Pulci, zecche e pidocchi a rischio a causa del cambiamento climatico

Potrebbe sembrare una buona notizia, ma non lo è. A causa dei cambiamenti climatici un terzo dei parassiti del globo potrebbe estinguersi ben prima della fine del secolo, entro poco più di 50 anni. Nonostante la cattiva reputazione di pulci, pidocchi, zecche e tenie, la perdita di queste specie potrebbe irrimediabilmente danneggiare gli ecosistemi naturali come suggerisce un’analisi dell’Istituto Smithsonian pubblicata sulla rivista Science Advances.

Gli organismi parassiti, spiegano i ricercatori, hanno cicli di vita molto complessi che implicano il bisogno di più specie “ospiti” su cui proliferare. Ecco perché normalmente la loro diversità viene considerata un segno di ecosistemi in salute, nonostante il rapporto con l’uomo non sia sempre dei migliori. Per studiare l’impatto dei cambiamenti climatici sui parassiti, argomento ancora poco esplorato, gli scienziati hanno sfruttato l’immenso catalogo di specie del Museo di Storia Naturale dello Smithsonian e la raccolta di dati sulla distribuzione geografica di pulci, zecche, pidocchi e altre milioni di organismi simili. Dall’analisi effettuata è emerso che nel peggiore scenario possibile, dal punto di vista climatico, oltre un terzo delle specie si estinguerà entro il 2070. Il modello più ottimistico prevede comunque una perdita del 10% dei parassiti nello stesso arco temporale.

L’articolo Pulci, zecche e pidocchi a rischio a causa del cambiamento climatico proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Svezia, nuvola a forma di Ufo sopra le piste da sci: è una nube lenticolare – FOTO

Commenti disabilitati su Svezia, nuvola a forma di Ufo sopra le piste da sci: è una nube lenticolare – FOTO

Depressione, scoperte 15 regioni di Dna associate alla malattia. “Un aiuto per sviluppare nuove terapie”

Commenti disabilitati su Depressione, scoperte 15 regioni di Dna associate alla malattia. “Un aiuto per sviluppare nuove terapie”

Atrofia muscolare spinale, parte la somministrazione del nuovo farmaco: “Può fermare l’aggravarsi della malattia”

Commenti disabilitati su Atrofia muscolare spinale, parte la somministrazione del nuovo farmaco: “Può fermare l’aggravarsi della malattia”

New Horizons regala nuove immagini di Plutone, il video della Nasa rivela dettagli inediti del pianeta nano

Commenti disabilitati su New Horizons regala nuove immagini di Plutone, il video della Nasa rivela dettagli inediti del pianeta nano

Charlie Gard, ecco in cosa consiste la terapia sperimentale proposta dal Bambino Gesù di Roma

Commenti disabilitati su Charlie Gard, ecco in cosa consiste la terapia sperimentale proposta dal Bambino Gesù di Roma

Marte, la missione umana nel 2030? La Nasa non ha più una data

Commenti disabilitati su Marte, la missione umana nel 2030? La Nasa non ha più una data

Vaccini, Burioni: “Morbillo? In Italia c’è una vera epidemia, per me è una umiliazione come cittadino”

Commenti disabilitati su Vaccini, Burioni: “Morbillo? In Italia c’è una vera epidemia, per me è una umiliazione come cittadino”

Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Commenti disabilitati su Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Tumori, lo studio italiano per impedire le metastasi bloccando la migrazione delle cellule tumorali nell’organismo

Commenti disabilitati su Tumori, lo studio italiano per impedire le metastasi bloccando la migrazione delle cellule tumorali nell’organismo

Studio su le particelle della Forza di Star Wars, così un ricercatore è riuscito a far pubblicare una bufala

Commenti disabilitati su Studio su le particelle della Forza di Star Wars, così un ricercatore è riuscito a far pubblicare una bufala

Cancro, l’origine silenziosa: svelato il meccanismo sulla diffusione precoce

Commenti disabilitati su Cancro, l’origine silenziosa: svelato il meccanismo sulla diffusione precoce

Fotografata per la prima volta una “culla” di stelle nella Nebulosa di Orione

Commenti disabilitati su Fotografata per la prima volta una “culla” di stelle nella Nebulosa di Orione

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti