Scuola in ospedale, Fedeli: “Servizio straordinario. Un milione di euro in più per la didattica in corsia”

“Il lavoro che viene fatto dalla Scuola in ospedale è straordinario. Il bambino o la bambina che entra in corsia – ha aggiunto la Ministra – subisce una grande sofferenza e si sente in un mondo che non è il suo. Trovare chi lo accudisce e lo cura, ma anche chi lo mantiene in relazione con il suo ambiente, con i suoi compagni e con lo studio, secondo me è straordinario”.

La Scuola in ospedale potrà contare su maggiori risorse: “Quest’anno – ha annunciato la Ministra Fedeli – abbiamo aggiunto un milione di euro per finanziarla. Queste risorse andranno a sommarsi ai 2,5 milioni stanziati fino ad ora, ma credo che dobbiamo ragionare anche sul personale e sulle condizioni di esercizio didattico. Ci sono poi nuovi strumenti che il digitale mette a disposizione – ha proseguito Fedeli – e quindi serve una maggiore attenzione anche dal punto di vista dell’innovazione didattica”.

Nell’anno scolastico appena concluso, il 2016-2017, sono state 245 le sezioni ospedaliere attivate e 58.049 le alunne e gli alunni che si sono avvalsi del servizio (quasi 4.000 quelli della scuola secondaria di II grado). Mentre le docenti e i docenti impegnati in corsia sono stati 784. Per l’Istruzione domiciliare sono stati attivati più di 1.000 progetti sul territorio nazionale per 62.799 ore complessive. Sono alcuni dei numeri della Scuola in ospedale e dell’Istruzione domiciliare, due servizi pubblici che vogliono garantire i diritti all’istruzione e alla salute alle alunne e agli alunni costretti a sospendere temporaneamente la frequenza scolastica per la malattia. Riguardano le scuole di ogni ordine e grado, dall’infanzia alla secondaria di II grado.

Le prime sezioni ospedaliere sono state istituite nel 1986 (con la circolare la Circolare Ministeriale n. 345, del 2 dicembre), come sezioni distaccate della scuola del territorio. Oggi il servizio è attivo in tutti i maggiori reparti ospedalieri del Paese e sono un esempio di come soggetti diversi – pur con obiettivi differenti – possono incontrarsi e interagire positivamente per la messa a punto di interventi che hanno un solo fine: promuovere il benessere e la crescita della persona, pur in situazioni di difficoltà.
La Legge 107 del 2015 sostiene la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità e il riconoscimento delle differenti modalità di comunicazione attraverso la previsione della garanzia dell’istruzione domiciliare.

I servizi di Scuola in ospedale e di Istruzione domiciliare hanno raggiunto oggi un notevole grado di complessità e di efficacia. Sono caratterizzati da grande flessibilità organizzativo-didattica. E questo per consentire risposte altamente personalizzate a situazioni che vedono l’intervento pedagogico concorrere con quello sanitario, nel difficile e delicato percorso di ripristino di una condizione di salute che corrisponda a quella indicata dall’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) come “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”. Particolare attenzione viene posta alla formazione e all’aggiornamento del personale docente, prevedendo momenti di formazione congiunta con gli operatori delle strutture sanitarie.

L’articolo Scuola in ospedale, Fedeli: “Servizio straordinario. Un milione di euro in più per la didattica in corsia” sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Facebook Comments

redazione

Related Posts

Coronavirus, CNDDU: si predisponga piano di mobilità straordinario per rientro in provincia dei docenti fuori sede

Commenti disabilitati su Coronavirus, CNDDU: si predisponga piano di mobilità straordinario per rientro in provincia dei docenti fuori sede

17 Novembre giornata di mobilitazione nazionale per la Federazione degli Studenti

Commenti disabilitati su 17 Novembre giornata di mobilitazione nazionale per la Federazione degli Studenti

Concorso straordinario confermato con prova scritta no crocette, Azzolina soddisfatta: ora chiudere decreto

Commenti disabilitati su Concorso straordinario confermato con prova scritta no crocette, Azzolina soddisfatta: ora chiudere decreto

Coronavirus, eTwinning per condivisione di materiali per la didattica a distanza

Commenti disabilitati su Coronavirus, eTwinning per condivisione di materiali per la didattica a distanza

Coronavirus, ISTAT: i primi test saranno effettuati su volontari di 2mila comuni

Commenti disabilitati su Coronavirus, ISTAT: i primi test saranno effettuati su volontari di 2mila comuni

Immissioni in ruolo, Miur e sindacati preparano regole per l’a.s. 2019/20

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo, Miur e sindacati preparano regole per l’a.s. 2019/20

Scuola per la Repubblica: l’accordo tra Governo e sindacati confederali non scongiura la regionalizzazione dell’istruzione. Anzi

Commenti disabilitati su Scuola per la Repubblica: l’accordo tra Governo e sindacati confederali non scongiura la regionalizzazione dell’istruzione. Anzi

“A scuola di prossimità”, dal 22 giugno un ciclo di webinar di Indire

Commenti disabilitati su “A scuola di prossimità”, dal 22 giugno un ciclo di webinar di Indire

Consigli intersezione, classe e interclasse: vanno eletti entro oggi 31 ottobre. La procedura

Commenti disabilitati su Consigli intersezione, classe e interclasse: vanno eletti entro oggi 31 ottobre. La procedura

Coronavirus, Lamorgese: pronti a inasprire pene e controlli per contenere diffusione

Commenti disabilitati su Coronavirus, Lamorgese: pronti a inasprire pene e controlli per contenere diffusione

PAS e concorso straordianrio, Frate (M5S): auspico che il decreto venga pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Commenti disabilitati su PAS e concorso straordianrio, Frate (M5S): auspico che il decreto venga pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Docenti precari saranno ricevuti al Miur oggi 29 novembre, chiederanno la G36 per la stabilizzazione

Commenti disabilitati su Docenti precari saranno ricevuti al Miur oggi 29 novembre, chiederanno la G36 per la stabilizzazione

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti