Ricerca conferma che non c’è differenza di genere nel capire la matematica

Le ricercatrici, come riporta Il Manifesto, hanno studiato le reazioni del cervello con la risonanza magnetica in 55 bambine e 49 bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni di fronte a stimoli cerebrali di tipo matematico.

Lo studio ha confermato che il cervello funziona esattamente nello stesso modo in entrambi i sessi, quando avviene un ragionamento semplice come contare o eseguire addizioni.

Lo stesso risultato si è avuto in un test di abilità matematiche precoci: maschi e femmine usano nello stesso modo tutto il cervello e non solo l’area matematica.

Secondo Cantlon, ad allontanare le ragazze dagli studi scientifici sono la società e la cultura; le femmine si adeguano a quello che ci si aspetta da loro, cioè che non sono portate per la matematica.

“Gli insegnanti dedicano più tempo ai ragazzi durante le lezioni di matematica e le famiglie passano più tempo con i maschi in attività legate alla cognizione spaziale”.

“Essere consapevoli di queste cause è necessario”, conclude Cantlon, “tutte e tutti noi dobbiamo imparare a non riprodurre le disuguaglianze di genere”.

L’articolo Ricerca conferma che non c’è differenza di genere nel capire la matematica sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti