Regionalizzazione, Conte: docenti devono essere nazionali. No strappo su scuola, presto sintesi

Nodo scuola

E’ stato proprio il nodo scuola che ha fatto saltare i nervi ai due partiti di maggioranza. Da un lato Lombardia e Veneto che chiedono pieno controllo dell’istruzione, inclusa la possibilità di assumere anche i docenti trasformandoli in impiegati regionali. Dall’altro il Movimento 5 Stelle che ha espresso perplessità sulla costituzionalità della richiesta.

Ma il nodo scuola va oltre, e tocca il modello formativo dello Stato italiano. Per Di Maio ci sono anche altre questioni che ha fatto sottintendere, quando ha affermato: Un bambino non decide in che regione nascere. Parliamo, quindi, con molta probabilità di risorse e di qualità dell’insegnamento conseguente e legato all’offerta formativa.

Conte rassicura

Su quello che è stato lo scontro della giornata è intervenuto il premier, che così si è espresso: “Non per sminuire quelle che possono essere anche delle divergenze. Oggi, se entriamo nei dettagli, si è ragionato di scuola, un capitolo che suscita grande sensibilità da parte di tutti, perché ragioniamo di un modello di formazione e di reclutamento. Sono temi molto importanti”. “Sarei sorpreso – ha concluso Conte – se ci fosse stato un pensiero unico su tutto”.

“Chiaro che la scuola e i docenti non possono che essere nazionali”, ha detto.

“Nell’ambito di questi pilastri – ha aggiunto – stiamo valutando come raccogliere alcune sensibilità locali e coniugarle con quello che è un pilastro nazionale” .

I tempi? “Brevi, brevissimi”

L’articolo Regionalizzazione, Conte: docenti devono essere nazionali. No strappo su scuola, presto sintesi sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti