Scelta sede Dirigenti Scolastici con legge 104, Tribunale rigetta reclamo Miur

Il Tribunale di Reggio Calabria – sez. Lavoro, in composizione collegiale, con decreto di rigetto n. 98/2020, accogliendo la tesi dell’avvocato Giuseppe Versace, ha respinto il reclamo da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, confermando l’Ordinanza Accoglimento totale n. 18661_2019 del 4.11.2019, stabilendo che il reclamo è infondato, con la seguente motivazione:

Questo Tribunale, in composizione collegiale, si è recentemente espresso su identica questione oggetto dell’odierno giudizio ritenendo non condivisibile la tesi del Ministero reclamante che posticipa l’esercizio del diritto di scelta prioritaria della sede di servizio più vicina al domicilio della persona da assistere, di cui all’art. 33 comma 5 L. n. 104/1992, all’inquadramento dei vincitori del concorso per dirigente scolastico nei ruoli regionali. Il Collegio, condividendone il percorso logico giuridico, aderisce alle motivazioni già espresse dai giudici della Sezione, sia in composizione monocratica che in composizione collegiale.

L’art. 33 comma 5 della L. n. 104/1992 prevede che il dipendente, pubblico o privato, che assiste persona con handicap in situazione di gravità “ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede”. La Corte Costituzionale ha chiarito che la previsione di cui al citato comma 5 dell’art. 33, al pari delle disposizioni sui permessi mensili retribuiti di cui al comma 3, rientra nel novero delle agevolazioni e provvidenze riconosciute, quale espressione dello Stato sociale, in favore di coloro che si occupano dell’assistenza nei confronti di parenti disabili e ciò sul presupposto che il ruolo delle famiglie “resta fondamentale nella cura e nell’assistenza dei soggetti portatori di handicap” (Corte Cost. n. 213/2016; n. 203/2013; n. 19/2009; n. 158/2007 e n. 233/2005). Il diritto alla salute psico-fisica, comprensivo della assistenza e della socializzazione, va dunque garantito e tutelato, al soggetto con handicap in situazione di gravità, sia come singolo che in quanto facente parte di una formazione sociale, ivi compresa la comunità familiare.

La Corte di Cassazione (Cass. n. 6150/2019 cit.) ha, invero, ribadito che non vi è “dubbio che tale diritto non sia incondizionato (come reso evidente dall’inciso “ove possibile” contenuto nella norma) ma debba essere oggetto di un bilanciamento con altri diritti e interessi del datore di lavoro, ai sensi dell’art. 41 Cost.. Tale bilanciamento, come già statuito da questa Corte (Cass. n. 24015 del 2017; n. 25379 del 2016; n. 9201 del 2012), dovrà valorizzare le esigenze di assistenza e di cura del familiare disabile del lavoratore col solo limite di esigenze tecniche, organizzative e produttive, allegate e comprovate da parte datoriale, non solo effettive ma anche non suscettibili di essere diversamente soddisfatte”; il diritto non è assoluto e privo di condizioni e implica un recesso del diritto stesso, ove risulti incompatibile con le esigenze economiche e organizzative del datore di lavoro, poiché in tali casi, soprattutto per quanto attiene ai rapporti di lavoro pubblico, potrebbe determinarsi un danno per la collettività (Cass. 25/01/2006 n. 1396 e Cass. 27/03/2008 n. 7945)”.

P.Q.M. Il Tribunale in composizione collegiale, quale Giudice del lavoro, letto l’art. 669 terdecies c.p.c., ogni contraria istanza, eccezione e difesa disattesa, così provvede:
– rigetta il reclamo; – spese al merito; – dichiara sussistenti gli estremi per il pagamento aggiuntivo a carico della reclamante soccombente degli importi di cui all’art. 13 comma 1 quater D.P.R. n. 115/2002, come modificato dall’art. 1 comma 17 L. n. 228/2012, in misura pari al contributo dovuto per il corrente reclamo. “

L’articolo Scelta sede Dirigenti Scolastici con legge 104, Tribunale rigetta reclamo Miur sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Didattica online al tempo del Coronavirus, la difficile gestione degli studenti con sostegno o difficoltà di apprendimento

Commenti disabilitati su Didattica online al tempo del Coronavirus, la difficile gestione degli studenti con sostegno o difficoltà di apprendimento

Innovazione digitale, Fedeli: grande opportunità. Necessaria formazione alunni per evitare fake news

Commenti disabilitati su Innovazione digitale, Fedeli: grande opportunità. Necessaria formazione alunni per evitare fake news

Didattica a distanza, strategie e limiti

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, strategie e limiti

Come si è evoluto in concetto di infanzia nel tempo, le tappe dell’iconografia

Commenti disabilitati su Come si è evoluto in concetto di infanzia nel tempo, le tappe dell’iconografia

In GU modifica alla tabella attività formative della LM in Giurisprudenza

Commenti disabilitati su In GU modifica alla tabella attività formative della LM in Giurisprudenza

Liceo biomedico, numeri raddoppiati: potrebbe diventare canale di accesso a Medicina

Commenti disabilitati su Liceo biomedico, numeri raddoppiati: potrebbe diventare canale di accesso a Medicina

Concorso a dirigenti, l’Espresso denuncia presunte irregolarità: da commissari ubiqui ad anticipazioni dei risultati

Commenti disabilitati su Concorso a dirigenti, l’Espresso denuncia presunte irregolarità: da commissari ubiqui ad anticipazioni dei risultati

ATA, mobilità professionale: passaggio aree definito da CCNI. La proposta dei sindacati

Commenti disabilitati su ATA, mobilità professionale: passaggio aree definito da CCNI. La proposta dei sindacati

Coronavirus, sospese gite e viaggi di istruzione. Come comportarsi con agenzie di viaggi

Commenti disabilitati su Coronavirus, sospese gite e viaggi di istruzione. Come comportarsi con agenzie di viaggi

Scuola luogo più sicuro che ambiente familiare. Differenze e possibili spiegazioni

Commenti disabilitati su Scuola luogo più sicuro che ambiente familiare. Differenze e possibili spiegazioni

Studentessa dimenticata dalla scuola sul bus per 6 ore, condanna con risarcimento da 40mila euro. Sentenza

Commenti disabilitati su Studentessa dimenticata dalla scuola sul bus per 6 ore, condanna con risarcimento da 40mila euro. Sentenza

ATA 24 mesi, modelli domanda aggiornati. Nota Ministero

Commenti disabilitati su ATA 24 mesi, modelli domanda aggiornati. Nota Ministero

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti