Ogni tanto si riaffaccia la teoria dell’insegnamento come una “vocazione”. Lettera

Lettera

Due estremi antinomici, ma entrambi non rendono giustizia a noi docenti. Per cui c’è chi ha l’ardire di ipotizzare ulteriori incrementi dell’orario di servizio, a parità di retribuzione salariale.

Sorvolo sul fatto (da molti ignorato) che un notevole carico di lavoro e di studio è già sopportato ogni giorno da qualsiasi insegnante scrupoloso, nei tempi extra-scolastici ed in forma gratuita.

Mi riferisco agli adempimenti individuali aggiuntivi e volontari, un lavoro che si presenta oltre l’orario di lezione, necessario e funzionale all’attività didattica quotidiana: preparazione delle lezioni e correzione dei compiti, compilazione dei registri ed altri documenti burocratici, cartacei e digitali, e via discorrendo.

Mi preme evidenziare un aspetto essenziale della professione docente, vilipesa da campagne ideologiche infamanti. In base alla mia memoria ed alle mie esperienze professionali, ho avuto modo di riscontrare come nella scuola italiana prevalga una corrente di pensiero e di prassi clericaleggiante: è una visione quasi religiosa che, con malcelata ipocrisia, concepisce la funzione pedagogica nei termini di una “missione”.

In base ad una simile congettura, i docenti dovrebbero lavorare di più, animati da una “vocazione”, offrendo prestazioni di lavoro a titolo gratuito. Ma quale strana e bizzarra visione, inerente solo agli insegnanti, bensì non, ad esempio, ai presidi o ai bidelli.  Pardon, dirigenti e collaboratori scolastici.

Idem per gli avvocati, i notai, o i medici, e tutti gli altri professionisti.

Insomma, a tutti i lavoratori del comparto sia pubblico che privato, tranne gli insegnanti, le ore eccedenti (gli straordinari) vengono retribuite in modo decente.

Gli unici ad essere offesi, bistrattati e derisi sono proprio i “missionari” della scuola, che per altri sarebbero dei “lavativi privilegiati”.

Ebbene, si mettano d’accordo tra di loro: sono missionari o nullafacenti? Né l’uno, né l’altro.

Molto più laicamente, dovremmo essere qualificati come professionisti, da onorare e retribuire in quanto tali, cioè in termini più dignitosi!

Insegnamento, vocazione più che professione: 78% è appassionato da ciò che insegna. Difficoltà per gli under 35

L’articolo Ogni tanto si riaffaccia la teoria dell’insegnamento come una “vocazione”. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

PAS: no del M5S, salta il Decreto Crescita. Nuovo incontro con i sindacati

Commenti disabilitati su PAS: no del M5S, salta il Decreto Crescita. Nuovo incontro con i sindacati

L’importanza di insegnare anche storia della musica e del cinema. Lettera

Commenti disabilitati su L’importanza di insegnare anche storia della musica e del cinema. Lettera

Congedo straordinario: come può variare la durata in base al tipo di contratto

Commenti disabilitati su Congedo straordinario: come può variare la durata in base al tipo di contratto

Suggerimenti e tutorial dell’Indire per la DaD del Secondo ciclo

Commenti disabilitati su Suggerimenti e tutorial dell’Indire per la DaD del Secondo ciclo

Mollicone (FdI): “Fioramonti sceglie la sola scuola inglese per il figlio”

Commenti disabilitati su Mollicone (FdI): “Fioramonti sceglie la sola scuola inglese per il figlio”

Rilevazione presenze con impronte digitali per DS e ATA, Snals: stupisce il silenzio del Miur

Commenti disabilitati su Rilevazione presenze con impronte digitali per DS e ATA, Snals: stupisce il silenzio del Miur

Coronavirus: prova Invalsi, nei prossimi giorni misure per riprendere normali attività

Commenti disabilitati su Coronavirus: prova Invalsi, nei prossimi giorni misure per riprendere normali attività

Trasferimenti docenti, le 104 non convincono. M5S a Bussetti: necessaria una verifica

Commenti disabilitati su Trasferimenti docenti, le 104 non convincono. M5S a Bussetti: necessaria una verifica

Azzolina su Auschwitz: ringrazio i docenti che ogni giorno lavorano per dare la migliore formazione possibile ai nostri ragazzi

Commenti disabilitati su Azzolina su Auschwitz: ringrazio i docenti che ogni giorno lavorano per dare la migliore formazione possibile ai nostri ragazzi

No a bonus merito in busta paga, arriva il primo stop da parte di un membro della maggioranza

Commenti disabilitati su No a bonus merito in busta paga, arriva il primo stop da parte di un membro della maggioranza

Rientro a scuola: dalla distanza tra i banchi alle lezioni miste online e in aula. Misure al vaglio del Ministero

Commenti disabilitati su Rientro a scuola: dalla distanza tra i banchi alle lezioni miste online e in aula. Misure al vaglio del Ministero

Ministro Azzolina martedì 7 luglio in Sicilia. Andrà a Vittoria, nella scuola presa di mira dai vandali

Commenti disabilitati su Ministro Azzolina martedì 7 luglio in Sicilia. Andrà a Vittoria, nella scuola presa di mira dai vandali

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti