Malattia, fasce di reperibilità: quando ci si può assentare da casa? Sentenza

“Qualora il lavoratore, pubblico o privato, risulti assente alla visita di controllo senza giustificato motivo, decade dal diritto a qualsiasi trattamento economico per l’intero periodo sino a dieci giorni e nella misura della meta’ per l’ulteriore periodo, esclusi quelli di ricovero ospedaliero o gia’ accertati da precedente visita di controllo”. La Cass. civ. Sez. lavoro, Ord., (ud. 11-07-2019) 01-10-2019, n. 24492 si pronuncia su questa disposizione.

Fatto

La Corte di appello di Roma, confermando la pronuncia di primo grado, dichiarava legittima la sanzione disciplinare della multa irrogata da Poste Italiane s.p.a. ad un suo dipendente ai sensi dell’art. 43, commi 8 e 9, CCNL e della L. n. 638 del 1983, art. 5, comma 14. Il lavoratore era risultato assente alla visita medica di controllo domiciliare effettuata dall’Inps, senza aver dato alcuna preventiva comunicazione dell’assenza. Il dipendente si era giustificato in sede disciplinare e in sede processuale rappresentando che l’assenza alla visita fiscale era da imputare ad un giustificato motivo, atteso che si era recato presso il Pronto soccorso dell’Ospedale di (OMISSIS) per accompagnare il figlio di sette anni con problemi di salute ed infatti in occasione di tale accesso venne diagnosticata un’orticaria idiopatica, cui fece seguito un ricovero nelle ore successive. La Corte territoriale riteneva che l’assenza del ricorrente non fosse giustificata, in quanto la circostanza dedotta avrebbe potuto giustificare l’assenza esclusivamente con riferimento al ricovero urgente in orario corrispondente alla visita fiscale; nel caso di specie, l’accesso al pronto soccorso avvenne ben prima mentre il ricovero ordinario (o visita di controllo) avvenne nel corso della tarda mattinata e non aveva alcuna caratteristica dell’urgenza; non era stata neppure allegata l’assenza di altri congiunti disponibili ad assistere il figlio minore; in ogni caso, la situazione non precludeva la possibilità di una previa comunicazione dell’assenza al datore di lavoro. Per la Cassazione il ricorso è inammissibile.

Quando ci si può assentare da casa dalle fasce di reperibilità?

“Occorre premettere che la Corte territoriale ha fatto applicazione del principio secondo cui, ai sensi della L. n. 638 del 1983, art. 5, comma 14, il giustificato motivo di esonero del lavoratore in stato di malattia dall’obbligo di reperibilità a visita domiciliare di controllo non ricorre solo nelle ipotesi di forza maggiore, ma corrisponde ad ogni fatto che, alla stregua del giudizio medio e della comune esperienza, può rendere plausibile l’allontanamento del lavoratore dal proprio domicilio, senza potersi peraltro ravvisare in qualsiasi motivo di convenienza od opportunità, dovendo pur sempre consistere in un’improvvisa e cogente situazione di necessità che renda indifferibile la presenza del lavoratore in luogo diverso dal proprio domicilio durante le fasce orarie di reperibilità (Cass. 14735 del 2004) 4. Entrambi i motivi non si confrontano con il decisum su cui la sentenza si fonda. La sentenza ha escluso il nesso tra il momento dell’urgenza, effettivamente sussistente in orario notturno (al primo accesso al Pronto soccorso), ma non sussistente al tempo della visita fiscale avvenuta in tarda mattinata, quando nessuna urgenza era stata dimostrata dal lavoratore idonea a giustificare l’allontanamento dal domicilio durante le fasce di reperibilità nonchè il mancato previo avviso di allontanamento al proprio datore di lavoro.”

L’articolo Malattia, fasce di reperibilità: quando ci si può assentare da casa? Sentenza sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Ascani: bene i cinque obiettivi del PD e l’attenzione all’educazione

Commenti disabilitati su Ascani: bene i cinque obiettivi del PD e l’attenzione all’educazione

Mobilità secondaria primo grado, domande trasferimento e passaggio: chi può presentarle e come. Guide

Commenti disabilitati su Mobilità secondaria primo grado, domande trasferimento e passaggio: chi può presentarle e come. Guide

“Autonomia tra desiderio e realtà”, Giannelli (ANP): finora gestita male, è invece necessario avere i docenti che servono alla scuola [INTERVISTA]

Commenti disabilitati su “Autonomia tra desiderio e realtà”, Giannelli (ANP): finora gestita male, è invece necessario avere i docenti che servono alla scuola [INTERVISTA]

Lucia Azzolina, il sì dei nostri lettori. Sondaggio. Giuramento prossime ore

Commenti disabilitati su Lucia Azzolina, il sì dei nostri lettori. Sondaggio. Giuramento prossime ore

ATA ex lavoratori ditte pulizia, assunzione nazionale volontaria. Poi mobilità straordinaria sui posti residui

Commenti disabilitati su ATA ex lavoratori ditte pulizia, assunzione nazionale volontaria. Poi mobilità straordinaria sui posti residui

NOIPA ripristina il servizio di assistenza telefonica dal 4 dicembre

Commenti disabilitati su NOIPA ripristina il servizio di assistenza telefonica dal 4 dicembre

Manutenzione e rinnovamento delle scuole: grande operazione da 1,7 miliardi

Commenti disabilitati su Manutenzione e rinnovamento delle scuole: grande operazione da 1,7 miliardi

Ugl: no alla scuola metà in presenza e metà online, sdoppiamo classi pollaio

Commenti disabilitati su Ugl: no alla scuola metà in presenza e metà online, sdoppiamo classi pollaio

“Adolescenti allo specchio”, progetto per favorire crescita in età evolutiva

Commenti disabilitati su “Adolescenti allo specchio”, progetto per favorire crescita in età evolutiva

Calendario scolastico 2019/20, in Emilia – Romagna le lezioni cominciano il 16 settembre

Commenti disabilitati su Calendario scolastico 2019/20, in Emilia – Romagna le lezioni cominciano il 16 settembre

Graduatorie ATA: il part-time si valuta per intero, i riferimenti normativi

Commenti disabilitati su Graduatorie ATA: il part-time si valuta per intero, i riferimenti normativi

Salvini: Azzolina non ne azzecca una sulla scuola, ma le minacce non devono esistere

Commenti disabilitati su Salvini: Azzolina non ne azzecca una sulla scuola, ma le minacce non devono esistere

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti