Situazione “sfidante”, nuovo lessico nella “scuola – azienda”! Lettera

Lettera

Ci siamo guardati e abbiamo sorriso. La didattica evolve negli anni facendo variare “parole chiave” che si usano per le relazioni. Un tempo andavano di moda le “verifiche formative”, “il sapere e il sapere fare”, poi persino il “saper essere” e sono certo nessuno abbia mai capito bene cosa significhi.

Abbiamo programmato per molte ore in questi giorni, definendo persino strategie di accoglienza comuni. La “scuola – azienda” di cui si parlava tempo fa, sembrava essere impossibile da realizzare, eppure ora in tutte le classi del medesimo Comprensivo si usano stili e strategie comuni, come si fa in alcune catene di grandi magazzini diffuse su tutto il territorio nazionale.

Sembra che anche negli Istituti scolastici pubblici la domanda e l’offerta si debbano incontrare per un mercato della cultura vantaggioso, come in tutti gli altri settori economici.

Mi chiedo, però, di quale domanda si tratti. Quella dei genitori che vogliono che i figli siano promossi con voti alti, indipendentemente dai traguardi raggiunti? Quella dei ragazzi che chiedono che sia realizzato il loro personale progetto di vita? Quella dell’amministrazione avida di fondi europei per la sussistenza?

Non si capisce bene l’obiettivo da raggiungere.

Personalmente, rimpiango la scuola seria e rigorosa che garantiva la promozione solo se si erano raggiunti i traguardi minimi stabiliti. Essere severi non significa calpestare la dignità della persona e nemmeno non rispettare le differenze; significa piuttosto insegnare agli alunni a trovare con sforzo la propria strada per capire quali sono i loro punti di forza da incrementare e da valorizzare.

La scuola non può e non deve cedere ai ricatti delle famiglie, e nemmeno ai buonismi che vogliono che tutti gli alunni siano sempre sorridenti e soddisfatti. È giusto che si pianga per una delusione avuta per una verifica andata male, è giusto che si gioisca per i progressi compiuti che devono essere opportunamente valorizzati dagli insegnanti.

I ragazzini predisposti per il calcio, per esempio, apprezzano i mister severi e le società calcistiche selettive. Provano, infatti, un’immensa soddisfazione nel compiere degli sforzi per raggiungere i risultati sperati. “Educare” significa condurre e, talvolta, la strada può essere impervia.

Tornando alle “situazioni sfidanti”, che sono occasioni di apprendimento progettate ad hoc dai team di lavoro, credo che questa finzione non sempre giovi alla crescita degli alunni. La scuola dovrebbe essere una continua sfida reale degli studenti che vogliono con sforzo costruire le personcine di cui la società ha bisogno. A furia di simulare la realtà per anni, mi sembra che abbiamo creato un po’ di confusione e diffuso il malsano messaggio che tutti possono fare tutto, persino i Ministri, senza una preparazione opportuna.

Essere severi non significa essere cinici, essere rigorosi non significa essere poco inclusivi, così come essere apprezzati dalle famiglie non significa essere bravi educatori e abbassare gli obiettivi di apprendimento non significa permettere a tutti di essere valorizzati. I ragazzi e la società hanno bisogno di una scuola seria e severa, ma nel contempo giusta e rispettosa delle differenze. Sia questa la situazione sfidante per tutti noi educatori. Buon anno a tutti.

L’articolo Situazione “sfidante”, nuovo lessico nella “scuola – azienda”! Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Rientro a scuola, Renzulli: la ministra Azzolina venga sostituita dalla maggioranza

Commenti disabilitati su Rientro a scuola, Renzulli: la ministra Azzolina venga sostituita dalla maggioranza

Il coronavirus e la disabilità: scarica un progetto per l’attivazione della DiP (Didattica in Presenza)

Commenti disabilitati su Il coronavirus e la disabilità: scarica un progetto per l’attivazione della DiP (Didattica in Presenza)

Contratto, FLGIL: No Minista, non ci sono condizioni per rinnovo. Aumento a tre cifre potrebbe dire anche 200 euro

Commenti disabilitati su Contratto, FLGIL: No Minista, non ci sono condizioni per rinnovo. Aumento a tre cifre potrebbe dire anche 200 euro

Graduatorie ATA 24 mesi, le provvisorie per ogni provincia. Inserita Lecce

Commenti disabilitati su Graduatorie ATA 24 mesi, le provvisorie per ogni provincia. Inserita Lecce

Riscatto laurea: si possono riscattare anni fuori corso invece di quelli in corso perchè post 1996?

Commenti disabilitati su Riscatto laurea: si possono riscattare anni fuori corso invece di quelli in corso perchè post 1996?

Riscatto laurea agevolato per anni fuoricorso post 1996: chiariamo come funziona

Commenti disabilitati su Riscatto laurea agevolato per anni fuoricorso post 1996: chiariamo come funziona

Ascani: docenti devono cambiare metodi didattica. Sì a tecnologia, ma cellulare ultimo strumento da utilizzare

Commenti disabilitati su Ascani: docenti devono cambiare metodi didattica. Sì a tecnologia, ma cellulare ultimo strumento da utilizzare

Il Piano per l’inclusione, il ruolo delle famiglie e l’attenzione alla diversità: scarica relazione, monitoraggio e questionario

Commenti disabilitati su Il Piano per l’inclusione, il ruolo delle famiglie e l’attenzione alla diversità: scarica relazione, monitoraggio e questionario

Comunicare con i “nativi digitali”, missione possibile? Quale contributo può dare la scuola

Commenti disabilitati su Comunicare con i “nativi digitali”, missione possibile? Quale contributo può dare la scuola

Educazione civica, riforma: voto autonomo, cosa si insegnerà, chi insegnerà. [VIDEO]

Commenti disabilitati su Educazione civica, riforma: voto autonomo, cosa si insegnerà, chi insegnerà. [VIDEO]

Posto liberato dopo il 31 agosto: va a supplenza o assegnazione provvisoria? Docenti vittime della lentezza delle operazioni

Commenti disabilitati su Posto liberato dopo il 31 agosto: va a supplenza o assegnazione provvisoria? Docenti vittime della lentezza delle operazioni

Regione Toscana mette risorse per aumentare ore di alternanza scuola lavoro

Commenti disabilitati su Regione Toscana mette risorse per aumentare ore di alternanza scuola lavoro

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti