“Scuole belle”, Udir: risorse potevano essere convogliate sul fronte sicurezza. 42 mila plessi fuori norma e presidi rischiano carcere

Nel testo – scrive oggi la rivista Orizzonte Scuola -, viene modificato l’articolo 64, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 convertito dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, estendendo le disposizioni ivi previste anche ai mesi da gennaio a giugno 2018 dell’anno scolastico 2017/2018 e a tutto l’anno scolastico 2018/2019. La spesa complessiva sarà pari a 192 milioni di euro per il 2018 e 96 milioni di euro per il 2019.

L’associazione sindacale Udir reputa positivamente l’impegno dell’esecutivo, finalizzato al miglioramento delle strutture scolastiche: tuttavia, non può rilevare che quelle risorse potevano essere convogliate sul fronte della sicurezza. “Troppi dei 42mila plessi scolastici italiani – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir – risultano ancora non adeguati alle norme vigenti sulla sicurezza, privi delle relative certificazioni, e si tratta di mancanze che diventano gravissime laddove quelle scuole sono collocate in aree a rischio sismico. I nostri studenti e il personale tutto che opera nelle scuole meritano di essere accolti in strutture non esposti a rischi, di alcun genere: magari, nemmeno troppo belli, ma sicuramente sicuri”.

Lo stato di inadeguatezza dei nostri istituti è stato di recente sintetizzato nel 18° rapporto di Legambiente Ecoscuola, dal quale risulta che serviranno “ancora cinque generazioni di studenti” per avere “tutte le scuole d’Italia antisismiche e sicure”: necessiteranno, infatti, 113 anni per completare i lavori di messa in sicurezza dei 15.055 edifici scolastici che si trovano in zona sismica 1 e 2, cioè a rischio di terremoti fortissimi o forti. Ciò deriva dal fatto che oltre il 60% delle scuole oggi attive è stato costruito prima del 1976, anno di entrata in vigore delle norme antisismiche, approvate a seguito del terremoto del Friuli: il 43,8% necessita di interventi di manutenzione urgenti, appena il 12,3% degli edifici in area sismica risulta progettato o adeguato alle tecniche moderne di costruzione antisismica.

Alla luce di questa situazione allarmante, Udir ha realizzato uno studio sui 42.407 edifici scolastici censiti e sul loro obbligo delle dichiarazioni sulla classificazione del rischio sismico. Il dossier si aggiunge all’articolata proposta di modifica sul Testo unico sulla sicurezza e le responsabilità dei presidi, presentata qualche settimana fa durante l’Audizione svolta a Montecitorio alla presenza delle commissioni riunite Cultura e Lavoro: è assurdo, infatti, che un preside debba ritrovarsi in carcere mentre il proprietario dell’immobile scolastico sia, di fatto, esente o con ben più limitate responsabilità, sia civili che penali.

I temi verranno ripresi, tra molti altri, nei prossimi seminari sulle Tre R della Dirigenza. Rischi, responsabilità, retribuzioni: a Salerno il 10 novembre (invia la scheda di adesione  scarica il modulo rimborso), a Modena e Pisa. Inoltre, sul sito è possibile aggiornarsi sulle nuove tappe del seminario. I dirigenti interessati a partecipare possono chiedere informazioni all’indirizzo e-mail  [email protected]

31 ottobre 2017

Ufficio Stampa Anief

L’articolo “Scuole belle”, Udir: risorse potevano essere convogliate sul fronte sicurezza. 42 mila plessi fuori norma e presidi rischiano carcere sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

https://www.orizzontescuola.it/scuole-belle-udir-risorse-potevano-convogliate-sul-fronte-sicurezza-42-mila-plessi-norma-presidi-rischiano-carcere/

Leggi Tutto

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

adminreal

Related Posts

Permessi sindacali retribuiti 2019 Funzioni Centrali e dirigenti, monte ore e ripartizione tra i sindacati

Commenti disabilitati su Permessi sindacali retribuiti 2019 Funzioni Centrali e dirigenti, monte ore e ripartizione tra i sindacati

Ciani (DEMOS): andiamo a cercare i bambini “scomparsi” nella didattica a distanza

Commenti disabilitati su Ciani (DEMOS): andiamo a cercare i bambini “scomparsi” nella didattica a distanza

Miur, firmato l’Atto con le priorità politiche per il 2020. Azzolina: al centro studenti, formazione docenti e Ata

Commenti disabilitati su Miur, firmato l’Atto con le priorità politiche per il 2020. Azzolina: al centro studenti, formazione docenti e Ata

Assegnazioni provvisorie: quando è obbligatorio inserire l’intero codice comune. Esempi

Commenti disabilitati su Assegnazioni provvisorie: quando è obbligatorio inserire l’intero codice comune. Esempi

Le scuole non sicure per problemi sismici non vanno chiuse, sentenza

Commenti disabilitati su Le scuole non sicure per problemi sismici non vanno chiuse, sentenza

Sostegno: continuità può essere garantita anche da docenti non specializzati. Petizione

Commenti disabilitati su Sostegno: continuità può essere garantita anche da docenti non specializzati. Petizione

Maestre GaE Infanzia a Salvini: non ci tratti anche Lei come insegnanti di serie B. Lettera

Commenti disabilitati su Maestre GaE Infanzia a Salvini: non ci tratti anche Lei come insegnanti di serie B. Lettera

No sanatorie, sì concorso per 75mila docenti. Fusacchia (+Europa): Miur può farlo oggi stesso

Commenti disabilitati su No sanatorie, sì concorso per 75mila docenti. Fusacchia (+Europa): Miur può farlo oggi stesso

Caos tfa sostegno, candidato scrive al garante degli studenti

Commenti disabilitati su Caos tfa sostegno, candidato scrive al garante degli studenti

Ministro, insegnamento non è volontariato: i professionisti si pagano. Lettera

Commenti disabilitati su Ministro, insegnamento non è volontariato: i professionisti si pagano. Lettera

Coronavirus, PSP: chiediamo l’igienizzazione delle scuole

Commenti disabilitati su Coronavirus, PSP: chiediamo l’igienizzazione delle scuole

Assistenti amministrativi FF DGSA: richiesta sollecito per nostra valorizzazione

Commenti disabilitati su Assistenti amministrativi FF DGSA: richiesta sollecito per nostra valorizzazione

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti