Rinnovo del contratto, Anief: befana amara per docenti e precari, altro che aumenti, in arrivo nemmeno l’adeguamento all’inflazione

 Perché gli aumenti del 3,48% previsti dal 2018, secondo l’intesa sindacale del 30 novembre 2016, variano in base a qualifica e fascia di appartenenza.

A dirlo è da tempo l’Anief, ma ora anche la stampa specializzata si è accorta del bluff, sulla base delle indicazioni fornite ai sindacati rappresentativi dal presidente dell’Aran, Sergio Gasparrini, in occasione dell’incontro tenuto dalle parti in settimana: la rivista Tuttoscuola, infatti, nel calcolare il valore lordo dell’incremento mensile per ciascuna posizione retributiva individuale, ha evidenziato “una sorpresa clamorosa. Applicando quella percentuale del 3,48% alla posizione retributiva individuale di ogni lavoratore (la stessa percentuale applicata alla massa dei dipendenti pubblici) si ottiene un risultato lontanissimo dagli 85 euro medi di aumento mensile lordo per i lavoratori del comparto scuola”.

Per calcolarlo, Tuttoscuola ha applicato, per il personale docente del comparto, la percentuale del 3,48% alla posizione retributiva individuale mensile complessiva (stipendio + retribuzione professionale docente + indennità di vacanza contrattuale): “Ne risulta una forbice dell’aumento compresa tra i 57 euro della retribuzione iniziale dei docenti di elementare e i 92 euro di fine carriera dei professori delle superiori, per un incremento medio di circa 69 euro, ben lontani dagli 85 medi di incremento mensile. Per assicurare l’aumento medio di 85 euro (che comunque non soddisfa i sindacati) – conclude la testata specialistica – la percentuale dovrebbe essere quasi di un punto in più, 4,31%”.

“Ora è assodato che il rinnovo di contratto porterà dai 57 euro lordi dei neoassunti della primaria agli 88 euro lordi dei docenti a fine carriera delle superiori – sottolinea Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal -: quote che si dimezzano al netto del lordo Stato e dipendente a fine anno. Quindi, rispettivamente ci fermiamo a 27 euro e 52 euro. I tanti precari della scuola saranno ancora tra i più colpiti, perché fermi a stipendio iniziale, nonostante le sentenze delle SS. UU. della Cassazione”.

“Queste sono le cifre, punto – continua Pacifico -. Perché non può essere di certo percorribile la strada di portare in busta paga le somme derivanti dai bonus 500 euro per la formazione e dal bonus merito dei docenti, previsti dai commi 123 e 126 della Legge di riforma 107/2015. Per i fondi legati al merito, infatti, occorrerebbe agire con una modifica normativa che non compete di certo al tavolo contrattuale ma alla politica. Mentre per le somme destinate alla formazione, se è vero che portarle in busta paga farebbe diventare il bonus strutturale e non soggetto a rifinanziamento annuale, è altrettanto vero che vorrebbe dire sottoporle a tassazione, dimezzando la somma. Senza dimenticare il pericolo di vedersi pure aumentato l’orario di servizio obbligatorio”.

L’articolo Rinnovo del contratto, Anief: befana amara per docenti e precari, altro che aumenti, in arrivo nemmeno l’adeguamento all’inflazione sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Autonomia, Fontana: così ci troviamo sempre con docenti differenti. Non si pensa agli studenti

Commenti disabilitati su Autonomia, Fontana: così ci troviamo sempre con docenti differenti. Non si pensa agli studenti

Bocciare costa dai 6 mila agli 11mila euro a studente. I numeri per grado di scuola

Commenti disabilitati su Bocciare costa dai 6 mila agli 11mila euro a studente. I numeri per grado di scuola

Decreto Scuola approvato definitivamente, Azzolina: testo migliorato, adesso linee guida per settembre

Commenti disabilitati su Decreto Scuola approvato definitivamente, Azzolina: testo migliorato, adesso linee guida per settembre

Concorso per studenti, “Liberi da…, liberi di…” per contrastare ogni forma di dipendenza

Commenti disabilitati su Concorso per studenti, “Liberi da…, liberi di…” per contrastare ogni forma di dipendenza

Orientamenti 2019: 12, 13 e 14 novembre a Genova. Ricco programma Miur

Commenti disabilitati su Orientamenti 2019: 12, 13 e 14 novembre a Genova. Ricco programma Miur

Maturità, protocollo sicurezza firmato: cosa fare con lavoratori 55 anni o patologie, ATA non dovranno sanificare

Commenti disabilitati su Maturità, protocollo sicurezza firmato: cosa fare con lavoratori 55 anni o patologie, ATA non dovranno sanificare

Ricostruzione carriera insegnanti: domande fino al 31 dicembre. Info utili

Commenti disabilitati su Ricostruzione carriera insegnanti: domande fino al 31 dicembre. Info utili

Formazione professionale Sicilia: sindacati, bene tavolo permanente per risolvere i problemi

Commenti disabilitati su Formazione professionale Sicilia: sindacati, bene tavolo permanente per risolvere i problemi

Fioramonti, anche alternanza scuola-lavoro dovrà dare visione ambientale. Addio McDonald

Commenti disabilitati su Fioramonti, anche alternanza scuola-lavoro dovrà dare visione ambientale. Addio McDonald

Sottosegretario Azzolina: presto concorsi scuola, sia secondaria che infanzia e primaria. Bandi nelle regioni con posti vacanti [INTERVISTA]

Commenti disabilitati su Sottosegretario Azzolina: presto concorsi scuola, sia secondaria che infanzia e primaria. Bandi nelle regioni con posti vacanti [INTERVISTA]

Permessi retribuiti, può il dirigente negarli?

Commenti disabilitati su Permessi retribuiti, può il dirigente negarli?

Precari, PAS: testi trasmessi al Consiglio dei Ministri. Discussione potrebbe iniziare oggi

Commenti disabilitati su Precari, PAS: testi trasmessi al Consiglio dei Ministri. Discussione potrebbe iniziare oggi

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti