Mobilità, docente che assiste genitore invalido torna a casa. A deciderlo la Corte di Appello

La Corte di Appello di Firenze, sezione Lavoro con la sentenza n. 621/2019 pubblicata il 10 settembre 2019, in riforma della sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Pisa, ha infatti dichiarato l’illegittimità delle operazioni di mobilità dell’anno 2017 con cui il Miur aveva disposto l’assegnazione della ricorrente presso una scuola di Pontasserchio (PI) e contestualmente accertato il diritto della ricorrente al trasferimento presso l’Ambito Territoriale di Catanzaro, condannando il MIUR – USR della Calabria ad assegnarle una sede disponibile presso detto ambito.

La docente, proveniente dalle cosiddette Gae (graduatorie ad esaurimento) era stata immessa in ruolo con il piano ministeriale straordinario della legge 107/2015 “Buona scuola”. Svolto l’anno di prova in Calabria successivamente , nonostante la preferenza per le sedi calabresi, lucane, campane e laziali, è stata trasferita  in Toscana, dove è diventata titolare di cattedra in una scuola primaria di Pontasserchio (PI). La docente sarebbe stata però, scavalcata, nonostante il richiesto diritto di precedenza per assistere il padre invalido, da altre docenti che avevano ottenuto sedi più vicine. La docente ha quindi lamentato, evidenziando l’illegittimità dell’art. 13 del CCNI sulla mobilità 2017/18 nella parte in cui limita il diritto di precedenza alle sole operazioni di assegnazione provvisoria e mobilità provinciale e non anche a quelle di mobilità interprovinciale (trasferimenti definitivi da una provincia a un’altra).

Il provvedimento è particolarmente importante perchè ha accertato il carattere cogente dell’art. 33, comma 5, l. n. 104 dispone che “Il lavoratore di cui al comma 3 ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede”.

La sentenza ha in particolare evidenziato l’illegittimità della previsione del CCNI per violazione delle direttive comunitarie in materia di disabilità nella parte in cui tutelano tanto il lavoratore disabile quanto il lavoratore che si prende cura del disabile.

Il Giudice ha evidenziato che “si impone di ritenere l’esistenza di un obbligo (derivante dalla fonte superprimaria del diritto dell’Unione) del datore di lavoro, pubblico e privato, di adattare, nei limiti di sforzo non “sproporzionato”, la propria organizzazione al fine di consentire al lavoratore disabile , nonché (ed è quello che qui interessa) a chi lo assista, di svolgere la propria attività lavorativa in condizione di effettiva parità con i soggetti non portatori del fattore protetto”.

Ancora il Tribunale ha perentoriamente affermato un altro principio molto importante: il lavoratore “non deve essere posto di fronte all’alternativa tra rinunciare al rapporto di lavoro (in quanto destinato a svolgersi con modalità incompatibili con l’assistenza) ovvero alla relazione personale di assistenza con il proprio familiare (perché del tutto inconciliabile con le condizioni di tempo e di luogo della prestazione lavorativa).

Il MIUR  Ambito territoriale della Provincia di Catanzaro, proprio in data odierna, ha già eseguito la sentenza e la docente è stata trasferita presso la sede l’IC Sant’Eufemia di  Lamezia Terme.

L’articolo Mobilità, docente che assiste genitore invalido torna a casa. A deciderlo la Corte di Appello sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Didattica a distanza, Nardella: non tutte le scuole la svolgono. Centri estivi da metà giugno

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, Nardella: non tutte le scuole la svolgono. Centri estivi da metà giugno

Docenti, per il prossimo anno meno nozionismo. Più musica arte e sport. In arrivo indicazioni per nuova didattica post-Covid

Commenti disabilitati su Docenti, per il prossimo anno meno nozionismo. Più musica arte e sport. In arrivo indicazioni per nuova didattica post-Covid

Meno scartoffie per i docenti, Ministro Azzolina: consentirà di dedicare maggiore riflessione pedagogica ed educativa

Commenti disabilitati su Meno scartoffie per i docenti, Ministro Azzolina: consentirà di dedicare maggiore riflessione pedagogica ed educativa

Meglio i doppi turni che l’utopia degli spazi inesistenti. Lettera

Commenti disabilitati su Meglio i doppi turni che l’utopia degli spazi inesistenti. Lettera

Supplenze, quali posti rimarranno vacanti dopo le immissioni in ruolo in Lombardia

Commenti disabilitati su Supplenze, quali posti rimarranno vacanti dopo le immissioni in ruolo in Lombardia

PAS ci sarà solo su materia, non su sostegno

Commenti disabilitati su PAS ci sarà solo su materia, non su sostegno

‘Liberi di scegliere’: MIUR firma protocollo per minori provenienti da famiglie della criminalità organizzata

Commenti disabilitati su ‘Liberi di scegliere’: MIUR firma protocollo per minori provenienti da famiglie della criminalità organizzata

“Buon Appetito e Piatto Pulito! Nel piatto metto solo ciò che mangio” Iniziativa della Rete Nazionale Insegnanti per la Gentilezza

Commenti disabilitati su “Buon Appetito e Piatto Pulito! Nel piatto metto solo ciò che mangio” Iniziativa della Rete Nazionale Insegnanti per la Gentilezza

A Roma, oltre un migliaio di rom iscritti; alle superiori solo 3 vanno in aula

Commenti disabilitati su A Roma, oltre un migliaio di rom iscritti; alle superiori solo 3 vanno in aula

Assemblee sindacali, chi può indirle. Scaduta deroga 2016-18

Commenti disabilitati su Assemblee sindacali, chi può indirle. Scaduta deroga 2016-18

No a sospensione sciopero 17 maggio: non c’è nessun impegno ma solo una dichiarazione di intenti. Lettera

Commenti disabilitati su No a sospensione sciopero 17 maggio: non c’è nessun impegno ma solo una dichiarazione di intenti. Lettera

Esclusione dalla graduatoria interna di istituto per assistenza genitore disabile: la titolarità deve essere nella provincia di residenza del familiare

Commenti disabilitati su Esclusione dalla graduatoria interna di istituto per assistenza genitore disabile: la titolarità deve essere nella provincia di residenza del familiare

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti