Ridurre le assunzioni di 5mila docenti precari non farà risparmiare lo Stato. Lettera

I dati del calo fisiologico del numero degli alunni nelle scuole dovuto al calo demografico delle nascite che ha portato ad una diminuzione degli alunni per classe ha costretto il Ministero dell’Economia e delle Finanze a tagliare ben 5000 posti dei docenti da immettere in ruolo in tutti gli ordini e gradi di scuola.

Saranno, infatti, poco più di 53.000 gli insegnanti che dal prossimo settembre avranno il contratto a tempo indeterminato rispetto alle poco più di 58.000 unità richieste dal Ministero dell’Istruzione.

Insomma il Mef ha stretto i cordoni della cinghia, osservando il dato complessivo delle iscrizioni degli ultimi tre anni e non l’effettiva necessità di coprire i vuoti in organico di diritto.

Un escamotage quello adottato dal dicastero di Via XX settembre per contenere la spesa pubblica, anche se quest’ultima sforerà con il ripetersi dell’annoso fenomeno della “supplentite”, che il prossimo anno scolastico dovrebbe pesare in maniera più virulenta sulle casse dello Stato.

Il Ministro Bussetti dovrebbe calarsi molto più nelle realtà (che conosce molto a fondo) prima di sbandierare ai quattro venti le assunzioni a tempo indeterminato dei docenti e di non creare in questi ultimi amare disillusioni.

Molti insegnanti, infatti, appartengono alla platea del precariato storico e vantano numerosi anni di insegnamento ed esperienza didattica nella scuola per cui sarebbe il caso di tutelarli e rassicurarli e non di prenderli ancora in giro ancora con contratti da supplenti (al termine delle lezioni o al termine dell’anno scolastico – 30 giugno o 31 agosto) piuttosto che concedere loro l’agognata nomina a tempo indeterminato.

Con questi dati sul calo fisiologico dovuto al decremento delle nascite e alla conseguente diminuzione delle iscrizioni degli alunni nelle scuole che senso ha bandire una pletora di concorsi per l’assunzione di altri docenti che, col taglio delle classi, non avranno la possibilità di lavorare nella scuola?

Sarebbe il caso di bandire i concorsi solo per quelle classi di concorso, dove è prevista effettiva necessità di docenti e non sui posti a rischio di esubero.

Un’altra osservazione riguarda le classi pollaio. Che fine ha fatto il provvedimento che prevedeva la cancellazione delle classi pollaio e la formazione di classi fino a 22 alunni? È sparito nel nulla oppure è stato inghiottito dalla scure dei dati ragionieristici del MEF per contenere la spesa?

Infatti di eliminazione del penoso fenomeno delle classi pollaio non se ne parla più eppure questo Governo aveva promesso che avrebbe risolto anche questa annosa faccenda, dal momento che l’insegnamento è diventata ormai una professione usurante, Quest’ultimo problema è una vicenda che tuttavia merita un approfondimento ed un discorso a parte.

L’articolo Ridurre le assunzioni di 5mila docenti precari non farà risparmiare lo Stato. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Alternanza scuola-lavoro per l’orientamento e lo sviluppo delle competenze degli studenti

Commenti disabilitati su Alternanza scuola-lavoro per l’orientamento e lo sviluppo delle competenze degli studenti

Biblioteche scolastiche, fondo per la promozione della lettura. Domande dal 16 aprile al 30 maggio

Commenti disabilitati su Biblioteche scolastiche, fondo per la promozione della lettura. Domande dal 16 aprile al 30 maggio

Bullismo, da Polizia Anci e pediatri cassetta attrezzi per docenti e genitori

Commenti disabilitati su Bullismo, da Polizia Anci e pediatri cassetta attrezzi per docenti e genitori

Percorsi abilitanti selettivi e concorsi ordinari: la ricetta per la scuola del futuro. Lettera

Commenti disabilitati su Percorsi abilitanti selettivi e concorsi ordinari: la ricetta per la scuola del futuro. Lettera

Precari 36 mesi, Serafini (SNALS): PAS e concorsi saranno entro e non oltre il 2019

Commenti disabilitati su Precari 36 mesi, Serafini (SNALS): PAS e concorsi saranno entro e non oltre il 2019

La scuola prepara al lavoro? Il 54% dei ragazzi preoccupato per il futuro

Commenti disabilitati su La scuola prepara al lavoro? Il 54% dei ragazzi preoccupato per il futuro

Coronavirus, deceduta maestra di Arezzo

Commenti disabilitati su Coronavirus, deceduta maestra di Arezzo

Orientamento all’autoimprenditoria: trasformare idee in progetti d’impresa

Commenti disabilitati su Orientamento all’autoimprenditoria: trasformare idee in progetti d’impresa

Maturità, Ministero: confronto aperto, a giorni decisioni ufficiali

Commenti disabilitati su Maturità, Ministero: confronto aperto, a giorni decisioni ufficiali

Family Act di Renzi: più soldi a famiglie, investimenti su asili nido

Commenti disabilitati su Family Act di Renzi: più soldi a famiglie, investimenti su asili nido

Rientro a settembre, Azzolina: dal 1° scuole aperte, linee guida in dirittura d’arrivo

Commenti disabilitati su Rientro a settembre, Azzolina: dal 1° scuole aperte, linee guida in dirittura d’arrivo

Bandi concorsi scuola, Azzolina: dopo parere CSPI valuteremo eventuali modifiche. Ma non daremo in anticipo domande e risposte

Commenti disabilitati su Bandi concorsi scuola, Azzolina: dopo parere CSPI valuteremo eventuali modifiche. Ma non daremo in anticipo domande e risposte

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti