Scuole di classe: ci sono perchè manca realismo. Lettera

Lettera

Se il ministero sentisse gli stakeholders tramite i processi di partecipazione digitale, ad esempio, già in uso da anni, riuscirebbe a proporre soluzioni migliori. Come mai esistono ancora scuole di classe? Iniziamo dalla geolocalizzazione.

Le scuole di classe A spesso si trovano in quartieri dove i costi delle case in affitto o acquisto sono inaccessibili all’operaio, come, molte volte allo straniero. Le scuole di classe B sono spesso collocate nelle periferie. Leggendo i RAV delle scuole di periferia, emerge come i contesti sono spesso definiti socialmente disagiati e spesso multiculturali, per cui si tende a privilegiare, giustamente, progetti e didattica inclusiva con conseguente poca attenzione per le eccellenze. Le eccellenze sono, ovviamente, equamente distribuite tra maschi, femmine, italiani e non, ricchi e poveri, ma, ad un certo punto, se l’eccellenza non viene coltivata, deperisce. I genitori che vedono nel proprio figlio un potenziale, scelgono quindi spesso di uscire dalla periferia e segnare il proprio figlio in una scuola di un altro quartiere giudicata più promettente. Una mini fuga di cervelli con conseguente concentrazione di talenti in poche scuole (classe A).

Come risolvere il problema? Prendiamo spunto da un case study d’eccellenza in Italia: il calcio. Nel calcio esiste una figura di talent scouting: l’osservatore sportivo. Il suo compito è ricercare le eccellenze e sa bene che, anche in una squadra scolastica in mezzo alle favelas, può esserci un Pelè. Una volta individuato il talento, però, va messo in “prima squadra”. Ecco: nelle nostre scuole mancano le prime squadre.

Nella classe multilivello, purtroppo, i talentuosi sono disincentivati all’impegno, potendo ottenere ottimi risultati con poco sforzo e non trovando spessi confronti stimolanti con i compagni. Tendono quindi a rapportarsi prevalentemente con il docente che, purtroppo, non ha modo di dedicargli tempo e attenzioni dovuti, dovendosi occupare dell’intera classe. Inoltre i talenti, sopratutto quelli che non hanno mezzi propri in famiglia, hanno bisogno di spazi attrezzati, sfide, materiali, contesti stimolanti, tempo dedicato, in breve di una didattica differenziata. Questo fatto è sotto gli occhi di tutti, genitori e insegnanti. Eppure c’è una forte resistenza a sperimentare classi di livello, come se fosse la consapevolezza del talento a generare disuguaglianza ed esclusione. Trovo questo approccio semplicistico e poco realistico. Ai miei figli insegno che il talento è anzitutto una responsabilità: per ogni persona con talento che nasce, ce ne sono dieci che hanno bisogno di essere aiutate grazie a quel talento. È quindi un dovere coltivarlo non per sè, ma per gli altri. Temo che finchè si ragionerà opponendo le categorie di eccellenza a quella di inclusione, continueranno ad esserci scuole “inclusive” (di serie B) ed “eccellenti” (di serie A).

L’articolo Scuole di classe: ci sono perchè manca realismo. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Graduatorie III fascia ATA: la valutazione del servizio comunale

Commenti disabilitati su Graduatorie III fascia ATA: la valutazione del servizio comunale

Graduatorie terza fascia ATA: valutazione titolo “figlio di profugo”

Commenti disabilitati su Graduatorie terza fascia ATA: valutazione titolo “figlio di profugo”

Fine anno didattico: il bimbetto dove lo metto

Commenti disabilitati su Fine anno didattico: il bimbetto dove lo metto

Le contraddizioni dell’insegnamento alle medie per un laureato in CTF. Lettera

Commenti disabilitati su Le contraddizioni dell’insegnamento alle medie per un laureato in CTF. Lettera

Assegno al nucleo familiare: mamma, papà o nonni?

Commenti disabilitati su Assegno al nucleo familiare: mamma, papà o nonni?

Ata, Flc Cgil: in Sicilia 500 posti in più in organico di fatto. Distribuzione per provincia

Commenti disabilitati su Ata, Flc Cgil: in Sicilia 500 posti in più in organico di fatto. Distribuzione per provincia

Vacca (M5S): approvata risoluzione per sostenere il sistema culturale italiano

Commenti disabilitati su Vacca (M5S): approvata risoluzione per sostenere il sistema culturale italiano

Toccafondi (Italia Viva): “Scuola e lavoro devono dialogare per il bene dei ragazzi. Altrimenti non daremo risposte alla disoccupazione giovanile”.

Commenti disabilitati su Toccafondi (Italia Viva): “Scuola e lavoro devono dialogare per il bene dei ragazzi. Altrimenti non daremo risposte alla disoccupazione giovanile”.

ATA, ore di straordinario vanno pagate. Sentenza

Commenti disabilitati su ATA, ore di straordinario vanno pagate. Sentenza

Coronavirus, alunni ammessi classe successiva: modalità e tempi eventuale recupero apprendimenti

Commenti disabilitati su Coronavirus, alunni ammessi classe successiva: modalità e tempi eventuale recupero apprendimenti

Graduatorie III fascia ATA: la valutazione di un attestato di dattilografia rilasciato da Ente accreditato

Commenti disabilitati su Graduatorie III fascia ATA: la valutazione di un attestato di dattilografia rilasciato da Ente accreditato

Concorso DSGA, prova preselettiva: simulazione collettiva. Come partecipare

Commenti disabilitati su Concorso DSGA, prova preselettiva: simulazione collettiva. Come partecipare

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti