Riformare la scuola guardando al sistema duale tedesco. Lettera

Lettera

Alla base della proposta, c’è l’analisi che in una società in continua evoluzione lo studio deve essere continuo e aggiornato per tutta la vita, il che non fa una grinza.

E’ un giusto obiettivo prolungare l’obbligo a 18 anni, ma senza alcune proposte correttive di come la scuola oggi è, la proposta rischia di far aumentare i numeri della dispersione scolastica.

E’ già successo con il prolungamento dell’obbligo d’istruzione a 16 anni (legge del 27 dicembre 2006 n. 296) che ha portato tale obbligo da 8 a 10 anni. Ma qual è stato il risultato? Si obbligano a iscrivere i giovani svantaggiati alle superiori per essere bocciati o abbandonano prima.

Ripeto quanto già detto in altre occasioni: dobbiamo riformare la nostra scuola guardando al sistema duale tedesco.

La sinistra ha sempre guardato con sospetto questo sistema perché lo ritiene classista: chi ha attitudini per lo studio astratto va ai licei, chi ha attitudini per lo studio pratico va ai tecnici o ai professionali. Ma nell’ideologia della sinistra vi è un’antinomia celata: proprio gli esaltatori del proletariato e del lavoro stando al marxismo sviliscono la cultura del lavoro.

Qualcuno paventa il ritorno alla scuola dell’avviamento e ritiene la scuola media unica del 1962 una conquista. Ma questa scuola media unica, dopo 58 anni, a dire di tutti gli esperti, fa acqua da tutte le parti, i docenti sono disperati e pochi alunni indisciplinati non consentono alla maggioranza degli studenti di studiare come si deve.

Ma sono proprio gli alunni indisciplinati, che non hanno voglia di studiare (ma veramente non hanno voglia o ritengono quello studio astratto non per loro ? ), che verranno bocciati più volte e finiranno per abbandonare gli studi. Sono gli alunni malati che la scuola- ospedale respinge, come diceva don Milani, per accettare solo i sani.

Non è meglio per questi alunni che non sono portati allo studio astratto, ma sono intelligenti perché portati a uno spirito pratico (le diverse intelligenze di Gadamer), seguano un percorso diverso che li porti a imparare un mestiere pratico?

Non mi si dica che la società non ha più bisogno di operai, anzi quello che manca è la corrispondenza tra esigenze dell’industria e dell’artigiano e competenze e tali competenze si debbono imparare a scuola. Lo Stato però deve essere in grado di far incontrare domanda educativa ed offerta di lavoro.(capisco lo scetticismo di chi confronta lo stato italiano con quello tedesco, ma non mi rassegno al peggio).

L’ideologia di sinistra(attenzione: sono di sinistra, ma critico l’ideologia di sinistra) ritiene che così si priva il diritto degli svantaggiati a studiare e si cristallizza una situazione di partenza. Conosco l’obiezione e ribatto che non è la scuola da sola che può rimuovere gli ostacoli economici e culturali, ma è lo Stato con politiche di welfare che può farlo, cominciando a offrire libri gratuiti per le famiglie più povere.

Si può legare il reddito di cittadinanza ai genitori che fanno frequentare la scuola ai loro figli, non è certo la multa attuale da 30 euro che può convincerli a farlo.

Senza una riforma, della scuola inserendo il sistema duale tedesco ed estendendo semplicemente l’obbligo d’istruzione a 18 anni, temo che si estenderà anche il fenomeno dell’abbandono scolastico. Spero di non essere facile profeta.

Se poi si pensa che nella nuova società non ci saranno più lavori ( e non lavori nuovi come io penso),allora la scuola diventa un mero parcheggio, le competenze sono inutili e si può anche estendere l’obbligo a 23 anni, comprendendo anche l’università, tanto non c’è altro da fare per i giovani.

L’articolo Riformare la scuola guardando al sistema duale tedesco. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Detrazione modello 730 spese carburante: ecco a chi spetta

Commenti disabilitati su Detrazione modello 730 spese carburante: ecco a chi spetta

Concorsi scuola, i programmi da studiare per ogni procedura

Commenti disabilitati su Concorsi scuola, i programmi da studiare per ogni procedura

Pensioni, posti liberi per provincia. Inserita Taranto

Commenti disabilitati su Pensioni, posti liberi per provincia. Inserita Taranto

Oltre 170 milioni di euro per l’edilizia scolastica: decreto in G.U.

Commenti disabilitati su Oltre 170 milioni di euro per l’edilizia scolastica: decreto in G.U.

Maestra si traveste da clown per insegnare. I bimbi imparano divertendosi

Commenti disabilitati su Maestra si traveste da clown per insegnare. I bimbi imparano divertendosi

Coronavirus, la solitudine degli studenti con disabilità italiani

Commenti disabilitati su Coronavirus, la solitudine degli studenti con disabilità italiani

Scuole paritarie, accordo per stanziamento di altri 100 mln: voto entro domani

Commenti disabilitati su Scuole paritarie, accordo per stanziamento di altri 100 mln: voto entro domani

Bonus 500 euro carta docente nello stipendio per tutti. La petizione

Commenti disabilitati su Bonus 500 euro carta docente nello stipendio per tutti. La petizione

Coronavirus, possibile l’acquisto di hardware con la Carta del docente fino al 31 luglio

Commenti disabilitati su Coronavirus, possibile l’acquisto di hardware con la Carta del docente fino al 31 luglio

ATA, Azzolina: necessaria formazione, soprattutto per assistenti amministrativi che provengono da altri profili

Commenti disabilitati su ATA, Azzolina: necessaria formazione, soprattutto per assistenti amministrativi che provengono da altri profili

Coronavirus, Conte in conferenza Stampa: li aiuteremo così. 4,3 miliardi ai comuni

Commenti disabilitati su Coronavirus, Conte in conferenza Stampa: li aiuteremo così. 4,3 miliardi ai comuni

Coronavirus. In India si rimanda l’apertura delle scuole per aumento dei contagi

Commenti disabilitati su Coronavirus. In India si rimanda l’apertura delle scuole per aumento dei contagi

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti