ai trattamenti obbligatori prolungati, no alla detenzione durante tali trattamenti), evitando “carriere” istituzionali. Il settore della psichiatria forense/giudiziaria è stato recentemente incluso in un’ulteriore de-istituzionalizzazione con la chiusura di tutti i rimanenti ospedali psichiatrici giudiziari, sostituiti da piccole unità regionali connesse ai Dipartimenti di Salute Mentale.

La de-istituzionalizzazione è stata dunque un punto di partenza, ma è ancor oggi un passo necessario: significa sostituire i servizi sul territorio alle cure ospedaliere e i trattamenti volontari a quelli obbligatori, ove possibile. Ciò porta alla rottura del tradizionale nesso tra una psichiatria custodialista e la negazione dei diritti umani con la conseguente emarginazione sociale, o la marginalizzazione in strutture istituzionalizzanti o in generale in servizi di salute mentale escludenti.

Quali sono quindi le pratiche che possono promuovere la libertà? Come possono essere descritte e messe in opera? Quali sono gli indicatori a essa collegati? Che cosa unisce parole chiave quali porta aperta, dialogo aperto, accesso libero, coinvolgimento della comunità, co-produzione con i portatori d’interesse, recovery (anche del sistema)?

Nell’ambito delle attività dell’International School & Conference “Franca e Franco Basaglia”(vedi), realizzata a partire dal 2011 dal Centro Collaboratore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la Ricerca e la Formazione – Dipartimento di Salute Mentale dell’ASUI di Trieste, col sostegno della Regione FVG, si colloca l’incontro internazionale:

“The right [and the opportunity] to have a [whole] life

Parco Culturale di San Giovanni dal 15 al 18 novembre 2017.

Si tratta di un incontro aperto ed interattivo che prevede uno scambio reciproco di nuove idee e pratiche innovative. Esso è modulato in visite di studio ai Servizi ed ai Programmi (con il coinvolgimento dell’intera Regione Friuli Venezia Giulia), corsi brevi e masterclasses, lavori di gruppo e incontri di esperti (vedi gli speakers confermati).

Coordinamento scientifico: Roberto Mezzina, John Jenkins

L’evento è organizzato in collaborazione con:

  • World Health Organization (WHO)
  • International Mental Health Collaborating Network (IMHCN)
  • World Association Psychosocial Rehabilitation (WARP)
  • Conferenza Permanente per la Salute Mentale nel Mondo “Franco Basaglia” (Copersamm)
  • Società Italiana Epidemiologia Psichiatrica (SIEP)
  • Psichiatria Democratica (PD)
  • European Community Mental Health Service (EuCoMS)

Sono disponibili posti limitati. Verrà data priorità alle collaborazioni ed ai partner del Centro Collaboratore OMS di Trieste

Lingua: inglese / italiano (è prevista la traduzione in simultanea)

ECM: l’evento è in fase di accreditamento ECM per le tutte le professioni, riservati alle prime 100 richieste (20 crediti)

Per tutte le informazioni, i dettagli, gli aggiornamenti e le iscrizioni:

www.triestementalhealth.org

Segreteria organizzativa:

Enjoy Events

Contatti: [email protected]

http://www.news-forumsalutementale.it/trieste-15-18-novembre-the-right-and-opportunity-to-have-a-whole-life/

Leggi Tutto

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Chi semina terrore è un terrorista

Commenti disabilitati su Chi semina terrore è un terrorista

De Luca e la residenza psichiatrica. In campagna elettorale la salute mentale torna in manicomio

Commenti disabilitati su De Luca e la residenza psichiatrica. In campagna elettorale la salute mentale torna in manicomio

Libertà/cura: il paradosso dell’epoca della pandemia. E io il virus me lo sono presa

Commenti disabilitati su Libertà/cura: il paradosso dell’epoca della pandemia. E io il virus me lo sono presa

La messa in scena del galateo del potere

Commenti disabilitati su La messa in scena del galateo del potere

Morto Vladimir Bukovsky, denunciò gli abusi della psichiatria sovietica

Commenti disabilitati su Morto Vladimir Bukovsky, denunciò gli abusi della psichiatria sovietica

Ribadito a Parma che le Rems non sono Opg in sedicesima

Commenti disabilitati su Ribadito a Parma che le Rems non sono Opg in sedicesima

Il gruppo di lavoro. Esiste ancora?

Commenti disabilitati su Il gruppo di lavoro. Esiste ancora?

La pistola per l’elettroshock in SPDC

Commenti disabilitati su La pistola per l’elettroshock in SPDC

OGNI RITORNO ERA NEGATO

Commenti disabilitati su OGNI RITORNO ERA NEGATO

Salute mentale, la legge 180 ancora disapplicata in alcune regioni italiane

Commenti disabilitati su Salute mentale, la legge 180 ancora disapplicata in alcune regioni italiane

La salute mentale è un lusso

Commenti disabilitati su La salute mentale è un lusso

SportivaMente 2018 – X edizione (VIDEO)

Commenti disabilitati su SportivaMente 2018 – X edizione (VIDEO)

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti