Fare musica con giusti metodi di insegnamento aiuta a combattere la dislessia

“Sicuramente l’ascolto della musica giova all’umore e ai disagi ma non agisce di per sé, migliorandolo, sul disturbo dell’apprendimento. Ho intitolato un mio convegno Suonare per leggere, leggere per suonare, in cui ho collegato la lettura del linguaggio parlato all’esercizio del suonare, suonare uno strumento e saper leggere la notazione correlata. Poter suonare uno strumento a orecchio non basta. Per intervenire sul disturbo dell’apprendimento è necessario entrare nel linguaggio delle note. Il metodo ovviamente deve essere adeguato, il metodo di insegnamento musicale tradizionale non si adatta a chi ha un Dsa. I bambini che presentano questa neurodiversità sono davvero tanti, ciò vuol dire che siamo chiamati a dare risposte. La spettacolarizzazione dei fenomeni mediatici non deve farci dimenticare che nelle scuole o nei conservatori chi è più lento diventa un elemento di disturbo, fastidioso, per chi non ha gli strumenti per capire e intervenire, sia esso un insegnante o anche un compagno. Nel soggetto interessato si crea una grande sofferenza: oltre al disturbo si aggiunge il disagio di avere il disturbo. E il disagio dipende dal contesto: questo e non il disturbo in sé può veramente farti perdere la strada. È stato osservato che quando un musicista legge un testo alfabetico si attivano aree che in genere non lo sono ed è proprio questo che porta al miglioramento: lo spartito musicale è un insieme di segni che contiene informazioni dinamiche che vibrano nei loro addensamenti e nelle loro rarefazioni creando una sinergia tra teoria e prassi. Ma questo lo sappiamo da sempre, da sempre sappiamo che se uno studia musica può avere facilitazioni nella matematica e nell’espressività del parlato; la scienza, con le sue dimostrazioni e con i dati, sta solo rendendo più aulico quello che empiricamente era già chiaro”.

Spiega Montanari:“Bisogna riuscire a creare un travaso tra quello che la scienza ha scoperto e quello che la pedagogia può fare in modo pratico e accessibile. Il grande equivoco è credere che lo studio della musica faccia bene a prescindere dal metodo e dal modo: bisogna adottare un metodo in grado di creare un setting di apprendimento dove la persona possa compensarsi nel modo migliore possibile. Nel caso della persona con il disturbo da apprendimento la compensazione deve essere più raffinata e ingegnosa possibile e non deve essere ostacolata. Ci tengo a sottolineare che in molti casi non ci troviamo davanti a casi di disturbo di apprendimento ma a casi di disturbo di insegnamento.

Le istituzioni devono fornire i mezzi necessari e mantenere le promesse ma quello che conta di più è la rivoluzione individuale: ciascun insegnante di musica abbia l’interesse di formarsi sui nuovi stili di apprendimento facendo corsi di aggiornamento per sviluppare la conoscenza dei processi più che dei metodi. La fatica non deve essere interpretata come debolezza ma come una disfunzione che può essere evitata. Se si fa troppa fatica vuol dire che il setting di insegnamento è inadeguato. Nella mia lunga esperienza ho sempre potuto riscontrare che se si generano condizioni adeguate il supporto della musica è straordinario: il successo è nel leggersi come esseri umani nel flusso olistico della propria coscienza, in questo flusso ci sono anche i sentimenti, le emozioni, i progetti. La risultante non è un voto o un brano ma un vissuto. È un successo del vivere, l’esperienza della musica”.

L’articolo Fare musica con giusti metodi di insegnamento aiuta a combattere la dislessia sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

https://www.orizzontescuola.it/musica-giusti-metodi-insegnamento-aiuta-combattere-la-dislessia/

Leggi Tutto

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti