Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani

Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani

Commenti disabilitati su Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani

Scoperto un potenziale biomarcatore per la sclerosi multipla, ovvero una sostanza ‘allarme’ capace di anticipare l’insorgenza della malattia o di predirne la progressione nel paziente in cui viene rilevata. In uno studio pubblicato su Scientific Reports (Nature), viene infatti svelato il ruolo chiave della molecola miR-125a nel garantire la corretta produzione di mielina, la struttura che riveste i neuroni garantendone il funzionamento e che risulta danneggiata nella sclerosi multipla: se presente in quantità eccessiva, miR-125a sembra rallentare lo sviluppo delle cellule nervose responsabile del mantenimento della guaina mielinica.

La scoperta potrebbe permettere di mettere a punto un test del sangue in grado di prevedere la sclerosi multipla, anticipandone la possibile comparsa e l’evoluzione, e permettendo così sia di predire eventuali ricadute sia di migliorare e personalizzare il trattamento. La ricerca è stata condotta dal gruppo di Maria Pia Abbracchio (Università degli Studi di Milano), in collaborazione con il team di Roberto Furlan, neurologo e ricercatore della Divisione di Neuroscienze del San Raffaele. Nello studio si dimostra che nel liquido cerebrospinale di persone con sclerosi multipla, i livelli di miR-125a sono più elevati in presenza di lesioni rispetto ai soggetti sani. In altre parole, una quantità eccessiva di miR-125a sembra appunto rallentare lo sviluppo delle cellule nervose responsabile del mantenimento della guaina mielinica.

Per confermare l’osservazione il gruppo di ricercatori ha silenziato miR-125a, dimostrando come in mancanza di questa molecola la produzione di mielina acceleri in modo consistente. I risultati, affermano i ricercatori, suggeriscono così che la ”misura della quantità di miR-125a nel sangue possa consentire di prevedere e anticipare la comparsa delle diverse fasi della malattia, con prevedibili vantaggi sia per la prevenzione della sua riacutizzazione che per il suo il trattamento”. Inoltre, ”non escludiamo che l’aumento di miR-125a possa di per sé contribuire alla progressione della malattia, candidandolo così anche a nuovo potenziale bersaglio per interventi farmacologici”, conclude Abbracchio. La ricerca è stata finanziata dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla e da Fondazione Cariplo.

L’articolo su Nature

L’articolo Sclerosi multipla, scoperto un potenziale biomarcatore dai ricercatori italiani proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Terre gemelle, ecco i futuri cacciatori di mondi alieni. Individuati 300 possibili sosia del nostro pianeta

Commenti disabilitati su Terre gemelle, ecco i futuri cacciatori di mondi alieni. Individuati 300 possibili sosia del nostro pianeta

Nobel, Italia snobbata. Lettera aperta degli scienziati: “Ricerca indebolita. Il problema è proprio il nostro Paese”

Commenti disabilitati su Nobel, Italia snobbata. Lettera aperta degli scienziati: “Ricerca indebolita. Il problema è proprio il nostro Paese”

Super Luna 2016, dal 14 novembre la più luminosa e grande degli ultimi 68

Commenti disabilitati su Super Luna 2016, dal 14 novembre la più luminosa e grande degli ultimi 68

Parkinson, “ballare il tango migliora l’equilibrio e facilita i movimenti”

Commenti disabilitati su Parkinson, “ballare il tango migliora l’equilibrio e facilita i movimenti”

Olio di palma, “nessun pericolo specifico per la salute. È come il burro”. Ma il dibattito è aperto

Commenti disabilitati su Olio di palma, “nessun pericolo specifico per la salute. È come il burro”. Ma il dibattito è aperto

La nostra personalità? Dipende anche dalla conformazione delle strutture cerebrali

Commenti disabilitati su La nostra personalità? Dipende anche dalla conformazione delle strutture cerebrali

Tumore del pancreas, in cinque anni +18% di nuovi casi. Sotto accusa obesità e stili di vita sbagliati

Commenti disabilitati su Tumore del pancreas, in cinque anni +18% di nuovi casi. Sotto accusa obesità e stili di vita sbagliati

Marte, la missione umana nel 2030? La Nasa non ha più una data

Commenti disabilitati su Marte, la missione umana nel 2030? La Nasa non ha più una data

Cancro, un batterio della Salmonella utilizzato per uccidere le cellule tumorali

Commenti disabilitati su Cancro, un batterio della Salmonella utilizzato per uccidere le cellule tumorali

In stato vegetativo da 15 anni, recupera uno stato minimo di coscienza grazie alla stimolazione del nervo vago

Commenti disabilitati su In stato vegetativo da 15 anni, recupera uno stato minimo di coscienza grazie alla stimolazione del nervo vago

Rosetta, ultimo tuffo sulla cometa 67P. “Addio romantico, scatti saranno utili per ricostruire le origini del Sistema solare”

Commenti disabilitati su Rosetta, ultimo tuffo sulla cometa 67P. “Addio romantico, scatti saranno utili per ricostruire le origini del Sistema solare”

Sperimentazione animale, “Italia troppo restrittiva. Rischio di un’ondata di cervelli in fuga”

Commenti disabilitati su Sperimentazione animale, “Italia troppo restrittiva. Rischio di un’ondata di cervelli in fuga”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti