Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani

Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani

Commenti disabilitati su Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani

Scoperto un potenziale biomarcatore per la sclerosi multipla, ovvero una sostanza ‘allarme’ capace di anticipare l’insorgenza della malattia o di predirne la progressione nel paziente in cui viene rilevata. In uno studio pubblicato su Scientific Reports (Nature), viene infatti svelato il ruolo chiave della molecola miR-125a nel garantire la corretta produzione di mielina, la struttura che riveste i neuroni garantendone il funzionamento e che risulta danneggiata nella sclerosi multipla: se presente in quantità eccessiva, miR-125a sembra rallentare lo sviluppo delle cellule nervose responsabile del mantenimento della guaina mielinica.

La scoperta potrebbe permettere di mettere a punto un test del sangue in grado di prevedere la sclerosi multipla, anticipandone la possibile comparsa e l’evoluzione, e permettendo così sia di predire eventuali ricadute sia di migliorare e personalizzare il trattamento. La ricerca è stata condotta dal gruppo di Maria Pia Abbracchio (Università degli Studi di Milano), in collaborazione con il team di Roberto Furlan, neurologo e ricercatore della Divisione di Neuroscienze del San Raffaele. Nello studio si dimostra che nel liquido cerebrospinale di persone con sclerosi multipla, i livelli di miR-125a sono più elevati in presenza di lesioni rispetto ai soggetti sani. In altre parole, una quantità eccessiva di miR-125a sembra appunto rallentare lo sviluppo delle cellule nervose responsabile del mantenimento della guaina mielinica.

Per confermare l’osservazione il gruppo di ricercatori ha silenziato miR-125a, dimostrando come in mancanza di questa molecola la produzione di mielina acceleri in modo consistente. I risultati, affermano i ricercatori, suggeriscono così che la ”misura della quantità di miR-125a nel sangue possa consentire di prevedere e anticipare la comparsa delle diverse fasi della malattia, con prevedibili vantaggi sia per la prevenzione della sua riacutizzazione che per il suo il trattamento”. Inoltre, ”non escludiamo che l’aumento di miR-125a possa di per sé contribuire alla progressione della malattia, candidandolo così anche a nuovo potenziale bersaglio per interventi farmacologici”, conclude Abbracchio. La ricerca è stata finanziata dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla e da Fondazione Cariplo.

L’articolo su Nature

L’articolo Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Superluna, stanotte la più grande del 21° secolo: la prossima nel 2034. Ecco dove vederla in diretta streaming

Commenti disabilitati su Superluna, stanotte la più grande del 21° secolo: la prossima nel 2034. Ecco dove vederla in diretta streaming

Malattie a trasmissione sessuale, è allarme negli Usa: “Mai visto nulla del genere. Colpa dei tagli al budget”

Commenti disabilitati su Malattie a trasmissione sessuale, è allarme negli Usa: “Mai visto nulla del genere. Colpa dei tagli al budget”

Superluna, tutti i segreti dello spettacolare fenomeno astronomico

Commenti disabilitati su Superluna, tutti i segreti dello spettacolare fenomeno astronomico

Alzheimer, scoperto enzima custode dei ricordi. “La sua presenza ostacola la formazione di grovigli proteici tossici”

Commenti disabilitati su Alzheimer, scoperto enzima custode dei ricordi. “La sua presenza ostacola la formazione di grovigli proteici tossici”

Cancro al seno, le breast unit solo in nove regioni ma ogni anno 48mila nuovi casi

Commenti disabilitati su Cancro al seno, le breast unit solo in nove regioni ma ogni anno 48mila nuovi casi

ExoMars, schianto Schiaparelli per via di “test affidati a ditta non specializzata”. Esa: “Attendiamo esiti commissione”

Commenti disabilitati su ExoMars, schianto Schiaparelli per via di “test affidati a ditta non specializzata”. Esa: “Attendiamo esiti commissione”

Dalle onde gravitazionali all’intelligenza artificiale, fino al “copia e incolla” del Dna: i grandi eventi del 2016 per Nature

Commenti disabilitati su Dalle onde gravitazionali all’intelligenza artificiale, fino al “copia e incolla” del Dna: i grandi eventi del 2016 per Nature

Scoperti 219 nuovi pianeti grazie a Kepler: 10 sono come la Terra – VIDEO

Commenti disabilitati su Scoperti 219 nuovi pianeti grazie a Kepler: 10 sono come la Terra – VIDEO

Vaccini, Mattarella: “Le affermazioni di chi li critica sono sconsiderate e prive di fondamento”

Commenti disabilitati su Vaccini, Mattarella: “Le affermazioni di chi li critica sono sconsiderate e prive di fondamento”

L’asteroide 2012 TC4 si avvicina alla Terra, sarà test per il monitorare oggetti celesti

Commenti disabilitati su L’asteroide 2012 TC4 si avvicina alla Terra, sarà test per il monitorare oggetti celesti

Svezia, nuvola a forma di Ufo sopra le piste da sci: è una nube lenticolare – FOTO

Commenti disabilitati su Svezia, nuvola a forma di Ufo sopra le piste da sci: è una nube lenticolare – FOTO

Da bottiglie e sacchetti di plastica il “carburante” del futuro grazie a un processo chimico

Commenti disabilitati su Da bottiglie e sacchetti di plastica il “carburante” del futuro grazie a un processo chimico

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti