Mai caricare troppo una nave, un mulo e… un caregiver

«Assieme al mulo da soma – scrive Giorgio Genta – potremmo adottare la marca di carico della nave come simbolo per i caregiver che assistono persone con grave disabilità, intendendo che anche per loro deve esistere un limite alla capacità di carico di lavoro. Se invece si carica troppo il caregiver, questi rischia di andare a picco come la nave caricata oltre la marca o il mulo il cui basto è troppo pieno. In ogni caso deve o dovrebbe venir loro in soccorso la normativa: legge del mare da una parte, norme per la protezione degli animali dall’altra, ma poco o nulla per i caregiver…»

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Stefano

Related Posts

Disabilità e Cooperazione Internazionale: partecipazione e inclusione

Commenti disabilitati su Disabilità e Cooperazione Internazionale: partecipazione e inclusione

Malattie rare: la centralità del ruolo del paziente e una corretta informazione

Commenti disabilitati su Malattie rare: la centralità del ruolo del paziente e una corretta informazione

La cultura proiettata con forza verso l’accessibilità

Commenti disabilitati su La cultura proiettata con forza verso l’accessibilità

Un’architettura accessibile, funzionale e confortevole per tutti

Commenti disabilitati su Un’architettura accessibile, funzionale e confortevole per tutti

Uno studio basato sulla pratica clinica delle persone con distrofia di Duchenne

Commenti disabilitati su Uno studio basato sulla pratica clinica delle persone con distrofia di Duchenne

Il taglio di quel fondo: la replica del Ministro

Commenti disabilitati su Il taglio di quel fondo: la replica del Ministro

Né promuovere per “cacciare”, né bocciare per “parcheggiare”

Commenti disabilitati su Né promuovere per “cacciare”, né bocciare per “parcheggiare”

Un prezioso vademecum per il soccorso alle persone con autismo

Commenti disabilitati su Un prezioso vademecum per il soccorso alle persone con autismo

Ma la percezione del corpo è una costruzione sociale?

Commenti disabilitati su Ma la percezione del corpo è una costruzione sociale?

Disabilità: essere riconosciuti come Persone

Commenti disabilitati su Disabilità: essere riconosciuti come Persone

Un viaggio nella meraviglia, insieme a persone con disabilità intellettiva

Commenti disabilitati su Un viaggio nella meraviglia, insieme a persone con disabilità intellettiva

Cara Costanza, voglio che tu cresca in un Paese che non “regala” ma “garantisce”

Commenti disabilitati su Cara Costanza, voglio che tu cresca in un Paese che non “regala” ma “garantisce”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti