Orientamento dopo il diploma: scegliere una laurea o un ITS?

Come ogni anno ci viene ricordato dalle rilevazioni di AlmaLaurea, esistono alcuni corsi di laurea che esibiscono dei tassi di occupazione in uscita piuttosto bassi, come per esempio quelli in Lettere, Psicologia o Giurisprudenza. Altri, al contrario, vedono i propri laureati entrare in tempi brevi nel mondo delle professioni, garantendo spesso anche livelli retributivi di un certo rilievo, e parliamo per esempio delle varie lauree in Ingegneria, di Medicina e chirurgia e di Sicurezza informatica.

Ma ai giovani che concludono il proprio percorso di scuola superiore e che intendono proseguire con studi terziari non è dato da scegliere soltanto tra i diversi corsi di laurea e le diverse facoltà universitarie. Essi hanno infatti un’altra possibilità: iscriversi a uno dei 104 Istituti Tecnici Superiori (ITS) italiani, percorsi professionalizzanti pensati in prima battuta per fornire le competenze richieste dal mercato del lavoro, con un occhio particolarmente attento alle eccellenze del sistema d’impresa territoriale dell’ambito in cui il singolo ITS insiste. Percorsi che si sviluppano in 6 particolari ambiti disciplinari: 1) Mobilità sostenibile, 2) Efficienza energetica, 3) Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – Turismo, 4) Tecnologie dell’informazione e della comunicazione, 5) Nuove tecnologie della vita, 6) Nuove tecnologie per il Made in Italy.

Gli ITS, per quanto ancora poco conosciuti in Italia, rappresentano allora una valida alternativa alla laurea, perché sono presenti in quasi tutte le Regioni italiane, perché offrono percorsi formativi in vari ambiti disciplinari, perché garantiscono una formazione di livello terziario e perché, in accordo con quanto detto sopra, hanno dei livelli di occupazione in uscita molto elevati: secondo il rapporto Education at a glance 2019 si parla dell’82% nella classe di età 25-64 anni (valore che in alcune aree del Paese arriva anche a toccare quota 90%).

Nonostante questo, però, sono ancora pochissimi i giovani che decidono di iscriversi a un ITS. Secondo dati riferiti al 2018, infatti, in Italia ci si attesterebbe su un totale nazionale di circa 11.000 studenti coinvolti negli ITS. Numero che fa impallidire se confrontato con quelli degli analoghi istituti di Germania (760.000 iscritti), Francia (530.000), Spagna (400.000) e Gran Bretagna (270.000).

Insomma, diffondere la conoscenza degli ITS e delle possibilità da essi offerti sembra essere uno degli imperativi da seguire per coniugare elevati livelli di istruzione con l’obiettivo di raggiungere piena occupazione tra i giovani (maggiori informazioni sugli ITS sono disponibili qui).

L’articolo Orientamento dopo il diploma: scegliere una laurea o un ITS? sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Sindacati scuola Sicilia preoccupati per assenza interlocutore istituzionale

Commenti disabilitati su Sindacati scuola Sicilia preoccupati per assenza interlocutore istituzionale

Idonei concorso 2016, ciambella di salvataggio nel decreto scuola per assicurare ruolo

Commenti disabilitati su Idonei concorso 2016, ciambella di salvataggio nel decreto scuola per assicurare ruolo

“Il tuo cellulare è intelligente. Usalo con intelligenza”, al via la campagna informativa Miur, Ministeri della salute e dell’Ambiente

Commenti disabilitati su “Il tuo cellulare è intelligente. Usalo con intelligenza”, al via la campagna informativa Miur, Ministeri della salute e dell’Ambiente

Coronavirus, possibile l’acquisto di hardware con la Carta del docente fino al 31 luglio

Commenti disabilitati su Coronavirus, possibile l’acquisto di hardware con la Carta del docente fino al 31 luglio

Immissioni in ruolo 2019/20, autorizzati meno posti del necessario. Ne mancano all’appello 12mila

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo 2019/20, autorizzati meno posti del necessario. Ne mancano all’appello 12mila

“Che vergogna. I docenti non sono eroi”, così titola “Il Giornale”. “Anche noi abbiamo lottato”

Commenti disabilitati su “Che vergogna. I docenti non sono eroi”, così titola “Il Giornale”. “Anche noi abbiamo lottato”

Anno di prova docenti: ecco la differenza tra “rimandare” e “ripetere” il periodo di formazione [e quante volte è possibile farlo]

Commenti disabilitati su Anno di prova docenti: ecco la differenza tra “rimandare” e “ripetere” il periodo di formazione [e quante volte è possibile farlo]

Insegnante Paschetto: ho eliminato compiti obbligatori, ecco le attività che propongo

Commenti disabilitati su Insegnante Paschetto: ho eliminato compiti obbligatori, ecco le attività che propongo

Cara Ministra, perché sugli esami online non ha ascoltato gli insegnanti? Lettera

Commenti disabilitati su Cara Ministra, perché sugli esami online non ha ascoltato gli insegnanti? Lettera

Precariato, Pittoni (Lega): problemi sono tanti, non si risolvono con bacchetta magica

Commenti disabilitati su Precariato, Pittoni (Lega): problemi sono tanti, non si risolvono con bacchetta magica

Edilizia scolastica. Pubblicato il decreto di riparto delle risorse INAIL tra le regioni per la costruzione di nuove scuole – poli d’infanzia

Commenti disabilitati su Edilizia scolastica. Pubblicato il decreto di riparto delle risorse INAIL tra le regioni per la costruzione di nuove scuole – poli d’infanzia

Coronavirus, per salvare chiusura paritarie fondo da 100milioni di euro o detrazione fiscale per famiglie

Commenti disabilitati su Coronavirus, per salvare chiusura paritarie fondo da 100milioni di euro o detrazione fiscale per famiglie

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti