Orientamento dopo il diploma: scegliere una laurea o un ITS?

Come ogni anno ci viene ricordato dalle rilevazioni di AlmaLaurea, esistono alcuni corsi di laurea che esibiscono dei tassi di occupazione in uscita piuttosto bassi, come per esempio quelli in Lettere, Psicologia o Giurisprudenza. Altri, al contrario, vedono i propri laureati entrare in tempi brevi nel mondo delle professioni, garantendo spesso anche livelli retributivi di un certo rilievo, e parliamo per esempio delle varie lauree in Ingegneria, di Medicina e chirurgia e di Sicurezza informatica.

Ma ai giovani che concludono il proprio percorso di scuola superiore e che intendono proseguire con studi terziari non è dato da scegliere soltanto tra i diversi corsi di laurea e le diverse facoltà universitarie. Essi hanno infatti un’altra possibilità: iscriversi a uno dei 104 Istituti Tecnici Superiori (ITS) italiani, percorsi professionalizzanti pensati in prima battuta per fornire le competenze richieste dal mercato del lavoro, con un occhio particolarmente attento alle eccellenze del sistema d’impresa territoriale dell’ambito in cui il singolo ITS insiste. Percorsi che si sviluppano in 6 particolari ambiti disciplinari: 1) Mobilità sostenibile, 2) Efficienza energetica, 3) Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – Turismo, 4) Tecnologie dell’informazione e della comunicazione, 5) Nuove tecnologie della vita, 6) Nuove tecnologie per il Made in Italy.

Gli ITS, per quanto ancora poco conosciuti in Italia, rappresentano allora una valida alternativa alla laurea, perché sono presenti in quasi tutte le Regioni italiane, perché offrono percorsi formativi in vari ambiti disciplinari, perché garantiscono una formazione di livello terziario e perché, in accordo con quanto detto sopra, hanno dei livelli di occupazione in uscita molto elevati: secondo il rapporto Education at a glance 2019 si parla dell’82% nella classe di età 25-64 anni (valore che in alcune aree del Paese arriva anche a toccare quota 90%).

Nonostante questo, però, sono ancora pochissimi i giovani che decidono di iscriversi a un ITS. Secondo dati riferiti al 2018, infatti, in Italia ci si attesterebbe su un totale nazionale di circa 11.000 studenti coinvolti negli ITS. Numero che fa impallidire se confrontato con quelli degli analoghi istituti di Germania (760.000 iscritti), Francia (530.000), Spagna (400.000) e Gran Bretagna (270.000).

Insomma, diffondere la conoscenza degli ITS e delle possibilità da essi offerti sembra essere uno degli imperativi da seguire per coniugare elevati livelli di istruzione con l’obiettivo di raggiungere piena occupazione tra i giovani (maggiori informazioni sugli ITS sono disponibili qui).

L’articolo Orientamento dopo il diploma: scegliere una laurea o un ITS? sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Coronavirus, docenti e ATA a casa. Cosa accade per permessi o ferie già richieste per i giorni in cui scuola sarà chiusa

Commenti disabilitati su Coronavirus, docenti e ATA a casa. Cosa accade per permessi o ferie già richieste per i giorni in cui scuola sarà chiusa

TFA sostegno 2020, corso di preparazione: esempi di test preselettivo, simulatore e docenti a tua disposizione. Prezzo lancio

Commenti disabilitati su TFA sostegno 2020, corso di preparazione: esempi di test preselettivo, simulatore e docenti a tua disposizione. Prezzo lancio

Safer Internet Day 2020, 90% ragazzi affronta tema sicurezza online a scuola

Commenti disabilitati su Safer Internet Day 2020, 90% ragazzi affronta tema sicurezza online a scuola

Decreto scuola approvato al Senato, Azzolina: testo migliorato, maggioranza ha guardato a qualità

Commenti disabilitati su Decreto scuola approvato al Senato, Azzolina: testo migliorato, maggioranza ha guardato a qualità

Se le forze politiche non riescono a collaborare per abbattere il precariato,

Commenti disabilitati su Se le forze politiche non riescono a collaborare per abbattere il precariato,

Graduatorie ATA 24 mesi, le provvisorie per ogni provincia. Inserita Lecce

Commenti disabilitati su Graduatorie ATA 24 mesi, le provvisorie per ogni provincia. Inserita Lecce

Metodo didattico innovativo: apprendimento con attività motoria

Commenti disabilitati su Metodo didattico innovativo: apprendimento con attività motoria

Cellulare in classe: battaglia non facile, preside chiede collaborazione ai genitori

Commenti disabilitati su Cellulare in classe: battaglia non facile, preside chiede collaborazione ai genitori

TFA sostegno V ciclo, docenti idonei parteciperanno senza selezione. Chi sono

Commenti disabilitati su TFA sostegno V ciclo, docenti idonei parteciperanno senza selezione. Chi sono

24 CFU per partecipare al concorso a cattedra. I sindacati chiedono un incontro al MIUR per chiarimenti sull’erogazione

Commenti disabilitati su 24 CFU per partecipare al concorso a cattedra. I sindacati chiedono un incontro al MIUR per chiarimenti sull’erogazione

Scrutini, colleghi assenti: sono previsti compensi per chi li sostituisce?

Commenti disabilitati su Scrutini, colleghi assenti: sono previsti compensi per chi li sostituisce?

Fratoianni (Leu):L’attuale esecutivo deve stanziare più risorse e aprire un tavolo con sindacati

Commenti disabilitati su Fratoianni (Leu):L’attuale esecutivo deve stanziare più risorse e aprire un tavolo con sindacati

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti