Offendere insegnanti è oltraggio a pubblico ufficiale. Lettera

Lettera

Bisogna adoperare tutti i mezzi e le energie possibili ai massimi livelli per incrementare la considerazione sociale verso la scuola e i docenti. Offendere e dileggiare gli insegnanti assume la connotazione di oltraggio al pubblico ufficiale.

Per questa ragione occorre richiamare l’attenzione sulla diffusione di un uso indiscriminato dei social. Infatti si è ormai diffuso il malvezzo da parte dei genitori “tecnologici” di creare gruppi su WhatsApp per scambiarsi le informazioni e sapere ogni cosa che accade tra le mura scolastiche. Spesso i messaggi che veicolano sono a volte offensivi verso la classe docente e tendenti a screditare, calunniare, sminuire i docenti, creando antagonismi e dissapori.

È costume dei genitori ritrovarsi nei paraggi della scuola, dopo l’ingresso dei propri figli nelle aule, e intrattenersi per discutere non di come migliorare e rendere più produttivo il lavoro dei docenti e quindi creare un clima costruttivo tra scuola e famiglia, ma di distruggere, o meglio annientare le strategie didattico-educative degli insegnanti mettendole continuamente in discussione. Utilizzare gli strumenti multimediali per calunniare e mettere in dubbio il lavoro e l’operato dei docenti è veramente una cosa abominevole, perché si finisce in siffatto modo di deprimere il ruolo sociale dei docenti facendo perdere di prestigio all’istituzione scuola.

Gli insegnanti hanno bisogno di riconquistarsi il ruolo sociale e per permettere che ciò avvenga ha bisogno del supporto della famiglia e non di genitori che, davanti ai cancelli della scuola, vanno quotidianamente spettegolando sulle scelte e iniziative didattiche messe a punto dai docenti per poi andare a giudicare positivamente oppure negativamente. Le strategie didattiche e la valutazione degli apprendimenti degli alunni non sono prerogativa dei genitori ma dei docenti che sono anche educatori in quanto chiamati a collaborare con la famiglia e non surrogati.

L’articolo Offendere insegnanti è oltraggio a pubblico ufficiale. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Ogni notte il sonno «spazza» il nostro cervello (per far posto a cose nuove)

Commenti disabilitati su Ogni notte il sonno «spazza» il nostro cervello (per far posto a cose nuove)

Caporalato e migranti stanieri: regolarizzare i lavoratori migranti, il Procuratore Salvi spiega il progetto per combattere il caporalato

Commenti disabilitati su Caporalato e migranti stanieri: regolarizzare i lavoratori migranti, il Procuratore Salvi spiega il progetto per combattere il caporalato

Vaccini, procura di Trani: “Nessuna correlazione tra trivalente e autismo. Linee guida dell’Oms inadeguate”

Commenti disabilitati su Vaccini, procura di Trani: “Nessuna correlazione tra trivalente e autismo. Linee guida dell’Oms inadeguate”

Malattia di Crohn, nuovo trattamento con cellule staminali ideato da italiani

Commenti disabilitati su Malattia di Crohn, nuovo trattamento con cellule staminali ideato da italiani

Scienza per la democrazia: all’Europarlamento di Bruxelles si parla di libertà

Commenti disabilitati su Scienza per la democrazia: all’Europarlamento di Bruxelles si parla di libertà

Vaccino contro Sars-CoV-2, che cosa dobbiamo realmente aspettarci?

Commenti disabilitati su Vaccino contro Sars-CoV-2, che cosa dobbiamo realmente aspettarci?

E. coli, batterio diffuso (e innocuo) Ma alcuni ceppi sono pericolosissimi

Commenti disabilitati su E. coli, batterio diffuso (e innocuo) Ma alcuni ceppi sono pericolosissimi

Ragazzi e tumori: perché è importante che ne sappiano di più

Commenti disabilitati su Ragazzi e tumori: perché è importante che ne sappiano di più

Sostituzione DSGA: come individuare il supplente fra più aspiranti Assistenti Amministrativi. La retribuzione

Commenti disabilitati su Sostituzione DSGA: come individuare il supplente fra più aspiranti Assistenti Amministrativi. La retribuzione

La tentazione del Governo: regolarizzare l’esercito di lavoratori stranieri invisibili

Commenti disabilitati su La tentazione del Governo: regolarizzare l’esercito di lavoratori stranieri invisibili

Nigeria, quei bambini rapiti da Boko Haram segnati dalla guerra nel Nord Est: “Una generazione ormai perduta”

Commenti disabilitati su Nigeria, quei bambini rapiti da Boko Haram segnati dalla guerra nel Nord Est: “Una generazione ormai perduta”

La lotta di Amnesty per i codici identificativi delle forze dell’ordine: “Così si tutelano i cittadini”

Commenti disabilitati su La lotta di Amnesty per i codici identificativi delle forze dell’ordine: “Così si tutelano i cittadini”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti