Terapia del dolore, dagli oppiacei all’agopuntura: i trattamenti per alleviare la sofferenza dei pazienti

Terapia del dolore, dagli oppiacei all’agopuntura: i trattamenti per alleviare la sofferenza dei pazienti

Commenti disabilitati su Terapia del dolore, dagli oppiacei all’agopuntura: i trattamenti per alleviare la sofferenza dei pazienti

Diciannove arresti in tutta Italia per corruzione sui farmaci per la terapia del dolore, con “sperimentazioni cliniche su pazienti ignari”. Ma che cos’è questa particolare terapia? Come sottolinea la International association for the study of pain (Iasp), “il dolore è un’esperienza individuale e soggettiva”. In quanto tale, quindi, secondo gli esperti per contrastarlo “non esiste una metodologia valida in assoluto, ed efficace per tutti”.

Con l’espressione terapia del dolore si fa in genere riferimento a quei “trattamenti finalizzati a lenire o bloccare la progressione dello stimolo doloroso” in malati colpiti da patologie particolarmente invalidanti, come ad esempio i pazienti oncologici. Può essere basata su terapie di natura farmacologica – come quelle oggetto dell’inchiesta che ha portato agli arresti da parte dei Nas di Parma -, o di natura differente rispetto ai farmaci tradizionali. In quest’ultimo caso, secondo quanto indicato dal ministero della Salute, “la terapia comprende molti tipi d’intervento, diversi tra loro, ad esempio metodi psicologici e fisici, come l’agopuntura o la fisioterapia. Si tratta d’interventi che attivano i meccanismi nervosi centrali e/o periferici che inibiscono la progressione dello stimolo doloroso. Oppure – aggiungono gli esperti -, di trattamenti che agiscono su altri sistemi sensitivi, che bloccano la trasmissione di questi stimoli dolorosi”.

All’inizio dell’anno, con l’entrata in vigore dei nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea), sono state “ampliate gratuitamente le garanzie per la terapia del dolore”. La maggior parte degli interventi è di natura farmacologica. Secondo il ministero della Salute, “attualmente i farmaci indicati nella gestione del dolore appartengono alle seguenti categorie: analgesici non narcotici, analgesici narcotici, adiuvanti e anestetici locali”.

Tra i più adoperati vi sono i medicinali analgesici oppiacei (elencati in un’apposita tabella del ministero della Salute). “Diversi studi di farmacocinetica – si legge sul sito del ministero – hanno puntualizzato indicazioni e limiti di questi farmaci: l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha, ad esempio, stabilito una scala graduata d’interventi in base alle caratteristiche e all’entità del dolore”. L’efficacia della terapia del dolore è, infatti, strettamente legata all’individuo, alle sue condizioni generali di salute, alla sua età, e alla sua capacità di tollerare un determinato tipo di farmaco.

L’articolo Terapia del dolore, dagli oppiacei all’agopuntura: i trattamenti per alleviare la sofferenza dei pazienti proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

Davide Patitucci

Related Posts

Alzheimer, “rischio tsunami neurologico, se non si adottano politiche adeguate”. Appello degli scienziati ai leader del G7

Commenti disabilitati su Alzheimer, “rischio tsunami neurologico, se non si adottano politiche adeguate”. Appello degli scienziati ai leader del G7

Babbo Natale, “il mistero svelato dalla teoria della Relatività di Einstein”

Commenti disabilitati su Babbo Natale, “il mistero svelato dalla teoria della Relatività di Einstein”

Isis, elaborato un modello matematico per individuare i terroristi online

Commenti disabilitati su Isis, elaborato un modello matematico per individuare i terroristi online

Miele, il 75% contaminato da pesticidi della famiglia dei ”neonicotinoidi”

Commenti disabilitati su Miele, il 75% contaminato da pesticidi della famiglia dei ”neonicotinoidi”

Lo squalo della Groenlandia: può superare i 400 anni. E’ il vertebrato più longevo

Commenti disabilitati su Lo squalo della Groenlandia: può superare i 400 anni. E’ il vertebrato più longevo

Trapianto midollo, “azzerata mortalità bambini con immunodeficienze primitive” grazie a nuova sperimentazione salvavita

Commenti disabilitati su Trapianto midollo, “azzerata mortalità bambini con immunodeficienze primitive” grazie a nuova sperimentazione salvavita

Buchi neri, Stephen Hawking aveva ragione: possono perdere radiazioni

Commenti disabilitati su Buchi neri, Stephen Hawking aveva ragione: possono perdere radiazioni

Infarto, studiare ne riduce di un terzo la probabilità. E la voglia di apprendere è ereditaria

Commenti disabilitati su Infarto, studiare ne riduce di un terzo la probabilità. E la voglia di apprendere è ereditaria

Umberto Veronesi morto, dalla quadrantectomia alla radioterapia intra-operatoria

Commenti disabilitati su Umberto Veronesi morto, dalla quadrantectomia alla radioterapia intra-operatoria

Cancro, studio italiano: “Ecco come le cellule tumorali bypassano le difese immunitarie”

Commenti disabilitati su Cancro, studio italiano: “Ecco come le cellule tumorali bypassano le difese immunitarie”

Retinite pigmentosa, con tecnica taglia-incolla del Dna salvati topi dalla cecità

Commenti disabilitati su Retinite pigmentosa, con tecnica taglia-incolla del Dna salvati topi dalla cecità

Missione ExoMars, Esa conferma lo schianto: “Lander Schiaparelli è caduto sul suolo di Marte”

Commenti disabilitati su Missione ExoMars, Esa conferma lo schianto: “Lander Schiaparelli è caduto sul suolo di Marte”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti