Scuole chiuse per seggio elettorale: come utilizzare il personale ATA

SCUOLE SEDE DI SEGGIO ELETTORALE: UTILIZZAZIONE DEL PERSONALE

A) IN CASO DI CHIUSURA TOTALE DELLA SCUOLA

Nelle scuole sede di seggio le lezioni saranno sospese a causa della chiusura temporanea dei locali della sede di servizio, di conseguenza, i docenti e gli ATA non presteranno attività lavorativa

Tali circostanze sono equiparate a quelle disposte dalle autorità competenti per particolari motivi come, per esempio, nevicate, alluvioni, interventi di manutenzione straordinaria, ecc., che precludono al personale e agli allievi l’accesso ai locali: in tali occasioni le assenze, comprese quelle del personale ATA, sono pienamente legittimate e non devono essere “giustificate” e nemmeno essere oggetto di decurtazione economica. Ciò in quanto, l rapporto di lavoro del personale della scuola è di natura civilistica e obbligazionaria tra le parti che lo sottoscrivono.

Il principio giuridico di riferimento è statuito dall’art. 1256 del Codice civile, che recita: “L’obbligazione si estingue quando, per una causa non imputabile al debitore (nel nostro caso dipendente della scuola), la prestazione diventa impossibile. Se l’impossibilità è solo temporanea, il debitore, finché essa perdura, non è responsabile del ritardo dell’adempimento”.

I giorni di chiusura per causa di forza maggiore devono quindi essere assimilati a servizio effettivamente e regolarmente prestato, in quanto il dipendente non può prestare la propria attività per cause esterne e tale chiusura è “utile” a qualunque titolo: 180 giorni per l’anno di prova, proroga/conferma di una supplenza ecc.

B) IN CASO DI CHIUSURA TOTALE DI UNO O PIU’ PLESSI DELLA SCUOLA

Può accadere che solo uno o più plessi dell’istituzione scolastica siano individuati sede di seggio elettorale.

Nei plessi non individuati sede di seggio elettorale si dovrà svolgere normale attività didattica e dunque questi edifici dovranno necessariamente rimanere aperti: docenti e personale ATA assegnati a tali plessi dovranno recarsi a scuola regolarmente e secondo il proprio orario di servizio.

Nei plessi individuati sede di seggio elettorale ci troviamo nella fattispecie della chiusura dell’edificio, pertanto non vi sono obblighi di servizio.
a) Ricordiamo che l’O.M. 185/1995 (art. 3, comma 30, prevede che : “Gli insegnanti a disposizione per la temporanea chiusura dei locali della sede di servizio a causa di disinfestazione o di consultazione elettorale non sono da considerare in soprannumero e non possono essere pertanto utilizzati negli altri plessi del circolo o nelle sezioni staccate o scuole coordinate”.
b) Una eventuale disposizione da parte del Dirigente Scolastico, attraverso un ordine di servizio che preveda la prestazione lavorativa di ATA, originariamente assegnati ai plessi dove non si svolgono le elezioni, nel plesso o nei plessi in cui si svolge la normale attività didattica, può avvenire, in relazione a conclamate esigenze di servizio, ma sempre nell’ambito di quanto previsto dalla contrattazione di scuola, ai sensi dell’art. 6, comma 2, lettere h e m del CCNL/2007 ( flessibilità contrattata).

C) IN CASO DI SOSPENSIONE DELLE LEZIONI PER CHIUSURA PARZIALE DI UNO O PIU’ PLESSI DELLA SCUOLA

Può inoltre accadere che uno o più plessi siano utilizzati solo parzialmente, con sospensione dell’attività didattica ma con continuità delle altre attività della Scuola: in tale caso il personale ATA è obbligato a svolgere i proprio servizio secondo la normale programmazione.

Un nostro lettore ci chiede:

Sono un collaboratore scolastico in forza ad un plesso sede di seggio elettorale, i quesiti sono questi: le consultazioni elettorali saranno di domenica ma il plesso è in carico al comune dal venerdì antecedente le votazioni al lunedì successivo il personale Ata deve prendere servizio il lunedì o il martedì nel plesso sopra indicato?
La dicitura scuola chiusa o sospensione didattica è valida anche in questo specifico caso?
Ringraziando fin d’ora porgo i più cordiali saluti.

di Giovanni Calandrino – La risposta sta nel contratto integrativo del suo istituto, infatti l’eventuale disposizione lavorativa (attraverso ordine di servizio) del personale ATA, originariamente assegnati ai plessi dove non si svolgono le elezioni, nel plesso o nei plessi in cui si svolge la normale attività didattica, può avvenire, in relazione a conclamate esigenze di servizio, ma sempre nell’ambito di quanto previsto dalla contrattazione di scuola, ai sensi dell’art. 6, comma 2, lettere h e m del CCNL/2007 ( flessibilità contrattata).

L’articolo Scuole chiuse per seggio elettorale: come utilizzare il personale ATA sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Pensione quota 100, sindacati temono troppe cattedre scoperte

Commenti disabilitati su Pensione quota 100, sindacati temono troppe cattedre scoperte

Cangemi e Langella (PCI): il modello Veneto, le imprese comandano la scuola

Commenti disabilitati su Cangemi e Langella (PCI): il modello Veneto, le imprese comandano la scuola

Concorso dirigenti scolastici, Sasso (Lega): Governo respinge mio Ordine del giorno

Commenti disabilitati su Concorso dirigenti scolastici, Sasso (Lega): Governo respinge mio Ordine del giorno

La morte delle regole produce sregolati o innocenti morti. Lettera

Commenti disabilitati su La morte delle regole produce sregolati o innocenti morti. Lettera

Supplenze, ITP depennati da seconda fascia in caso di sentenze negative

Commenti disabilitati su Supplenze, ITP depennati da seconda fascia in caso di sentenze negative

Supplenze sostegno fino al 30 giugno, i posti per ogni provincia

Commenti disabilitati su Supplenze sostegno fino al 30 giugno, i posti per ogni provincia

Seminario Anief ad Agrigento sul personale ATA. Richiedi il permesso

Commenti disabilitati su Seminario Anief ad Agrigento sul personale ATA. Richiedi il permesso

Giuseppe D’Aprile UIL : “L’istruzione è un diritto di cittadinanza sociale che non può tollerare differenziazioni territoriali”

Commenti disabilitati su Giuseppe D’Aprile UIL : “L’istruzione è un diritto di cittadinanza sociale che non può tollerare differenziazioni territoriali”

Graduatorie ad esaurimento 2019/22, inserita Cagliari definitiva

Commenti disabilitati su Graduatorie ad esaurimento 2019/22, inserita Cagliari definitiva

Docenti infanzia e primaria, quanti hanno il titolo per insegnare Scienze Motorie. Monitoraggio

Commenti disabilitati su Docenti infanzia e primaria, quanti hanno il titolo per insegnare Scienze Motorie. Monitoraggio

Esiti scrutini finali, indicazioni alle segreterie per la comunicazione in Anagrafe Nazionale Studenti a.s. 2019/2020

Commenti disabilitati su Esiti scrutini finali, indicazioni alle segreterie per la comunicazione in Anagrafe Nazionale Studenti a.s. 2019/2020

Ludopatia negli studenti: quando il gioco virtuale diventa una malattia invalidante. Cosa può fare la scuola

Commenti disabilitati su Ludopatia negli studenti: quando il gioco virtuale diventa una malattia invalidante. Cosa può fare la scuola

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti