Sul mettere a tacere

tacere[Illustration by Lucy Jones]

Di Silva Bon

Voglio denunciare la burocrazia, che con le sue regole, spesso interpretate in modo restrittivo, frena, e a volte impedisce, il lavoro di chi s’impegna con buona volontà a fianco delle persone con esperienza di sofferenza mentale. Questo ostacolo è macroscopico nella gestione delle Associazioni del Terzo Settore, che operano con Convenzioni stipulate con i Dipartimenti di salute mentale. A volte sembra che l’impatto burocratico sommerga le possibilità di resistenza di chi sta vicino alle persone, in modo altamente collaborativo e creativo.

Sembra addirittura, viene il sospetto, che il Moloch della burocrazia sia stato creato non ingenuamente, per fiaccare l’operatività, demotivarla, metterla in sordina. Dunque, snellire le pratiche e i loro cavilli è una domanda forte, che viene dalla base.

Ascoltare e prendere in seria considerazione tutte le richieste di aiuto, implica non metterle a tacere. Silenziare le voci, impedire la parola, hanno conseguenze devastanti, così per i gruppi sociali come per le singole persone.

Anche a me è capitato, come a molte altre donne, soprattutto in giovane età, di sentirmi dire di stare zitta.

Sono stata messa a tacere troppe volte, e alla fine non ho più parlato. Parlavo solo sul posto di lavoro, a scuola, ma non con i colleghi, bensì solo in classe, dove tenevo lezione per quattro, cinque ore filate, ai miei studenti.

Relazioni sbilanciate, tutte. Così in casa, dove comandava allora mio marito in modo categorico e a volte minaccioso. Così a scuola, perché i colleghi mi intimidivano; e con gli studenti, i rapporti erano formali, anche se tenevo sempre un comportamento di massimo rispetto nei loro confronti.

Mai relazioni orizzontali, mai relazioni alla pari. Avevo paura di tutto e di tutti. Arrossivo e soffrivo in silenzio. Mi maceravo nelle mie difficoltà, sola, isolata, umiliata, derisa, del tutto trasparente. Nessuno, vicino a me, ha alzato una mano per aiutarmi; eppure vivevo in famiglia, senza amicizie e con poche conoscenze.

È arrivato un momento in cui veramente facevo fatica a concentrarmi, leggere mi era difficile, la memoria era debole. Stavo veramente molto male.

L’esperienza al Centro di salute mentale di Barcola di Trieste è stata per me fondamentale. Lentamente, molto lentamente, ho iniziato un percorso di ricostruzione come persona, come donna. Attraverso tante cadute, tanti traumi, tante sofferenze, sono riuscita, un po’ alla volta, a liberarmi, a darmi coraggio, a sentirmi un po’ più sicura, a evitare continui imbarazzi e difficoltà.

Mettere a tacere è un’operazione subdola, che può provocare danni irreversibili.

Dare la parola è un atto creativo, di messa al mondo della persona.

Leggi Tutto

Fonte forumsalutementale.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Inaugurato il Centro salute mentale di Portogruaro dopo il restauro

Commenti disabilitati su Inaugurato il Centro salute mentale di Portogruaro dopo il restauro

Annuario SOUQ 2019: Istituzioni e conflitti

Commenti disabilitati su Annuario SOUQ 2019: Istituzioni e conflitti

Non psichiatrizzare il disagio sociale, inventare nuove forme di welfare

Commenti disabilitati su Non psichiatrizzare il disagio sociale, inventare nuove forme di welfare

Franco Basaglia. La nuova edizione della biografia a cura di Mario Colucci e Pierangelo Di Vittorio

Commenti disabilitati su Franco Basaglia. La nuova edizione della biografia a cura di Mario Colucci e Pierangelo Di Vittorio

Collana 180. Archivio critico della salute mentale – All’ombra dei ciliegi giapponesi. Gorizia 1961

Commenti disabilitati su Collana 180. Archivio critico della salute mentale – All’ombra dei ciliegi giapponesi. Gorizia 1961

La fatica di mettersi in gioco

Commenti disabilitati su La fatica di mettersi in gioco

Contenzione. Incontro con il Ministro Speranza

Commenti disabilitati su Contenzione. Incontro con il Ministro Speranza

Dove ci portate? Wohin bringt ihr uns? Kam nas peljete?

Commenti disabilitati su Dove ci portate? Wohin bringt ihr uns? Kam nas peljete?

Aldo Moro era stato rapito. 58 giorni dopo la 180.

Commenti disabilitati su Aldo Moro era stato rapito. 58 giorni dopo la 180.

40#180Diritti, Libertà, Servizi per la Salute Mentale. Roma 11 e 12 maggio 2018. Grande partecipazione all’incontro nazionale

Commenti disabilitati su 40#180Diritti, Libertà, Servizi per la Salute Mentale. Roma 11 e 12 maggio 2018. Grande partecipazione all’incontro nazionale

Non posso non pensare all’organizzazione che cura

Commenti disabilitati su Non posso non pensare all’organizzazione che cura

La scuola degli spiazzi. La città che cura

Commenti disabilitati su La scuola degli spiazzi. La città che cura

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti