Sui fatti di Trieste ho qualcosa da dire

vivianmaier

Di Allegra Carboni

Quanto accaduto nel pomeriggio di venerdì 4 ottobre a Trieste è una tragedia. La morte di due giovani uomini, che indossino o meno la divisa, è una notizia drammatica, che dal punto di vista mediatico risulta ancora più impattante quando riguarda due poliziotti, che rappresentano lo Stato e sono morti, come si dice in questi casi, nell’adempimento del loro dovere. Il dolore che avvolge le famiglie e gli amici delle due vittime, Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, merita rispetto e vicinanza.

La narrazione e il racconto giornalistico di questi tragici eventi stimola però una riflessione. Tra le prime informazioni a circolare e a diffondersi come una macchia d’olio c’era quella riguardante i non meglio definiti disturbi psichici da cui sembrava essere affetto il giovane uomo che è riuscito ad impadronirsi della pistola e a fare fuoco contro i due poliziotti. La mattina seguente tutti i principali quotidiani nazionali e locali riportano, nella maggior parte dei casi senza nemmeno l’utilizzo del condizionale, la notizia delle difficoltà psichiche o del disagio psichico dell’assassino (Gianpaolo Sarti, che firma gli articoli usciti su La Repubblica, Il Piccolo, La Stampa e Il Messaggero; Francesco Dal Mas per Avvenire; l’autore dell’articolo uscito per il manifesto; Francesco Specchia e Simona Pletto per Libero), della psicolabilità del killer (Cristiana Mangani, Il gazzettino), dei problemi psichici o del “soggetto squilibrato” […], pare anche seguito da un centro di igiene mentale e di squilibrio psichico e instabilità mentale (Giusi Fasano e Andrea Pasqualetto, Il Corriere della Sera), delle turbe psichiche (Riccardo Pelliccetti, Il Giornale) che sembrava affliggessero Alejandro Augusto Stephan Meran.

Qual è la fonte che attesta il disturbo mentale dell’omicida? Durante la riflessione è accorsa in mio aiuto la proposta approvata nel corso di Impazzire si può (2011) e accolta dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e dalla Federazione Italiana della Stampa Italiana che, cogliendo l’appello dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a sostenere, anche con l’informazione, la lotta ai pregiudizi, allo stigma e all’esclusione sociale di cui tuttora sono vittime le persone con disturbo mentale, hanno elaborato un protocollo per trattare adeguatamente notizie concernenti cittadini con disturbo mentale e questioni legate alla salute mentale in generale, in base al criterio deontologico fondamentale del rispetto della verità sostanziale dei fatti osservati, contenuto nell’articolo 2 della Legge istitutiva dell’ordine. Qualcuno potrebbe osservare che tale documento si chiama proprio Carta di Trieste. Ciò è difficilmente attribuibile al volere del caso ed è sufficiente soffermarsi un attimo per comprendere che non si tratta di una banale coincidenza. Trieste, città protagonista della rivoluzione basagliana, ha sviluppato negli anni una visione critica e una cultura diversa riguardo al tema della salute mentale. È amaro constatare che coloro che hanno trattato la notizia, primi fra tutti alcuni giornalisti triestini, non hanno dimostrato la cura e l’attenzione che i delicati fatti richiedevano nell’essere maneggiati. La Carta di Trieste suggerisce al cronista di porsi alcune semplici domande: è rilevante ai fini della completezza dell’informazione precisare che il cittadino in questione ha un disturbo mentale? Se nella notizia è rilevante il peso del disturbo mentale, nell’articolo sono riportate le opinioni e i commenti di un operatore esperto della salute mentale o di una associazione di persone con disturbo mentale e loro familiari? Solo per citarne alcune. Viene inoltre sottolineata, per esempio, l’importanza di utilizzare termini giuridici pertinenti e non allusivi a luoghi comuni nel caso un cittadino con disturbo mentale si sia reso autore di un reato, tenendo presente che è una persona come le altre di fronte alla legge.

Dalla lettura dei pezzi prodotti dai giornalisti sopraccitati emerge, ancora una volta, la corrispondenza fra malattia mentale e pericolosità. O, peggio, la necessità di iscrivere chiunque commetta un atto violento fra i malati psichiatrici.

Quali sono gli effetti che le parole utilizzate sortiscono sul lettore comune? E sulle persone che vivono l’esperienza del disturbo mentale?

E pensare che quelle che sono state presentate dai giornali come solide verità sono in realtà semplici ipotesi che verranno probabilmente presto accantonate: nell’ordinanza del gip Massimo Tomassini si legge che non vi è nessuna traccia documentale di disturbi psichici. Alejandro Augusto Stephan Meran non era mai stato in cura presso i servizi di salute mentale.

Ma non esiste antidoto, e ormai il danno è fatto.

Leggi Tutto

Fonte forumsalutementale.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Documenti e materiali della Conferenza nazionale

Commenti disabilitati su Documenti e materiali della Conferenza nazionale

13 maggio. Basaglia e l’umano in generale

Commenti disabilitati su 13 maggio. Basaglia e l’umano in generale

Conflitti di interesse e salute. Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico

Commenti disabilitati su Conflitti di interesse e salute. Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico

Cantiere salute mentale 12. Quel particolare modo di stare al mondo e di vivere le relazioni

Commenti disabilitati su Cantiere salute mentale 12. Quel particolare modo di stare al mondo e di vivere le relazioni

Progetti singolari per le donne e gli uomini che invecchiano

Commenti disabilitati su Progetti singolari per le donne e gli uomini che invecchiano

Gli intravisti. Storie dagli Ospedali psichiatrici giudiziari

Commenti disabilitati su Gli intravisti. Storie dagli Ospedali psichiatrici giudiziari

Promuoviamo insieme la salute mentale di comunità

Commenti disabilitati su Promuoviamo insieme la salute mentale di comunità

Dopo il Convegno di Zugliano

Commenti disabilitati su Dopo il Convegno di Zugliano

Il fantasma del manicomio Perché, a quarant’anni dalla sua approvazione, la legge Basaglia è ancora un modello legislativo.

Commenti disabilitati su Il fantasma del manicomio Perché, a quarant’anni dalla sua approvazione, la legge Basaglia è ancora un modello legislativo.

Si disse e si dice “morte per Tso”

Commenti disabilitati su Si disse e si dice “morte per Tso”

Ci salverà solo la giustizia sociale

Commenti disabilitati su Ci salverà solo la giustizia sociale

Cosa ci aspettiamo dai “soggetti schizofrenici”

Commenti disabilitati su Cosa ci aspettiamo dai “soggetti schizofrenici”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti