Studio Usa: “Cecità temporanea se si usa smartphone al buio con un occhio solo”

Studio Usa: “Cecità temporanea se si usa smartphone al buio con un occhio solo”

Commenti disabilitati su Studio Usa: “Cecità temporanea se si usa smartphone al buio con un occhio solo”

Ciechi per qualche minuto a causa dello smartphone. Secondo un studio pubblicato sul prestigioso New England Journal of Medicine, usare lo smartphone al buio mentre si è a letto può causare episodi di cecità temporanea che possono durare fino a 15 minuti. La ricerca pubblicata sulla rivista scientifica americana ha preso le mosse dai casi di due pazienti donne, una di 22 l’altra di 40 anni, che hanno lamentato la perdita temporanea della vista a più riprese, la cui causa non era stata svelata nonostante vari esami neurologici.

A svelare l’arcano è stato Gordon Plant, del Moorfield’s Eye Hospital di Londra. “Ho solo chiesto che cosa stessero facendo quando è successo”, ricorda l’oftalmologo. In entrambi i casi le donne normalmente guardavano il loro smartphone con solo un occhio quando erano a letto, mentre l’altro era coperto dal cuscino. “Quindi uno era adattato alla luce perché stava guardando lo schermo, e l’altro era adattato al buio”.

Una volta messo via il dispositivo, in entrambi i casi l’occhio che non riusciva a vedere era quello che guardava lo smartphone. “Questo perché l’occhio ha impiegato diversi minuti prima di ‘raggiungere’ l’altro nell’adattamento all’oscurità”, spiega Plant. “Questo tipo di cecità – rassicura – non è pericolosa, e può essere evitata utilizzando sempre entrambi gli occhi”.

The post Studio Usa: “Cecità temporanea se si usa smartphone al buio con un occhio solo” appeared first on Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Tabby’s Star, da stella della Via Lattea a star dei social: la Nasa risolve il mistero delle “infrastrutture aliene”

Commenti disabilitati su Tabby’s Star, da stella della Via Lattea a star dei social: la Nasa risolve il mistero delle “infrastrutture aliene”

Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Commenti disabilitati su Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Cancro, Oms: “Tumori infantili +13% rispetto agli anni ‘80”. Tra ragioni diagnosi più precoci e predisposizione

Commenti disabilitati su Cancro, Oms: “Tumori infantili +13% rispetto agli anni ‘80”. Tra ragioni diagnosi più precoci e predisposizione

Sonda spaziale Juno, è entrata nell’orbita di Giove. “È stata la cosa più difficile che la Nasa abbia mai fatto”

Commenti disabilitati su Sonda spaziale Juno, è entrata nell’orbita di Giove. “È stata la cosa più difficile che la Nasa abbia mai fatto”

Esplosioni sulla superficie del Sole. Energia equivalente a 10 milioni di bombe atomiche: le immagini NASA

Commenti disabilitati su Esplosioni sulla superficie del Sole. Energia equivalente a 10 milioni di bombe atomiche: le immagini NASA

Scie chimiche, gli scienziati dell’Università della California: “Una bufala”

Commenti disabilitati su Scie chimiche, gli scienziati dell’Università della California: “Una bufala”

“Il cervello delle persone diventate cieche può resettarsi e imparare di nuovo a vedere”

Commenti disabilitati su “Il cervello delle persone diventate cieche può resettarsi e imparare di nuovo a vedere”

Via Lattea, scoperto un fossile cosmico. Le stelle più antiche mai viste

Commenti disabilitati su Via Lattea, scoperto un fossile cosmico. Le stelle più antiche mai viste

Cancro prostata, scoperto ruolo “gene Angelina Jolie” del tumore al seno: “Via verso terapie mirate”

Commenti disabilitati su Cancro prostata, scoperto ruolo “gene Angelina Jolie” del tumore al seno: “Via verso terapie mirate”

Latte materno, effetto microbiota: così si crea una coperta-scudo che protegge il neonato

Commenti disabilitati su Latte materno, effetto microbiota: così si crea una coperta-scudo che protegge il neonato

Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore

Commenti disabilitati su Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore

Alzheimer, scoperto enzima custode dei ricordi. “La sua presenza ostacola la formazione di grovigli proteici tossici”

Commenti disabilitati su Alzheimer, scoperto enzima custode dei ricordi. “La sua presenza ostacola la formazione di grovigli proteici tossici”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti