Sostegno, interrogazione alla Fedeli per far partecipare idonei TFA III ciclo ai corsi di specializzazione

Il Ministro Fedeli ha affermato che il Governo ha fatto il possibile per superare la predetta criticità, come testimonia l’attivazione del III ciclo TFA sostegno e il nuovo percorso di formazione previsto dal decreto legislativo n. 59/2017, e che la mancanza di docenti specializzati è dovuta anche al fatto che gli insegnanti appena hanno la possibilità passano su posto comune.

Pochi gli insegnanti di sostegno. Fedeli: appena hanno la possibilità passano al posto comune, ma specializzandi del III ciclo andranno subito in ruolo, ci sono 10.011 posti

Di diverso avviso, invece, il M5S secondo cui le problematiche relative al sostegno, in primis il numero eccessivo di supplenti. Così il il deputato Luigi Gallo:

Sono in 45000 i docenti precari che svolgono una attività di sostegno ai bambini e ragazzi disabili nella scuola. È una vergogna che non si dia sicurezza all’inclusione degli studenti disabili ed è una vergogna che un Paese come l’Italia, tra le prime economie del mondo, non sappia garantire e programmare la formazione dei docenti che sono necessari. Un peccato per un paese come il nostro che ha tanto da insegnare a tutte le altre nazioni del mondo sui temi dell’inclusione

Le colpe della situazione venutasi a creare, prosegue Gallo, sono da attribuire al Governo:

Sono settimane che insisto per avere una risposta del ministero ad un’apposita interrogazione, che in sostanza arriva nascosta dietro una confessione : questo governo è allo sbando sulla disabilità. È incapace di pretendere un percorso di formazione per il numero di docenti necessari . È un governo che non programma ma lascia programmare alle università private la vita dei bambini disabili di questa nazione. Abbiamo così, personale docente che deve improvvisarsi insegnante di sostegno senza avere formazione, e allo stesso tempo, tante persone competenti, con idoneità al percorso di formazione universitario, che non possono frequentare i corsi.

Nell’interrogazione i pentastellati chiedono alla Fedeli i criteri in base ai quali è stato determinato il contingente dei posti per il TFA III ciclo regione per regione e in che modo si possano fare specializzare gli idonei, anche in università diverse da quelle in cui hanno svolto le prove del tirocinio formativo attivo.

L’interrogazione: 

il tirocinio formativo attivo (TFA) per il sostegno è rivolto esclusivamente ai docenti che sono già in possesso dell’abilitazione all’insegnamento e che desiderano specializzarsi per il sostegno ad alunni con disabilità;

per accedere al percorso di specializzazione è necessario superare le prove d’accesso che consistono in test preliminari, ossia una prova scritta e/o pratica e una prova orale;

le prove scritte e/o pratiche sono organizzate dalle varie università e uguale criterio viene applicato per le prove orali;

al seguito del superamento di tali prove selettive, si accede al tirocinio formativo attivo per il sostegno che ha la durata di circa 8 mesi e prevede l’acquisizione di 60 crediti formativi universitari, distribuiti tra laboratori, tirocini diretti, indiretti e prova finale;

i posti da assegnare sono precisamente 9.649 che il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha distribuito per i vari gradi di istruzione e precisamente: infanzia: 1.692, primaria: 3.162, secondaria di I grado: 2.498, secondaria di II grado: 2.297;

a loro volta la distribuzione dei posti nelle università è divisa regione per regione in un’apposita tabella riassuntiva;

dalla tabella si evince che ad esempio per tutta la Campania i posti disponibili presso l’Università Suor Orsola Benincasa siano soltanto 800 (200 posti per l’infanzia, 250 per la scuola primaria, 150 per la secondaria di primo grado e 200 per la scuola secondaria di secondo grado) e in Piemonte, a fronte di 1.240 cattedre disponibili, sono stati banditi soltanto 200 posti;

da ciò si deduce chiaramente che in Piemonte oltre mille cattedre verranno assegnate a docenti non specializzati e/o abilitati all’insegnamento, comportando una forte carenza in termini di competenze e professionalità, oltre all’esclusione degli insegnanti che, pur avendo superato le prove preselettive, vengono scartati per l’esiguo numero di posti disponibili –:

con quali criteri il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca abbia stabilito il numero dei posti regione per regione;

in che modo si possa dare l’opportunità agli idonei di specializzarsi, anche in università diverse da quelle in cui hanno svolto le prove del tirocinio formativo attivo, per garantire a tutti gli studenti diversamente abili sul territorio nazionale l’insegnante di sostegno specializzato.

L’articolo Sostegno, interrogazione alla Fedeli per far partecipare idonei TFA III ciclo ai corsi di specializzazione sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Sostegno – Handicap – Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Informatica dalle elementari: docenti formati entro il 2022

Commenti disabilitati su Informatica dalle elementari: docenti formati entro il 2022

La dispersione scolastica: possibili strumenti orientativi e formativi

Commenti disabilitati su La dispersione scolastica: possibili strumenti orientativi e formativi

Concorso straordinario secondaria negato ai docenti delle paritarie, docenti di serie B. Lettera

Commenti disabilitati su Concorso straordinario secondaria negato ai docenti delle paritarie, docenti di serie B. Lettera

Supplenze Ata, mancano 200 collaboratori scolastici

Commenti disabilitati su Supplenze Ata, mancano 200 collaboratori scolastici

Coronavirus, nella didattica a distanza della scuola di infanzia non è il tempo del presenzialismo a tutti i costi. Lettera

Commenti disabilitati su Coronavirus, nella didattica a distanza della scuola di infanzia non è il tempo del presenzialismo a tutti i costi. Lettera

Regionalizzazione, Tassella: il 17 maggio scioperiamo, facciamo sentire la voce degli insegnanti

Commenti disabilitati su Regionalizzazione, Tassella: il 17 maggio scioperiamo, facciamo sentire la voce degli insegnanti

Specializzati con laurea e 24 CFU, inserimento nelle graduatorie di istituto? I nodi

Commenti disabilitati su Specializzati con laurea e 24 CFU, inserimento nelle graduatorie di istituto? I nodi

Mobilità, blocco quinquennale decreto scuola e CCNI. Se ne parlerà il 5 marzo?

Commenti disabilitati su Mobilità, blocco quinquennale decreto scuola e CCNI. Se ne parlerà il 5 marzo?

Concorso scuola secondaria: fino a quando sarà possibile acquisire i 24 CFU

Commenti disabilitati su Concorso scuola secondaria: fino a quando sarà possibile acquisire i 24 CFU

Aspettativa per superare un periodo di prova: la durata è limitata ad un anno scolastico e non è ripetibile [anche in caso di frazionamento]

Commenti disabilitati su Aspettativa per superare un periodo di prova: la durata è limitata ad un anno scolastico e non è ripetibile [anche in caso di frazionamento]

Carico di lavoro eccessivo? Si può avere un risarcimento danni

Commenti disabilitati su Carico di lavoro eccessivo? Si può avere un risarcimento danni

Svuotare le graduatorie con immissioni in ruolo sui posti di Quota 100

Commenti disabilitati su Svuotare le graduatorie con immissioni in ruolo sui posti di Quota 100

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti