Pensioni, decreto per anticipo buonuscita. Come funzionerà

Al momento, come riferito nei giorni scorsi, il succitato anticipo non si può richiedere, in quanto manca il decreto che ne definirà le modalità attuative, decreto che andava emanato entro sessanta giorni dalla data di conversione in legge del decreto quota 100.

Iter decreto

Il decreto, come leggiamo su Askanews, è pronto. Queste le parole della Ministra Bongiorno: “E’ pronto per essere inviato al Garante per la protezione dei dati personali e all’Autorità garante della concorrenza e del mercato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri, elaborato a seguito del tavolo tecnico di confronto con i rappresentati degli uffici del Ministero dell’Economia e delle finanze, del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, del Ministro per la Pubblica amministrazione e dell’Inps, che disciplina il procedimento di anticipazione del Tfs/Tfr per i dipendenti pubblici, così come previsto dal decreto legge ‘quota 100′”

Dopo il succitato passaggio, il decreto sarà inviato, per il previsto parere, al Consiglio di Stato.

Anticipo

Grazie alla misura prevista nel decreto n. 4/2019, i pubblici dipendenti, già andati in pensione senza aver ancora riscosso la liquidazione del Tfs/Tfr o che vi andranno nei prossimi mesi, potranno chiedere e ottenere un anticipo (fino a 45 mila euro) del loro trattamento di fine rapporto.

L’anticipo sarà possibile grazie ad un accordo tra l’Abi e i Ministri del lavoro e delle politiche sociali, dell’Economia e delle finanze e per la Pubblica amministrazione.

Procedura

La Bongiorno sintetizza il percorso da seguire al fine di ottenere l’anticipo del TFS/TFR:

  • l’interessato deve prima ricevere dall’ente erogatore del Tfs/Tfr (l’elenco degli enti erogatori sarà pubblicato e reso disponibile sul sito del Dipartimento della Funzione Pubblica entro 10 giorni dall’entrata in vigore del regolamento) la certificazione relativa al diritto all’anticipo;
  • ricevuta la certificazione, l’interessato si potrà rivolgere ad uno degli istituti di credito che hanno aderito all’accordo quadro Abi;
  • l’istituto di credito, ricevuta la conferma dall’ente erogatore circa il diritto del richiedente, liquiderà l’anticipo entro quindici giorni.

Tra la data di presentazione della domanda per la certificazione del diritto all’anticipo del Tfs/Tfr all’ente erogatore e la data di accredito dello stesso non possono trascorrere più di 75 giorni. A tale tempistica, si aggiungono i tempi di presentazione della domanda di anticipo all’istituto di credito scelto e quelli per l’istruttoria interna da parte della banca.

Restituzione somme

L’anticipo costituisce un prestito che viene restituito, tramite cessione di credito, dall’ente erogatore del Tfs/Tfr mediante il versamento all’istituto bancario della quota anticipata.

Riduzione Irpef

Oltre all’anticipo suddetto, il decreto quota 100 prevede la riduzione dell’Irpef da applicare alle somme ricevute  a titolo di Tfs/Tfr fino a 50.000,00 euro.

L’articolo Pensioni, decreto per anticipo buonuscita. Come funzionerà sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

ATA, quante ferie e festività soppresse mi spettano?

Commenti disabilitati su ATA, quante ferie e festività soppresse mi spettano?

Lo psicologo a scuola non è la soluzione. Lettera

Commenti disabilitati su Lo psicologo a scuola non è la soluzione. Lettera

Pensioni, prescrizione contributi: per lavoratori scuola nessuna scadenza il 31 dicembre 2019

Commenti disabilitati su Pensioni, prescrizione contributi: per lavoratori scuola nessuna scadenza il 31 dicembre 2019

Sciopero clima, assenza giustificata: a decidere i Collegi docenti. Nota MIUR

Commenti disabilitati su Sciopero clima, assenza giustificata: a decidere i Collegi docenti. Nota MIUR

Sindorme autistica: dalle strategie autistiche alle App utili per la didattica. Quadro normativo

Commenti disabilitati su Sindorme autistica: dalle strategie autistiche alle App utili per la didattica. Quadro normativo

Quale nuovo modello di scuola dopo l’emergenza sanitaria determinata dal Covid-19? Lettera

Commenti disabilitati su Quale nuovo modello di scuola dopo l’emergenza sanitaria determinata dal Covid-19? Lettera

Agia: definire standard minimi uguali tra regioni per mense e asili nido

Commenti disabilitati su Agia: definire standard minimi uguali tra regioni per mense e asili nido

Coronavirus, anche per le scuole paritarie hanno subìto danni. Si chiede Cassa Integrazione Guadagni in deroga

Commenti disabilitati su Coronavirus, anche per le scuole paritarie hanno subìto danni. Si chiede Cassa Integrazione Guadagni in deroga

Coronavirus, decalogo per chi sta a casa. Lettera

Commenti disabilitati su Coronavirus, decalogo per chi sta a casa. Lettera

Scuole inviano questionari a studenti anche di carattere politico. Ministero si dissocia

Commenti disabilitati su Scuole inviano questionari a studenti anche di carattere politico. Ministero si dissocia

Legge 104 venga applicata realmente! Lettera a Fioramonti

Commenti disabilitati su Legge 104 venga applicata realmente! Lettera a Fioramonti

Rinnovo del contratto, Anief: befana amara per docenti e precari, altro che aumenti, in arrivo nemmeno l’adeguamento all’inflazione

Commenti disabilitati su Rinnovo del contratto, Anief: befana amara per docenti e precari, altro che aumenti, in arrivo nemmeno l’adeguamento all’inflazione

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti