Riforma sostegno, prorogata al 1° settembre. Vediamo quali modifiche

Riforma sostegno: rinviata al 1° settembre 2019

La riforma sarebbe dovuta entrare in vigore il 1° gennaio 2019, tuttavia il Governo ha deciso di rinviarne l’applicazione per apportare delle modifiche.

La proroga è stata introdotta con la legge di bilancio, comma 1138:

Nelle materie di interesse del Ministero dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca sono disposte le seguenti proroghe
di termini:

b) al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66, sono apportate
le seguenti modificazioni:

1) all’articolo 18, comma 1, alinea, le parole: « 1° gennaio 2019 » sono sostituite dalle seguenti: « 1° settembre 2019 »;

2) all’articolo 19, ovunque ricorrono, le parole: « 1° gennaio 2019 » sono sostituite dalle seguenti: « 1° settembre 2019 »;

Il rinvio dell’entrata in vigore della riforma, come detto sopra, è finalizzato all’introduzione di modifiche, prima fra tutte quella riguardante la quantificazione e assegnazione delle ore di sostegno, che dovrebbero ritornare nella competenza del GLHO.

Ricordiamo cosa prevede il decreto 66 in merito all’assegnazione delle ore di sostegno e le modifiche che il Governo intende apportare.

Riforma sostegno: richiesta assegnazione ore

La proposta delle ore di sostegno, secondo il D.lgs. 66/17, è avanzata dal Gruppo per l’inclusione territoriale (GIT).

Il GIT avanza la richiesta delle ore di sostegno da assegnare a ciascuna istituzione scolastica per gli allievi disabili, secondo la procedura di seguito descritta:

  1. il dirigente scolastico, sentito il GLI (Gruppo di lavoro di Istituto) e sulla base dei singoli PEI, propone al GIT la quantificazione dell’organico relativo ai posti di sostegno, diviso per ciascun grado di istruzione, inclusa la scuola dell’infanzia;
  2. il GIT, in qualità di organo tecnico, sulla base del Piano per l’inclusione, dei Profili di funzionamento (il Profilo di funzionamento sostituisce, ricomprendendoli, la Diagnosi funzionale e il Profilo dinamico-funzionale), dei Piani educativi individualizzati, dei Progetti individuali ove esistenti, trasmessi dai singoli dirigenti scolastici, sentiti questi ultimi in relazione ad ogni alunno con disabilità certificata, verifica la quantificazione delle risorse di sostegno didattico effettuata da ciascuna scuola e formula una proposta all’USR;
  3. l’USR assegna le risorse nell’ambito di quelle dell’organico dell’autonomia per i posti di sostegno.

Questo, dunque, l’Iter previsto dal decreto attuativo della Buona Scuola.

Riforma sostegno: modifiche

Richiesta ore

La decisione delle ore di sostegno da assegnare a ciascun alunno disabile e la relativa richiesta, secondo le modifiche che il Governo intende apportare, non spetteranno più al GIT, ma ai docenti, alla famiglia, all’equipe medica e all’Ente locale, ha affermato il Sottosegretario Giuliano presentando le modifiche al decretoQuindi la predetta competenza ritorna al GLHO (come è attualmente) e all’interno del PEI.

Continuità didattica

Un’altra modifica, che il Governo Bussetti, intende introdurre riguarda la continuità didattica, da assicurare  vincolando l’insegnante a tempo indeterminato all’intero ciclo di studi dell’alunno.

Vedremo secondo quali criteri si vincolerà il docente di ruolo, tenuto anche conto che non di rado un docente è assegnato su più alunni o nel corso del ciclo di studi di uno studente gliene venga assegnato un altro.

Nell’Atto di Indirizzo 2019 del Ministro, inoltre, leggiamo:

Assicurare agli studenti con una disabilità una maggiore continuità didattica, anche quando il loro docente di sostegno non è di ruolo.
La continuità didattica, dunque, potrebbe essere assicurata anche dai docenti precari. La conferma del docente di sostegno non di ruolo per l’anno successivo è prevista dal decreto 66/17, tuttavia non è mai stata attuata.
Restiamo in attesa dei previsti provvedimenti per fornire informazioni più dettagliate.

L’articolo Riforma sostegno, prorogata al 1° settembre. Vediamo quali modifiche sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Sostegno – Handicap – Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Docenti sostegno, risoluzione M5S per concorsi regolari e frequenti

Commenti disabilitati su Docenti sostegno, risoluzione M5S per concorsi regolari e frequenti

Istituto di Ragusa cerca docente per insegnamento classe di concorso A044. Scadenza 11 novembre per invio MAD

Commenti disabilitati su Istituto di Ragusa cerca docente per insegnamento classe di concorso A044. Scadenza 11 novembre per invio MAD

Sostegno in deroga: 60mila cattedre, ma solo 1000 diverranno di diritto nel 2020

Commenti disabilitati su Sostegno in deroga: 60mila cattedre, ma solo 1000 diverranno di diritto nel 2020

Maturità 2019: complimenti a tutti gli studenti, indipendentemente dal voto

Commenti disabilitati su Maturità 2019: complimenti a tutti gli studenti, indipendentemente dal voto

Link Coordinamento Universitario: 386 docenti accademie assunti, ancora troppo poco

Commenti disabilitati su Link Coordinamento Universitario: 386 docenti accademie assunti, ancora troppo poco

Istituto di Verona ricerca docente di classe di concorso A040

Commenti disabilitati su Istituto di Verona ricerca docente di classe di concorso A040

Calcolo giorni di ferie ATA, su base 30

Commenti disabilitati su Calcolo giorni di ferie ATA, su base 30

Bullismo, Casa (M5S): potenziare empatia e rispetto reciproco dei giovani

Commenti disabilitati su Bullismo, Casa (M5S): potenziare empatia e rispetto reciproco dei giovani

Immissioni in ruolo infanzia e primaria, come si scorreranno le graduatorie [UFFICIALE]

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo infanzia e primaria, come si scorreranno le graduatorie [UFFICIALE]

Neoassunti e trasferiti dal 2019/20, titolari su scuola non per contratto ma per legge

Commenti disabilitati su Neoassunti e trasferiti dal 2019/20, titolari su scuola non per contratto ma per legge

Riflessioni sull’esame di maturità. Lettera

Commenti disabilitati su Riflessioni sull’esame di maturità. Lettera

Concorso scuola secondaria, partecipazione docente di ruolo con laurea per altra classe di concorso

Commenti disabilitati su Concorso scuola secondaria, partecipazione docente di ruolo con laurea per altra classe di concorso

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti