Maturità, studenti: colloquio più facile del previsto. Nelle buste soprattutto testi e immagini

Le buste, alla fine, hanno messo in difficoltà una minoranza dei candidati. La relazione sull’Alternanza? Quasi ignorata. Dopo un’ora di domande i professori hanno avuto pietà.

La maturità 2019 volge al termine. Anche la prima settimana di orali sta andando in archivio. Non tutti i ragazzi hanno ancora concluso le proprie fatiche. Ma alcuni di loro, dopo aver affrontato la prova più temuta di tutto l’esame riformato, sono già con la testa al futuro. Skuola.net, grazie al contributo di trecento di loro, ha voluto fare un primissimo bilancio del nuovo orale. Sarà stato così terribile come si temeva alla vigilia? Pare di sì visto, che la maggior parte dei maturandi intervistati, ha giudicato difficile il colloquio: il 36% in linea con le aspettative, il 21% addirittura più complicato del previsto.

C’è però chi, a posteriori, promuove l’orale in versione 2019: il 29% l’ha trovato più facile rispetto alle previsioni. A fargli cambiare idea ha forse contribuito l’atteggiamento dei commissari d’esame, soprattutto di quelli interni. Perché circa un terzo dei maturandi dice di essere stato aiutato dai docenti durante tutto il colloquio, su ogni aspetto. Un altro terzo ha detto che i professori hanno concentrato gli aiuti sulle singole parti dell’orale (specialmente sulle famigerate buste). A conti fatti, solo 1 su 3 ha trovato di fronte a sé commissioni insensibili allo smarrimento vissuto dai primi ragazzi che si sono cimentati con la nuova maturità.

Tanti gli elementi di cui si componeva la prova di quest’anno. A partire dalle già citate buste, con lo spunto a sorpresa con cui i candidati dovevano rompere il ghiaccio. Ma cosa ci sarà stato dentro? Stando ai racconti degli studenti, moltissime commissioni sono andate sul classico: il 28%, infatti, ha ‘pescato’ un testo (poesia o prosa), il 19% una fotografia, il 10% un quadro. Pochi quelli spiazzati da spunti più alternativi: ad esempio, solo il 7% ha trovato un grafico da commentare o un problema da affrontare, altrettanti (7%) hanno estratto un’immagine tratta dai libri di testo, il 5% un articolo di giornale, il 3% un progetto, l’1% una tabella con dei dati.

Così, alla fine, più di 8 ragazzi su 10 hanno scoperto di essere sufficientemente preparati per imbastire un discorso multidisciplinare: il 50% senza problemi, il 32% in parte. Anche se, poi, riuscire a collegare tutte le materie (come indicato dalle istruzioni) si è rivelata un’impresa più ardua: ci è riuscito solo poco più della metà: il 35% in scioltezza, il 28% con qualche grattacapo; 1 su 4, invece, ha toccato solamente qualche materia.

Altro tassello ricco di incognite era quello delle domande su Cittadinanza e Costituzione. Un ostacolo che, però, non tutti i maturandi si sono ritrovati sul proprio cammino verso il diploma: è toccato al 78% dei ragazzi intercettati dal sondaggio. Ma la curiosità era legata soprattutto al tenore delle domande. Anche qui, le commissioni si sono messe una mano sul cuore, proponendo spunti che permettessero di parlare: il 36% degli studenti ha dovuto rispondere a una domanda sulla prima parte della Costituzione (quella dei diritti fondamentali), il 26% ha dovuto illustrare un progetto a tema svolto dalla sua classe durante l’anno. Meno battuta la strada dell’organizzazione dello Stato (20%), così come quella dell’educazione civica (10%).

Terzo elemento di novità, la relazione sul periodo svolto dai maturandi in Alternanza scuola lavoro. Il fatto che fosse praticamente l’ultimo atto del colloquio ha fatto desistere molte commissioni dal chiederla in maniera approfondita: appena il 48% ha dovuto presentarla nei dettagli, il 36% l’ha solo accennata, al 16% non l’hanno nemmeno chiesta. Alla base, probabilmente, anche ragioni di tempo: considerando le domande sul programma vere e proprie, la maggior parte dei candidati (76%) dice di essere stata seduta al cospetto della commissione almeno tre quarti d’ora (il 16% ben oltre i sessanta minuti).

L’articolo Maturità, studenti: colloquio più facile del previsto. Nelle buste soprattutto testi e immagini sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Bimbo di due anni dimenticato nel parcheggio dell’Università, muore in macchina

Commenti disabilitati su Bimbo di due anni dimenticato nel parcheggio dell’Università, muore in macchina

Supplenze, ho uno spezzone. Completare è un diritto e una possibilità

Commenti disabilitati su Supplenze, ho uno spezzone. Completare è un diritto e una possibilità

Stop appalti pulizia. Concorso per titoli e colloquio: posti per regione, requisiti d’accesso e assunzioni

Commenti disabilitati su Stop appalti pulizia. Concorso per titoli e colloquio: posti per regione, requisiti d’accesso e assunzioni

Si può parlar male dei colleghi o del dirigente nella chat di Whatsapp? Sentenze

Commenti disabilitati su Si può parlar male dei colleghi o del dirigente nella chat di Whatsapp? Sentenze

Decreto scuola, PSI: notizie preoccupanti su possibile fiducia

Commenti disabilitati su Decreto scuola, PSI: notizie preoccupanti su possibile fiducia

Diplomati magistrale (incontro al MIUR), SNALS Serafini: MIUR non voleva mantenere supplenze fino al 30 giugno. Nessuno si muoverà. IL VIDEO

Commenti disabilitati su Diplomati magistrale (incontro al MIUR), SNALS Serafini: MIUR non voleva mantenere supplenze fino al 30 giugno. Nessuno si muoverà. IL VIDEO

Maturità 2020: la scuola è senza bussola. Lettera

Commenti disabilitati su Maturità 2020: la scuola è senza bussola. Lettera

MIUR, stanziato oltre 1 mln di euro per i laboratori enotecnici negli Istituti agrari

Commenti disabilitati su MIUR, stanziato oltre 1 mln di euro per i laboratori enotecnici negli Istituti agrari

Coronavirus: organizzare lavoro scuole dopo decreto Cura Italia. Indicazioni Ministero

Commenti disabilitati su Coronavirus: organizzare lavoro scuole dopo decreto Cura Italia. Indicazioni Ministero

Mobilità docenti sostegno, quando non si può ottenere trasferimento su posto comune

Commenti disabilitati su Mobilità docenti sostegno, quando non si può ottenere trasferimento su posto comune

Assunzioni docenti sostegno direttamente da graduatorie istituto, emendamento al Decreto scuola

Commenti disabilitati su Assunzioni docenti sostegno direttamente da graduatorie istituto, emendamento al Decreto scuola

Progetto O.R.A., i giovani disegnano la mobilità sostenibile. Presentazione oggi 19 settembre

Commenti disabilitati su Progetto O.R.A., i giovani disegnano la mobilità sostenibile. Presentazione oggi 19 settembre

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti