Obbligo vaccinale, Cobas: provvedimento imposto d’imperio

I Cobas mettono in evidenza come le segreterie scolastiche, ridotte ai minimi termini per il personale,  non siano in grado di smaltire ulteriore lavoro burocratico, e i presidi, chiamati a sempre maggiori incombenze, comincino a dare forti segnali di insofferenza.

Ma, in particolare, – precisano i Cobas – “ci appaiono gravissime sia la preclusione dell’iscrizione alla scuola dell’infanzia ai bambini e alle bambine “non ottemperanti”, sia la grottesca “sanatoria” per coloro che, pagando una multa di 500 euro, verrebbero esentati dalle vaccinazioni (miracoli italiani: pagata la multa, finisce il rischio di contagio), sia la stolida richiesta di autocertificazione avanzata ai soli operatori della scuola (docenti e ATA), come se fossero le uniche figure pubbliche che i ragazzi incontrano e frequentano”.

“E’ possibile – si interrogano i cobas – che solo i lavoratori della Scuola debbano avere questa incombenza, mentre tutti gli altri, anche quelli che nel loro quotidiano lavoro entrano in contatto con gli stessi studenti, possono evitare di dare prova della loro “idoneità vaccinale” al lavoro?  E gli alunni/e che si vorrebbe escludere dalla scuola qualora non facessero i vaccini, non frequenterebbero poi cinema, palestre, piscine, campi sportivi, treni, ristoranti, locali pubblici? Dov’è la presunta razionalità scientifica cui tanto ci si appella?”

Per la Confederazione dei Comitati di Base (Cobas), che tengono a precisare di non essere contro i vaccini tout court, “non è questione di entrare nel merito a livello sanitario, ma di valutare la violenza istituzionale con cui il Governo, il Parlamento, l’Amministrazione hanno deciso di operare, senza nessun pericolo evidente o imminente”.

Per i Cobas, infatti, “l’imposizione” dell’obbligo vaccinale (“Imposto d’imperio – si legge nel comunicato”) nella misura e nei modi con cui si è pretesa, avrebbe trovato una giustificazione solo “in caso di  epidemie in atto o di nuove malattie, che malauguratamente dovessero diffondersi per effetto della velocizzazione degli scambi”.

L’articolo Obbligo vaccinale, Cobas: provvedimento imposto d’imperio sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Facebook Comments

redazione

Related Posts

Il Nobel per la Pace 2018 premia chi ha contrastato gli stupri come arma di guerra

Commenti disabilitati su Il Nobel per la Pace 2018 premia chi ha contrastato gli stupri come arma di guerra

Organico potenziamento a uso e consumo del DS. Io … docente depotenziata. Lettera

Commenti disabilitati su Organico potenziamento a uso e consumo del DS. Io … docente depotenziata. Lettera

In Lombardia approvati finanziamenti per 500.000 euro per l’inclusività nelle scuole paritarie

Commenti disabilitati su In Lombardia approvati finanziamenti per 500.000 euro per l’inclusività nelle scuole paritarie

Coadiutore amministrativo – GENOVA

Commenti disabilitati su Coadiutore amministrativo – GENOVA

Ultimo giorno di scuola in classe, Comitato tecnico scientifico dice no

Commenti disabilitati su Ultimo giorno di scuola in classe, Comitato tecnico scientifico dice no

Farmacista – LATINA

Commenti disabilitati su Farmacista – LATINA

Coronavirus, nella didattica a distanza non dimentichiamo di relazionarci con i nostri alunni. Lettera

Commenti disabilitati su Coronavirus, nella didattica a distanza non dimentichiamo di relazionarci con i nostri alunni. Lettera

Persone con lesione midollare: la nostra voce nel cuore delle Istituzioni

Commenti disabilitati su Persone con lesione midollare: la nostra voce nel cuore delle Istituzioni

Immissioni in ruolo: contingenti in ritardo, proposta assunzione rinviata

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo: contingenti in ritardo, proposta assunzione rinviata

Immissioni in ruolo con call veloce e graduatorie di istituto provinciali, Azzolina ne ha già parlato con Dirigenti USR

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo con call veloce e graduatorie di istituto provinciali, Azzolina ne ha già parlato con Dirigenti USR

Guerini: «Le coop per essere attrattive devono tornare alle origini»

Commenti disabilitati su Guerini: «Le coop per essere attrattive devono tornare alle origini»

Concorso solo per titoli per docenti con 36 mesi di servizio, Aosta come Trento. Lettera

Commenti disabilitati su Concorso solo per titoli per docenti con 36 mesi di servizio, Aosta come Trento. Lettera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti