Tornavo da Trieste. 5

TORNAVO DA TRIESTE
per una psichiatria gentile
di Emanuela Nava
5
Stavamo arrivando in stazione. Dal finestrino si scorgevano sempre più frequenti le luci della città.
-E vuole sapere cosa mi ha detto, mentre bevevamo il caffè? Che un giorno dell’anno prima, visto che non lo ricevevano mai quando aveva bisogno e si era molto offeso, aveva chiesto alle infermiere di dire al suo psichiatra di telefonargli per favore. E lo psichiatra invece, per tutta risposta, gli aveva mandato una raccomandata con ricevuta di ritorno, in cui c’era scritto il giorno e l’ora dell’appuntamento. Una raccomandata, capisce? Neppure una telefonata, per cercare di capire cosa stava accadendo, un briciolo di luminosa umanità, insomma…
La signora afferrò borsa, sciarpa e cappello.
-Devo andare. Buonasera e buon viaggio!- esclamò.

-Buonasera a lei, signora, faccia tanti auguri a sua figlia!- risposi.
-Sì, grazie. Lo sa che da gennaio torna a scuola?
-Tutto bene, allora?
-Sì, a volte si comporta come una bambina. Vuole entrare nel lettone. Gioca con la bambola di quando era piccola. Chissà. Forse vuole recuperare il tempo perduto.- mi guardò negli occhi per un istante che mi sembrò senza fine.
-Lei dice che a Trieste le cose sono diverse?
-Sì, a Trieste non tolgono le stringhe delle scarpe, permettono di tenere lo shampoo in camera, i medici non indossano il camice e sa una cosa? Le porte sono sempre aperte e la Madonna della Misericordia è molto vicina.
Stava già percorrendo il corridoio, trascinando un piccolo trolley che non avevo notato prima e che aveva nascosto tra i sedili, quando la signora tornò indietro e mi abbracciò. Per farlo abbracciò anche Franco Basaglia che era sempre accanto a noi, anche se lo vedevo solo io.
-Grazie!- sussurrò. –Grazie.
Dal finestrino la vidi percorrere la pensilina e scendere le scale del sottopassaggio della stazione. Sospirai, chiusi gli occhi per qualche istante. Quando li riaprii,Basaglia era sparito. Ora che ci penso, non riesco a ricordare in quale città scese la signora. Senz’altro in una dove i centri di salute mentale e i servizi psichiatrici degli ospedali hanno le porte chiuse. Ricordo solo che riaprii il libro. Avevo lasciato il segnalibro alla fiaba di Hansel e Gretel. Rilessi il finale, quello che mi piaceva tanto e che non facevo altro che ripetere a tutti coloro, che volevano conoscere cosa intendessi per potenza delle fiabe.
“Hansel e Gretel entrarono nella casa della strega e dappertutto c’erano forzieri pieni di perle e di pietre preziose. -Sono molto meglio dei sassolini!- disse Hansel, e mise in tasca tutto quel che poté entrarci; e Gretel disse: -Anch’io voglio portarne a casa un po’.- E si riempì il grembiulino… e così finirono tutti i guai… la matrigna era morta… e Hansel e Gretel e il padre, a cui avevano regalato tutti i tesori, vissero felici e contenti.”
Che bel finale, pensai.
I tesori mancavano ai genitori che avevano abbandonato Hansel e Gretel. Non a Hansel e Gretel, che erano stati abbandonati. Per questo motivo i bambini della fiaba non li tenevano per sé, ma li regalavano al padre.
-Speriamo che quella ragazza capisca che non era a lei che mancava la bellezza e il profumo, ma al suo Narciso che non aveva abbastanza tesori dentro di sé per riconoscere quelli di lei.- dissi a me stessa.
E fu mentre ripensavo alla ragazza che parlava di Star Wars, che a un tratto mi venne in mente che non avevo chiesto il nome alla signora. Né il suo, né quello di sua figlia. Provai dispiacere e vergogna. Ma il treno aveva ripreso la sua corsa nel buio della sera.
Continuai a leggere.
6 gennaio 2017
(5- fine)TORNAVO DA TRIESTE

Hansel e GretelPer una psichiatria gentile

di Emanuela Nava

Stavamo arrivando in stazione. Dal finestrino si scorgevano sempre più frequenti le luci della città.

-E vuole sapere cosa mi ha detto, mentre bevevamo il caffè? Che un giorno dell’anno prima, visto che non lo ricevevano mai quando aveva bisogno e si era molto offeso, aveva chiesto alle infermiere di dire al suo psichiatra di telefonargli per favore. E lo psichiatra invece, per tutta risposta, gli aveva mandato una raccomandata con ricevuta di ritorno, in cui c’era scritto il giorno e l’ora dell’appuntamento. Una raccomandata, capisce? Neppure una telefonata, per cercare di capire cosa stava accadendo, un briciolo di luminosa umanità, insomma…

La signora afferrò borsa, sciarpa e cappello.

-Devo andare. Buonasera e buon viaggio!- esclamò.

-Buonasera a lei, signora, faccia tanti auguri a sua figlia!- risposi.

-Sì, grazie. Lo sa che da gennaio torna a scuola?

-Tutto bene, allora?

-Sì, a volte si comporta come una bambina. Vuole entrare nel lettone. Gioca con la bambola di quando era piccola. Chissà. Forse vuole recuperare il tempo perduto.- mi guardò negli occhi per un istante che mi sembrò senza fine.

-Lei dice che a Trieste le cose sono diverse?

-Sì, a Trieste non tolgono le stringhe delle scarpe, permettono di tenere lo shampoo in camera, i medici non indossano il camice e sa una cosa? Le porte sono sempre aperte e la Madonna della Misericordia è molto vicina.

Stava già percorrendo il corridoio, trascinando un piccolo trolley che non avevo notato prima e che aveva nascosto tra i sedili, quando la signora tornò indietro e mi abbracciò. Per farlo abbracciò anche Franco Basaglia che era sempre accanto a noi, anche se lo vedevo solo io.

-Grazie!- sussurrò. –Grazie.

Dal finestrino la vidi percorrere la pensilina e scendere le scale del sottopassaggio della stazione. Sospirai, chiusi gli occhi per qualche istante. Quando li riaprii,Basaglia era sparito. Ora che ci penso, non riesco a ricordare in quale città scese la signora. Senz’altro in una dove i centri di salute mentale e i servizi psichiatrici degli ospedali hanno le porte chiuse. Ricordo solo che riaprii il libro. Avevo lasciato il segnalibro alla fiaba di Hansel e Gretel. Rilessi il finale, quello che mi piaceva tanto e che non facevo altro che ripetere a tutti coloro, che volevano conoscere cosa intendessi per potenza delle fiabe.

“Hansel e Gretel entrarono nella casa della strega e dappertutto c’erano forzieri pieni di perle e di pietre preziose. -Sono molto meglio dei sassolini!- disse Hansel, e mise in tasca tutto quel che poté entrarci; e Gretel disse: -Anch’io voglio portarne a casa un po’.- E si riempì il grembiulino… e così finirono tutti i guai… la matrigna era morta… e Hansel e Gretel e il padre, a cui avevano regalato tutti i tesori, vissero felici e contenti.”

Che bel finale, pensai.

I tesori mancavano ai genitori che avevano abbandonato Hansel e Gretel. Non a Hansel e Gretel, che erano stati abbandonati. Per questo motivo i bambini della fiaba non li tenevano per sé, ma li regalavano al padre.

-Speriamo che quella ragazza capisca che non era a lei che mancava la bellezza e il profumo, ma al suo Narciso che non aveva abbastanza tesori dentro di sé per riconoscere quelli di lei.- dissi a me stessa.

E fu mentre ripensavo alla ragazza che parlava di Star Wars, che a un tratto mi venne in mente che non avevo chiesto il nome alla signora. Né il suo, né quello di sua figlia. Provai dispiacere e vergogna. Ma il treno aveva ripreso la sua corsa nel buio della sera.

Continuai a leggere.

6 gennaio 2017

(fine)

vedi tutti

Leggi Tutto

Fonte forumsalutementale.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

C’è bisogno di intellettuali riluttanti

Commenti disabilitati su C’è bisogno di intellettuali riluttanti

Cagliari e Sassari verso la Conferenza Nazionale per la Salute Mentale

Commenti disabilitati su Cagliari e Sassari verso la Conferenza Nazionale per la Salute Mentale

L’evidenza della pratica

Commenti disabilitati su L’evidenza della pratica

“Trieste è una città senza manicomi da quasi 50 anni”, intervista a Roberto Mezzina

Commenti disabilitati su “Trieste è una città senza manicomi da quasi 50 anni”, intervista a Roberto Mezzina

Le ragioni del Ddl. I diritti valore assoluto

Commenti disabilitati su Le ragioni del Ddl. I diritti valore assoluto

Libertà/cura: il paradosso dell’epoca della pandemia. E io il virus me lo sono presa

Commenti disabilitati su Libertà/cura: il paradosso dell’epoca della pandemia. E io il virus me lo sono presa

Un insolito invito a pranzo a Rebibbia

Commenti disabilitati su Un insolito invito a pranzo a Rebibbia

La realtà non è per tutti. Voci dalla legge Basaglia quarant’anni dopo

Commenti disabilitati su La realtà non è per tutti. Voci dalla legge Basaglia quarant’anni dopo

L’inclusione sociale e la promozione delle comunità

Commenti disabilitati su L’inclusione sociale e la promozione delle comunità

Collana 180. Archivio critico della salute mentale – Restituire la soggettività

Commenti disabilitati su Collana 180. Archivio critico della salute mentale – Restituire la soggettività

Ulss 2: Emergenza personale per i servizi di Psichiatria e Psicologia

Commenti disabilitati su Ulss 2: Emergenza personale per i servizi di Psichiatria e Psicologia

Non sono tutte rose e fiori

Commenti disabilitati su Non sono tutte rose e fiori

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti