MIUR e Microsoft Italia rinnovano protocollo d’Intesa: didattica più digitale, inclusiva e sostenibile

Microsoft Italia e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
Ricerca rinnovano oggi la collaborazione e siglano un nuovo Protocollo d’Intesa triennale per promuovere una cultura dell’innovazione attraverso una didattica più digitale, inclusiva e sostenibile.

La partnership, avviata nel 2015, ha visto in questi anni oltre 100 mila tra docenti e dirigenti scolastici coinvolti in percorsi di formazione e di aggiornamento su tematiche relative all’integrazione delle nuove tecnologie nelle metodologie di insegnamento a Scuola e oltre 35 mila
studenti in tutta Italia partecipare a training, laboratori e workshop dedicati ai nuovi trend digitali per acquisire le competenze necessarie per affrontare i lavori del futuro.

MIUR e Microsoft Italia proseguiranno in questo percorso per sperimentare nuovi modelli per l’insegnamento e l’apprendimento: l’Intelligenza Artificiale, il Cloud e l’uso di piattaforme digitali sono solo alcuni degli strumenti e delle tecnologie che consentono ai docenti di aggiornare la didattica in aula e ai più giovani di sviluppare quelle skill digitali e trasversali che sono sempre più richieste dal mercato globale.

L’accordo è stato siglato oggi in occasione dell’appuntamento “La più grande lezione del mondo”, una giornata presso il MIUR in cui studenti provenienti dalle scuole del territorio laziale, docenti ed esperti Microsoft hanno esplorato insieme gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e approfondito come i nuovi trend digitali possano contribuire al loro raggiungimento.

È per noi motivo di orgoglio essere qui oggi al Ministero dell’Istruzione e rinnovare ancora una volta la nostra collaborazione, per contribuire alla crescita culturale, sociale ed economica del nostro Paese attraverso l’innovazione digitale. Le nuove tecnologie stanno cambiando il modo in cui viviamo e lavoriamo. È necessario quindi dotare gli studenti degli strumenti adeguati e consentire loro di acquisire quelle competenze che li renderanno professionisti qualificati in futuro. Non possiamo farlo da soli, il confronto con le Istituzioni è fondamentale così come sono indispensabili i docenti che hanno il compito di guidare i nostri ragazzi e aiutarli a cogliere le opportunità e i benefici generati dalla tecnologia. Insieme possiamo davvero imprimere un’accelerazione importante alla crescita del nostro Paese e alla diffusione di una cultura dell’innovazione” ha dichiarato Silvia Candiani di Microsoft Italia.

Oggi – ha spiegato il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Lorenzo Fioramonti – rinnoviamo un partenariato tra Microsoft e il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca che mira ad utilizzare le nuove tecnologie in una maniera responsabile ed intelligente, perché le tecnologie possono essere quell’elemento che scardina il presente e ci aiuta a migliorare il mondo. Utilizzandole in maniera responsabile, insegnando e co-producendo con i giovani di oggi un modo diverso di
concepire la società e di concepire l’insegnamento stiamo costruendo la generazione di oggi.”

Il Protocollo d’Intesa con il MIUR conferma l’impegno di Microsoft nel promuovere competenze digitali nel nostro Paese. Impegno che si concretizza anche attraverso Ambizione Italia, progetto più ampio di
formazione, aggiornamento e riqualificazione delle competenze in chiave digitale, avviato a settembre 2018, con il quale Microsoft ha già formato 500.000 persone e che si propone di coinvolgere entro la fine del 2020 oltre 2 milioni di giovani, studenti, NEET e professionisti in tutta Italia, con l’obiettivo di contribuire all’occupazione e alla crescita dell’Italia, riducendo il fenomeno dello skills mismatch ovvero il divario tra le competenze richieste dal mercato del lavoro e quelle realmente disponibili.

L’articolo MIUR e Microsoft Italia rinnovano protocollo d’Intesa: didattica più digitale, inclusiva e sostenibile sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Granato (M5S): fake news su concorso precari. Decreto già pubblicato 5 mesi fa

Commenti disabilitati su Granato (M5S): fake news su concorso precari. Decreto già pubblicato 5 mesi fa

Spesa scuola diminuita del 9% dal 2010 al 2016

Commenti disabilitati su Spesa scuola diminuita del 9% dal 2010 al 2016

Maturità 2020: per 9 studenti su 10 lezioni online utili, ma 64% annullerebbe esame

Commenti disabilitati su Maturità 2020: per 9 studenti su 10 lezioni online utili, ma 64% annullerebbe esame

Rientro a scuola a settembre, Azzolina: soluzioni flessibili in base all’età degli studenti

Commenti disabilitati su Rientro a scuola a settembre, Azzolina: soluzioni flessibili in base all’età degli studenti

Prof fa lezione in strada a studenti stranieri, indietro con didattica a distanza

Commenti disabilitati su Prof fa lezione in strada a studenti stranieri, indietro con didattica a distanza

Concorso musicale internazionale “Città di Tarquinia”: iscrizioni dal 18 marzo

Commenti disabilitati su Concorso musicale internazionale “Città di Tarquinia”: iscrizioni dal 18 marzo

Legge di Bilancio, Fioramonti: fondi scuola e università sono insoddisfacenti

Commenti disabilitati su Legge di Bilancio, Fioramonti: fondi scuola e università sono insoddisfacenti

Neoimmessi in ruolo: FAQ su formazione on line. Scadenze termine attività

Commenti disabilitati su Neoimmessi in ruolo: FAQ su formazione on line. Scadenze termine attività

Cangemi (PCI): il ministro blocchi il progetto scuola/esercito in Sicilia

Commenti disabilitati su Cangemi (PCI): il ministro blocchi il progetto scuola/esercito in Sicilia

Funzioni strumentali 2019/20, quanto spetta ad ogni scuola: quota fissa e aggiuntiva

Commenti disabilitati su Funzioni strumentali 2019/20, quanto spetta ad ogni scuola: quota fissa e aggiuntiva

Permessi 150 ore studio docenti e Ata: domande entro il 15 novembre

Commenti disabilitati su Permessi 150 ore studio docenti e Ata: domande entro il 15 novembre

Coronavirus, per i ragazzi è il momento di diventare responsabili. Lettera

Commenti disabilitati su Coronavirus, per i ragazzi è il momento di diventare responsabili. Lettera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti