Orientare alle scienze dopo il diploma: 4.000 euro per chi si iscrive a Matematica

I dati dicono infatti che tra tutti i laureati italiani, a 3 anni dal conseguimento del titolo, è l’85% a lavorare, con uno stipendio medio di 1.300 euro al mese. Cifre decisamente migliori sono invece quelle dei laureati in Matematica: a 3 anni dal conseguimento del titolo è il 95% dei neo-matematici a lavorare, percependo uno stipendio medio di 1.349 euro. Ciò farebbe entrare di diritto Matematica tra le lauree con cui si trova prima lavoro e si guadagna di più.

Ecco che, indirizzare gli studenti e le studentesse in uscita dalle scuole superiori, diploma alla mano, verso un percorso di studi universitario in Matematica sembra essere una scelta piuttosto condivisibile. E questo non solo per il prestigio che naturalmente riveste la materia, né solo per il “fascino” che i numeri hanno sempre esercitato.

In quest’ordine di idee, sono diverse le iniziative che spingono a valorizzare la Matematica tra i più giovani, spingendoli verso una carriera formativa e professionale nella disciplina. E proprio per favorire l’iscrizione dei giovani a corsi di laurea in Matematica, è stato recentemente bandito dall’Istituto Nazionale di Alta Matematica “Francesco Severi” (INdAM) un concorso finalizzato all’assegnazione di 30 Borse di studio da 4.000 euro ciascuna a neodiplomati che decidano di iscriversi, per il prossimo anno accademico (2019/2020) a un corso di laurea triennale in Scienze matematiche (classe L-35) in uno dei 50 Atenei italiani che ospitano un’unità di ricerca dell’INdAM. Un’iniziativa davvero meritoria che ha lo scopo di addolcire il percorso di studi dei più meritevoli giovani italiani aspiranti Matematici (maggiori informazioni e il bando completo del concorso sono disponibili qui).

L’articolo Orientare alle scienze dopo il diploma: 4.000 euro per chi si iscrive a Matematica sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti