Permessi retribuiti, può il dirigente negarli?

Può il dirigente negare il permesso?

No, il dirigente non può negare il permesso retribuito. Tali permessi possono essere fruiti “per motivi personali e familiari” consentendo, quindi, a ciascun dipendente, di individuare le situazioni soggettive o le esigenze di carattere personale o familiare ritenute più opportune ai fini del ricorso a tale particolare tutela contrattuale.

Per quali motivi posso prenderli?

Il contratto fa riferimento sia alle esigenze personali che a quelle di famiglia. Non è necessario che i motivi siano gravi, ma sono legati ad un senso generico di situazione legata al benessere, sviluppo e progresso dell’impiegato facente parte di una famiglia o come individuo singolo.

E’ il dipendente a giudicare il rilievo del motivo che motiva la sua assenza dal lavoro.

Differenze tra docenti di ruolo e precari

La differenza tra docenti con contratto a tempo indeterminato e a tempo determinato, sta nella quantità di giorni. Infatti mentre il docente a TI ha 3 giorni di permesso interamente retribuito, il docente a TD ha 6 giorni, ma senza retribuzione.

Tutte le FaQ sull’argomento

L’articolo Permessi retribuiti, può il dirigente negarli? sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti