Regali di fine anno a maestre, docenti e dirigenti: se il valore supera i 150 euro si può essere anche licenziati

Esistono dei limiti? E’ lecito accettare regali dalle famiglie o dagli alunni?

Regolamento

La materia è disciplinata dal codice di comportamento per la Pubblica amministrazione emanato dall’ex Ministro Brunetta, articolo 4.

In esso si fa divieto al dipendente di:

  • chiedere o sollecitare per sé o per altri, regali o altre utilità
  • accettare , per sé o per altri, regali o altre utilità, salvo quelli d’uso di modico (indicato nella somma di 150 euro)
  • accettare, per sè o per altri, da un proprio subordinato, direttamente o indirettamente, regali o altre utilità, salvo quelli d’uso di modico valore.

A quali pene si va incontro?

Dipende. Se si richiede o accetta un regalo superiore al valore di 150 euro si può incorrere in una multa o sanzione pecuniaria o la sospensione dal servizio. Uguale pena se il Dirigente ha omesso vigilanza.

La pena si inasprisce se il regalo è ricevuto a titolo di corrispettivo per attività dovuta. In questo caso si va dalla sospensione dal servizio da 3 a 6 anni, fino al licenziamento.

L’articolo Regali di fine anno a maestre, docenti e dirigenti: se il valore supera i 150 euro si può essere anche licenziati sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti