TFA specializzazione sostegno: no ingressi idonei in soprannumero. Con il concorso per laureati nuovo sistema

Il numero di posti messi a bando, ha detto il Sottosegretario che ha risposto ad una interrogazione parlamentare dell’On Pannarale, è stato deciso in base alle capacità dell’offerta formativa di ogni Università.

“Il gruppo di lavoro – ha affermato Toccafondi – ha attivato una nuova strategia di attivazione per i corsi corsi con la quale è stato determinato a monte il numero dei posti disponibili, successivamente ripartito con appositi decreti tra le università dopo aver recepito la potenzialità dell’offerta formativa di ciascuna di esse, in ragione dell’effettiva capacità di erogazione dei corsi”.

I posti messi a bando per il TFA sostegno sono stati, quindi, 9.949, corrispondenti alla capacità massima dell’accoglienza delle Univerisità.”

“Con questo  numero – ha continuato il Sottosegretario – riusciremo a coprire i 10mila e 11 posti vacanti in organico di diritto nell’anno 2017/18. La carenza dipende anche dal fatto che molti docenti di sostegno durante le assunzioni hanno scelto la cattedra.”

Infine, conclude Toccafondi, a breve si avvierà il nuovo sistema di reclutamento dei docenti di sostegno che partirà dal concorso al quale potranno partecipare anche i neolaureati.

L’articolo TFA specializzazione sostegno: no ingressi idonei in soprannumero. Con il concorso per laureati nuovo sistema sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Sostegno – Handicap – Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti