Ogni tanto si riaffaccia la teoria dell’insegnamento come una “vocazione”. Lettera

Lettera

Due estremi antinomici, ma entrambi non rendono giustizia a noi docenti. Per cui c’è chi ha l’ardire di ipotizzare ulteriori incrementi dell’orario di servizio, a parità di retribuzione salariale.

Sorvolo sul fatto (da molti ignorato) che un notevole carico di lavoro e di studio è già sopportato ogni giorno da qualsiasi insegnante scrupoloso, nei tempi extra-scolastici ed in forma gratuita.

Mi riferisco agli adempimenti individuali aggiuntivi e volontari, un lavoro che si presenta oltre l’orario di lezione, necessario e funzionale all’attività didattica quotidiana: preparazione delle lezioni e correzione dei compiti, compilazione dei registri ed altri documenti burocratici, cartacei e digitali, e via discorrendo.

Mi preme evidenziare un aspetto essenziale della professione docente, vilipesa da campagne ideologiche infamanti. In base alla mia memoria ed alle mie esperienze professionali, ho avuto modo di riscontrare come nella scuola italiana prevalga una corrente di pensiero e di prassi clericaleggiante: è una visione quasi religiosa che, con malcelata ipocrisia, concepisce la funzione pedagogica nei termini di una “missione”.

In base ad una simile congettura, i docenti dovrebbero lavorare di più, animati da una “vocazione”, offrendo prestazioni di lavoro a titolo gratuito. Ma quale strana e bizzarra visione, inerente solo agli insegnanti, bensì non, ad esempio, ai presidi o ai bidelli.  Pardon, dirigenti e collaboratori scolastici.

Idem per gli avvocati, i notai, o i medici, e tutti gli altri professionisti.

Insomma, a tutti i lavoratori del comparto sia pubblico che privato, tranne gli insegnanti, le ore eccedenti (gli straordinari) vengono retribuite in modo decente.

Gli unici ad essere offesi, bistrattati e derisi sono proprio i “missionari” della scuola, che per altri sarebbero dei “lavativi privilegiati”.

Ebbene, si mettano d’accordo tra di loro: sono missionari o nullafacenti? Né l’uno, né l’altro.

Molto più laicamente, dovremmo essere qualificati come professionisti, da onorare e retribuire in quanto tali, cioè in termini più dignitosi!

Insegnamento, vocazione più che professione: 78% è appassionato da ciò che insegna. Difficoltà per gli under 35

L’articolo Ogni tanto si riaffaccia la teoria dell’insegnamento come una “vocazione”. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Delusa la docente picchiata da mamma, non riconosciuta come pubblico ufficiale

Commenti disabilitati su Delusa la docente picchiata da mamma, non riconosciuta come pubblico ufficiale

Cornavirus e decreto “cura Italia”, M5S: misure importanti per scuola e cultura

Commenti disabilitati su Cornavirus e decreto “cura Italia”, M5S: misure importanti per scuola e cultura

Gallo (M5S): diritto negato a 17 bambini del Monte Faito, isolati da 3 mesi. Il MIUR intervenga

Commenti disabilitati su Gallo (M5S): diritto negato a 17 bambini del Monte Faito, isolati da 3 mesi. Il MIUR intervenga

Lorenzo Fioramonti si dimette, avrebbe consegnato lettera a Conte

Commenti disabilitati su Lorenzo Fioramonti si dimette, avrebbe consegnato lettera a Conte

Ambiente: giovani credono in scienza per salvarlo

Commenti disabilitati su Ambiente: giovani credono in scienza per salvarlo

Una scuola australiana elimina i cestini della spazzatura: chi sporca porta a casa

Commenti disabilitati su Una scuola australiana elimina i cestini della spazzatura: chi sporca porta a casa

Classi di concorso per i nuovi indirizzi professionali: le richieste del CSPI

Commenti disabilitati su Classi di concorso per i nuovi indirizzi professionali: le richieste del CSPI

TFA sostegno 2020: accesso a coloro che hanno maturato almeno 24 mesi di insegnamento. Lettera

Commenti disabilitati su TFA sostegno 2020: accesso a coloro che hanno maturato almeno 24 mesi di insegnamento. Lettera

Didattica a distanza, monitoraggio Ministero entro 18 marzo: termine non perentorio. Utile anche per ripartizione fondi

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, monitoraggio Ministero entro 18 marzo: termine non perentorio. Utile anche per ripartizione fondi

I precari della Scuola pubblica si incontrano a Milano su iniziativa dell’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori

Commenti disabilitati su I precari della Scuola pubblica si incontrano a Milano su iniziativa dell’Associazione Nazionale Docenti per i Diritti dei Lavoratori

Educazione civica, mondo accademico e parlamentari d’accordo: Legge necessaria ma da aggiustare

Commenti disabilitati su Educazione civica, mondo accademico e parlamentari d’accordo: Legge necessaria ma da aggiustare

Detrazione visita osteopata per problemi alla schiena dovuti alla postura a scuola

Commenti disabilitati su Detrazione visita osteopata per problemi alla schiena dovuti alla postura a scuola

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti