Niente compiti a casa, Parodi (dirigente scolastico) alla Fedeli: bene, ma teoria e pratica non vanno scissi

Lettera aperta alla Ministra Valeria Fedeli.

Gentile Ministra, ho letto, con grande interesse, della sperimentazione sui “compiti a scuola” avviata in alcune scuole italiane.

Da tempo, sostengo la necessità di abolire i compiti nella scuola cosiddetta dell’obbligo (la petizione: “Basta compiti!”, su change.org, ha superato le 24 mila adesioni) perciò considero benemerita qualsiasi iniziativa in tal senso.

Mi limito a segnalare la follia pedagogica dei compiti quotidiani e “per le vacanze”, assegnati persino ai bambini che frequentano classi a tempo pieno (dopo 8 ore di immobilità forzata), rispetto alla quale ritengo necessario un intervento urgente da parte del Suo Ministero, pur nel rispetto delle prerogative costituzionali dei singoli docenti e dell’autonomia degli istituti, e del Ministero della Salute, giacché si tratta dell’igiene fisica e mentale degli studenti – oltreché di una patente violazione del “diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età…” sancito dall’art.31 della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ratificata dallo Stato italiano il 27 maggio 1991, con legge n.176.

Trovo però pedagogicamente insostenibile la separazione (prospettata in alcuni articoli giornalistici di commento all’iniziativa), tra teoria e pratica, l’una la mattina l’altra il pomeriggio: in una didattica sensata devono procedere di pari passo, anzi la teoria dovrebbe scaturire dalla riflessione sulla pratica che perciò la precede.

Voglio, altresì, ricordare che in Italia operano più di 500 docenti di ogni ordine e grado, ignorati dal Ministero da lei diretto (“segnalati” in più occasioni), che questa “sperimentazione” attuano da anni e senza avere necessità di estendere l’orario scolastico, e senza avere chiesto o ricevuto supporti e riconoscimenti; sono gli insegnanti iscritti al gruppo Facebook: “Docenti e Dirigenti a Compiti Zero”, l’impegno dei quali dimostra che una scuola senza compiti è possibile in qualsiasi situazione e senza bisogno di aumentare il tempo scuola.

Dovendo fare uno studio sulla “fattibilità” di una didattica “senza compiti” sarebbe stato opportuno, utile, forse anche doveroso, interpellarli, acquisire le loro testimonianze, monitorarne le esperienze (alcune riportate nell’ebook: “I compiti fanno male”).

Un’occasione mancata, sempre che il Ministero non decida di avvalersi del contributo di quei docenti che sono già oltre la sperimentazione annunciata.

Dixi et salvavi animam meam.

Maurizio Parodi
Dirigente scolastico – Autore di: “Basta compiti!” (Sonda, 2012)

Niente compiti a casa, sperimentazione del MIUR: si starà a scuola tutto il giorno. Cosa ne pensi?

L’articolo Niente compiti a casa, Parodi (dirigente scolastico) alla Fedeli: bene, ma teoria e pratica non vanno scissi sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Facebook Comments

redazione

Related Posts

Ricerca, 4 milioni per i centri del Mezzogiorno: ecco i progetti selezionati

Commenti disabilitati su Ricerca, 4 milioni per i centri del Mezzogiorno: ecco i progetti selezionati

Dopo il 3 aprile un’incognita: no al personale della scuola con mascherine. Lettera

Commenti disabilitati su Dopo il 3 aprile un’incognita: no al personale della scuola con mascherine. Lettera

Torna la Pigotta di Unicef e a sostiene i “bambini sperduti”

Commenti disabilitati su Torna la Pigotta di Unicef e a sostiene i “bambini sperduti”

Milano: COORDINATORE CENTRO ESTIVO – HINTERLAND MILANO http://dlvr.it/QSPP67 

Commenti disabilitati su Milano: COORDINATORE CENTRO ESTIVO – HINTERLAND MILANO http://dlvr.it/QSPP67 

Nonni di comunità, 300 anziani accudiranno 1.000 bambini di famiglie fragili

Commenti disabilitati su Nonni di comunità, 300 anziani accudiranno 1.000 bambini di famiglie fragili

Giornata Mondiale Autismo:”Prendimi per mano”, versi per alunni speciali! Lettera

Commenti disabilitati su Giornata Mondiale Autismo:”Prendimi per mano”, versi per alunni speciali! Lettera

Salvini: ‘E’ una follia’, Italia unico paese europeo a non aver dato una data riapertura scuola

Commenti disabilitati su Salvini: ‘E’ una follia’, Italia unico paese europeo a non aver dato una data riapertura scuola

La questione dei caregiver familiari va affrontata seriamente

Commenti disabilitati su La questione dei caregiver familiari va affrontata seriamente

Neo Dirigenti Scolastici, elenchi sedi assegnate. Aggiunti Abruzzo, Sardegna e Lombardia

Commenti disabilitati su Neo Dirigenti Scolastici, elenchi sedi assegnate. Aggiunti Abruzzo, Sardegna e Lombardia

Più di 1.100 persone hanno già detto no a quel ritorno ai vecchi istituti

Commenti disabilitati su Più di 1.100 persone hanno già detto no a quel ritorno ai vecchi istituti

Reddito di cittadinanza, la Toscana a Di Maio: “Parole inaccettabili”

Commenti disabilitati su Reddito di cittadinanza, la Toscana a Di Maio: “Parole inaccettabili”

Abilitazioni in Romania, “Gaffe del Ministero: non può invalidarle tout court, deve prevedere misure per renderle valide”

Commenti disabilitati su Abilitazioni in Romania, “Gaffe del Ministero: non può invalidarle tout court, deve prevedere misure per renderle valide”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti