Ricerca, “così i virus dell’Aids e delle epatiti B e C mettono ko il sistema immunitario”

Come fanno alcuni virus a dribblare le difese naturali dell’organismo, invadendolo e causando malattie, anche mortali? Gli scienziati dell’Irccs ospedale San Raffaele di Milano sono riusciti a spiegare per la prima volta la strategia adottata da alcuni microrganismi – come i virus dell’Aids (Hiv) e delle epatiti B e C (Hbv e Hcv) – per ingannare il sistema immunitario, “impossessarsi” delle cellule bersaglio e proliferare nell’organismo in maniera libera. Il lavoro, pubblicato su Science Immunology, è coordinato da Matteo Iannacone, cervello italiano rientrato in patria dagli Stati Uniti dopo aver vinto il Career Development Award della Fondazione Armenise-Harvard, che gli ha permesso di aprire un nuovo laboratorio presso l’Istituto milanese.

Il team di ricerca – spiegano dal San Raffaele – ha utilizzato una rivoluzionaria tecnica di microscopia in vivo, la microscopia intravitale, che ha permesso di osservare dall’interno e in tempo reale come si comportano le cellule del sistema immunitario in azione. “Una volta identificato il meccanismo che i virus sfruttano per persistere nell’ospite” – dice Iannacone, a capo dell’Unità di ricerca in Dinamica delle risposte immunitarie nella Divisione di Immunologia, Trapianti e Malattie Infettive – “abbiamo provato a intervenire direttamente sui monociti infiammatori che sembravano ostacolare la risposta immunitaria e abbiamo scoperto che eliminandoli, impedendone l’arrivo nei linfonodi o ancora disattivandone la funzione – si ripristina una corretta risposta immunitaria: i linfociti B riescono di nuovo a produrre anticorpi così da eliminare il virus”.

In genere quando un virus entra nell’organismo i linfociti B, un tipo di globuli bianchi, si attivano e producono anticorpi specifici: proteine a forma di Y che si attaccano alla superficie del microrganismo intruso, disattivandolo o segnalandolo ad altri “poliziotti” del sistema immunitario che possono così riconoscerlo ed eliminarlo. Ma alcuni tipi di virus – come appunto Hiv, Hbv e Hcv – sono in grado di bloccare questo processo: evadono le difese e si moltiplicano nell’organismo, senza che il sistema immunitario possa fermarli. Il motivo per cui alcuni germi nemici vengono eliminati immediatamente e altri no è rimasto finora misterioso. Adesso gli studiosi milanesi forniscono una prima spiegazione a livello molecolare. Lo studio è stato finanziato dallo European Research Council, da Fondazione Giovanni Armenise-Harvard, dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, della European molecular biology organization e del ministero della Salute.

L’abstract su Science

L’articolo Ricerca, “così i virus dell’Aids e delle epatiti B e C mettono ko il sistema immunitario” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Roma – L’estate degli sgomberi

Commenti disabilitati su Roma – L’estate degli sgomberi

I figli

Commenti disabilitati su I figli

Siria, la pandemia ha paralizzato l’economia e la vita sociale: “E’ peggio che sotto le bombe”

Commenti disabilitati su Siria, la pandemia ha paralizzato l’economia e la vita sociale: “E’ peggio che sotto le bombe”

Myanmar, ai Rohingya si impedisce l’accesso al cibo per costringerli a fuggire

Commenti disabilitati su Myanmar, ai Rohingya si impedisce l’accesso al cibo per costringerli a fuggire

Il Black Friday dell’irriverente. Il giorno dopo

Commenti disabilitati su Il Black Friday dell’irriverente. Il giorno dopo

Migranti e rifugiati: accordo Italia-Libia, “scacco matto” in quattro mosse ai diritti umani

Commenti disabilitati su Migranti e rifugiati: accordo Italia-Libia, “scacco matto” in quattro mosse ai diritti umani

Embrioni chimera, annullato lo stop ai finanziamenti pubblici in Usa. Un comitato deciderà il loro futuro

Commenti disabilitati su Embrioni chimera, annullato lo stop ai finanziamenti pubblici in Usa. Un comitato deciderà il loro futuro

Incontra la Scienza!

Commenti disabilitati su Incontra la Scienza!

Nuovi italiani, «Siamo figli e figlie d’Italia, bambini, adolescenti e adulti cresciuti qui, ma ancora fantasmi per legge”

Commenti disabilitati su Nuovi italiani, «Siamo figli e figlie d’Italia, bambini, adolescenti e adulti cresciuti qui, ma ancora fantasmi per legge”

Burundi, con Avsi nel paese verde dove ai giovani si insegna il domani

Commenti disabilitati su Burundi, con Avsi nel paese verde dove ai giovani si insegna il domani

Il capitolo «Lavoro, professionalità, rappresentanze» del 51° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2017

Commenti disabilitati su Il capitolo «Lavoro, professionalità, rappresentanze» del 51° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese/2017

Tumori gastrointestinali: i pazienti chiedono un’assistenza equa e di qualità in tutte le fasi della malattia

Commenti disabilitati su Tumori gastrointestinali: i pazienti chiedono un’assistenza equa e di qualità in tutte le fasi della malattia

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti