“Sequestrate 136 piante di cannabis”, ma per i familiari è canapa industriale

Un nuovo sequestro ha colpito un impiegato incensurato di Casello in provincia di Torino, al quale i carabinieri hanno trovato 136 piante nel giardino di casa. La stampa locale aveva riferito la notizia spiegando che il 26enne è attualmente detenuto agli arresti domiciliari.

Secondo i familiari però, si tratterebbe di una varietà di canapa del tutto legale da coltivare. “In qualità di familiare, voglio segnalare l’assoluta falsità di quanto dichiarato, in quanto si tratta di piante di canapa ad uso industriale e non di marijuana”, ha spiegato Claudio Scalverano a torinoggi.it, aggiungendo che: “Le piante sequestrate dai carabinieri – prosegue Sclaverano – sono oggetto di analisi per attestare l’assenza del principio attivo illegale. I semi della piantagione sono stati acquistati regolarmente da AssoCanapa”.

Secondo il giornale i carabinieri hanno dichiarato che attendono di avere conferma che si tratti di marijuana o meno e precisano che il Pm ha disposto gli arresti domiciliari perché la persona non era in possesso della documentazione prevista. Siccome dall’inizio del 2017 non vige più l’obbligo di comunicare alle forze dell’ordine l’avvenuta semina di canapa, l’unica documentazione che il coltivatore avrebbe dovuto conservare sono i cartellini della semente acquistata e la fattura d’acquisto.

Redazione di canapaindustriale.it

 

Facebook Comments

Mario

Related Posts

Malattia di Lyme, Nature: “Dagli Usa si sta diffondendo in Europa a causa del clima che muta”

Commenti disabilitati su Malattia di Lyme, Nature: “Dagli Usa si sta diffondendo in Europa a causa del clima che muta”
Monza e Brianza: Educatore AES e servizio post-scuola Caponago, Cavenago, Busnago  http://dlvr.it/RFTtJg  <a href=#lavoro #lavorosociale #annuncilavoro" title="Monza e Brianza: Educatore AES e servizio post-scuola Caponago, Cavenago, Busnago http://dlvr.it/RFTtJg  #lavoro #lavorosociale #annuncilavoro"/>

Monza e Brianza: Educatore AES e servizio post-scuola Caponago, Cavenago, Busnago http://dlvr.it/RFTtJg  #lavoro #lavorosociale #annuncilavoro

Commenti disabilitati su Monza e Brianza: Educatore AES e servizio post-scuola Caponago, Cavenago, Busnago http://dlvr.it/RFTtJg  #lavoro #lavorosociale #annuncilavoro

Troppi smartphone e tablet: il «collo da tablet» è ormai un’epidemia

Commenti disabilitati su Troppi smartphone e tablet: il «collo da tablet» è ormai un’epidemia

Educazione digitale, i premi al progetto “Neoconnessi” dedicato a famiglie e scuole per l’uso responsabile di Internet

Commenti disabilitati su Educazione digitale, i premi al progetto “Neoconnessi” dedicato a famiglie e scuole per l’uso responsabile di Internet

Catania – Ombre sul Consiglio comunale

Commenti disabilitati su Catania – Ombre sul Consiglio comunale

La vita nelle condizioni estreme di Marte

Commenti disabilitati su La vita nelle condizioni estreme di Marte

“M’illumino di meno”, spegniamo le luci e pensiamo al futuro dell’ambiente

Commenti disabilitati su “M’illumino di meno”, spegniamo le luci e pensiamo al futuro dell’ambiente

Covid e bambini, sintomi: come distinguerli. Raffreddore o influenza?

Commenti disabilitati su Covid e bambini, sintomi: come distinguerli. Raffreddore o influenza?

Migranti, bentornata protezione umanitaria dopo la sentenza della Cassazione che boccia il decreto Salvini

Commenti disabilitati su Migranti, bentornata protezione umanitaria dopo la sentenza della Cassazione che boccia il decreto Salvini

Medici Senza Frontiere, “Cure mediche e chirurgiche nel cuore dei conflitti”

Commenti disabilitati su Medici Senza Frontiere, “Cure mediche e chirurgiche nel cuore dei conflitti”

Afghanistan, gli Hazara e la forma dei loro occhi che per talebani e daesh diventa una condanna

Commenti disabilitati su Afghanistan, gli Hazara e la forma dei loro occhi che per talebani e daesh diventa una condanna

Gli operatori umanitari: “Più leadership, trasparenza e imparzialità, questo è il futuro che vogliamo per le Nazioni Unite”

Commenti disabilitati su Gli operatori umanitari: “Più leadership, trasparenza e imparzialità, questo è il futuro che vogliamo per le Nazioni Unite”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti