Pulci, zecche e pidocchi a rischio a causa del cambiamento climatico

Potrebbe sembrare una buona notizia, ma non lo è. A causa dei cambiamenti climatici un terzo dei parassiti del globo potrebbe estinguersi ben prima della fine del secolo, entro poco più di 50 anni. Nonostante la cattiva reputazione di pulci, pidocchi, zecche e tenie, la perdita di queste specie potrebbe irrimediabilmente danneggiare gli ecosistemi naturali come suggerisce un’analisi dell’Istituto Smithsonian pubblicata sulla rivista Science Advances.

Gli organismi parassiti, spiegano i ricercatori, hanno cicli di vita molto complessi che implicano il bisogno di più specie “ospiti” su cui proliferare. Ecco perché normalmente la loro diversità viene considerata un segno di ecosistemi in salute, nonostante il rapporto con l’uomo non sia sempre dei migliori. Per studiare l’impatto dei cambiamenti climatici sui parassiti, argomento ancora poco esplorato, gli scienziati hanno sfruttato l’immenso catalogo di specie del Museo di Storia Naturale dello Smithsonian e la raccolta di dati sulla distribuzione geografica di pulci, zecche, pidocchi e altre milioni di organismi simili. Dall’analisi effettuata è emerso che nel peggiore scenario possibile, dal punto di vista climatico, oltre un terzo delle specie si estinguerà entro il 2070. Il modello più ottimistico prevede comunque una perdita del 10% dei parassiti nello stesso arco temporale.

L’articolo Pulci, zecche e pidocchi a rischio a causa del cambiamento climatico proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Diritti dei minori, la sfida dell’accoglienza per chi non ha più una casa

Commenti disabilitati su Diritti dei minori, la sfida dell’accoglienza per chi non ha più una casa

Legge di Bilancio, bonus 80 euro Renzi potrebbe trasformarsi in detrazione

Commenti disabilitati su Legge di Bilancio, bonus 80 euro Renzi potrebbe trasformarsi in detrazione

ONG, “Alcune organizzazioni straniere danneggiano il Terzo settore in Italia: no alla pornografia del dolore”

Commenti disabilitati su ONG, “Alcune organizzazioni straniere danneggiano il Terzo settore in Italia: no alla pornografia del dolore”

Costa D’Avorio, “La sfida è farcela qui”: i progetti che lanciano l’invito a giovani (e non solo), “Non partite, restate”

Commenti disabilitati su Costa D’Avorio, “La sfida è farcela qui”: i progetti che lanciano l’invito a giovani (e non solo), “Non partite, restate”

Spaghetti integrali con ragù di polpo

Commenti disabilitati su Spaghetti integrali con ragù di polpo

Recupero, Unità, Servizio

Commenti disabilitati su Recupero, Unità, Servizio

Super Luna 2016, anche la Nasa attende l’appuntamento: la più luminosa degli ultimi 68 anni

Commenti disabilitati su Super Luna 2016, anche la Nasa attende l’appuntamento: la più luminosa degli ultimi 68 anni

Concorso riservato facenti funzioni DSGA, la norma è entrata nel Decreto scuola [Il testo]

Commenti disabilitati su Concorso riservato facenti funzioni DSGA, la norma è entrata nel Decreto scuola [Il testo]

Disuguaglianze,: l’1% della popolazione latinoamericana possiede più del 40% della ricchezza dell’intera regione

Commenti disabilitati su Disuguaglianze,: l’1% della popolazione latinoamericana possiede più del 40% della ricchezza dell’intera regione

I bambini non sono tutti uguali? La raccolta fondi per i minori disabili del Camerun

Commenti disabilitati su I bambini non sono tutti uguali? La raccolta fondi per i minori disabili del Camerun

“L’Africa in uno sguardo – Il Terzo Cinema” la rassegna al Circolo “30 Formiche”

Commenti disabilitati su “L’Africa in uno sguardo – Il Terzo Cinema” la rassegna al Circolo “30 Formiche”

Referendum sull’euro. Una bufala. L’articolo 75 della Costituzione

Commenti disabilitati su Referendum sull’euro. Una bufala. L’articolo 75 della Costituzione

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti