Toccafondi (Italia Viva): “Eliminare il bonus merito non è giusto”

 Premiare il merito a scuola non solo è giusto, ma anche necessario se vogliamo far fare alla nostra istituzione un salto di qualità e quindi aiutare i nostri ragazzi ad avere una formazione al passo con i tempi. Ma si deve fare con proposte serie e realizzabili non con uscite estemporanee come la tassa delle bibite gassate che forse è suggestiva ma assai complicata da mettere in atto” così il deputato di Italia Viva, Gabriele Toccafondi, già sottotosegretario alla Pubblica Istruzione nei governi di Centrosinistra.

“Non dobbiamo mai dimenticare – spiega Toccafondi – che la scuola è fatta per i ragazzi e le nuove risorse che saranno destinate alla scuola dovranno migliorare la qualità dell’istruzione, la formazione e la selezione degli insegnanti, gli strumenti e le strutture, l’innovazione della didattica. Tutto deve migliorare la qualità della scuola perché così aiutiamo i ragazzi”.

“È facile dire: più soldi per tutti, ma non è semplice trovare le risorse necessarie- aggiunge Toccafondi – . E certo non serviranno proposte non studiate a fondo e utili più a cercarsi un titolo sui media che non a trovare soluzioni strutturali. Perché se è vero che occorre lavorare seriamente per aumentare la busta paga dei nostri insegnanti, come ad esempio fece il governo Renzi, è anche vero che c’è da fare attenzione alle proposte “fai da te” di tassare il chinotto, la crostata, o il volo low cost”.

“Il fondo per il merito di 200 milioni, che era stato creato nella riforma della scuola – spiega il deputato di Italia Viva – , certamente è da cambiare, migliorare, modificare soprattutto nella commissione che ne decide la ripartizione, ma non è da eliminare. Perché non è utile, proprio per la qualità della scuola fatta per i ragazzi, eliminare lo strumento e spalmarlo indistintamente su tutti i docenti. E non è giusto”

“Non è utile e non è giusto – dice Toccafondi – per due motivi. Il primo “culturale”, chi frequenta una scuola vede che i docenti non sono uguali, ci sono quelli che al suono della campanella sono pronti ad uscire e quelli che chiudono la scuola a sera tardi, c’è chi fa la lezione e chi anche sportelli, progetti, iniziative, alternanza, visite… e lo fa per la crescita dei ragazzi. Tutte e due le categorie ricevono la stessa cifra. È giusto? Il secondo motivo è “pratico”. Un milione di docenti senza il “bonus merito” che adesso dopo i tagli degli ultimi mesi è di circa 150 milioni, si troverebbe in busta paga i soldi per un caffè alla settimana. Una cifra così esigua che risulterebbe offensiva per la professionalità e l’impegno di molti nostri docenti”.

“E’ per questi motivi – conclude Toccafondi – che spero che le proposte che andremo a discutere siano all’altezza della missione della scuola che è fatta, ricordiamocelo, per la crescita dei ragazzi”.

L’articolo Toccafondi (Italia Viva): “Eliminare il bonus merito non è giusto” sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Campionati Mondiali Studenteschi ISF e Gymnasiadi 2020, Ministero: no partecipazione finali all’estero

Commenti disabilitati su Campionati Mondiali Studenteschi ISF e Gymnasiadi 2020, Ministero: no partecipazione finali all’estero

A quando il rinnovo del contratto? Lettera

Commenti disabilitati su A quando il rinnovo del contratto? Lettera

Gallo (M5S), i salari dei docenti non saranno regionalizzati, no a reclutamenti regionali [INTERVISTA]

Commenti disabilitati su Gallo (M5S), i salari dei docenti non saranno regionalizzati, no a reclutamenti regionali [INTERVISTA]

Immissioni in ruolo, i 24mila docenti del concorso straordinario assunti in tre anni. O forse di più

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo, i 24mila docenti del concorso straordinario assunti in tre anni. O forse di più

Favara, devastata scuola appena terminata. Vicesindaco: Ripuliremo tutto

Commenti disabilitati su Favara, devastata scuola appena terminata. Vicesindaco: Ripuliremo tutto

Decreto scuola, Azzolina (M5S): sarà migliorato, illustrerò i nuovi punti

Commenti disabilitati su Decreto scuola, Azzolina (M5S): sarà migliorato, illustrerò i nuovi punti

Niente cellulare a scuola, studenti lo controllano anche 70 volte al giorno. Divieto entra nel Regolamento di Istituto

Commenti disabilitati su Niente cellulare a scuola, studenti lo controllano anche 70 volte al giorno. Divieto entra nel Regolamento di Istituto

Diplomati magistrale. Per anni siamo stati relegati in terza fascia d’istituto, quella dei non abilitati. Lettera

Commenti disabilitati su Diplomati magistrale. Per anni siamo stati relegati in terza fascia d’istituto, quella dei non abilitati. Lettera

Fratoianni (Leu): per ripartire a settembre è necessario un piano straordinario per l’assunzione dei precari

Commenti disabilitati su Fratoianni (Leu): per ripartire a settembre è necessario un piano straordinario per l’assunzione dei precari

Marche, 100 presidi a corsi formazione: ci sarebbe un positivo al Coronavirus

Commenti disabilitati su Marche, 100 presidi a corsi formazione: ci sarebbe un positivo al Coronavirus

Pensioni, precari con 40 anni rischiano 400 euro. Ai più giovani ancora peggio

Commenti disabilitati su Pensioni, precari con 40 anni rischiano 400 euro. Ai più giovani ancora peggio

Lettera aperta DiSAL sui problemi dirigenza scolastica

Commenti disabilitati su Lettera aperta DiSAL sui problemi dirigenza scolastica

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti