Mafia, se ne parli a scuola perché abbiamo perso il senso della legalità. Lettera

Queste le sue parole: “Stiamo perdendo il senso della legalità, la misura, il peso, il valore delle regole. Le leggi sono i capisaldi di una collettività e se diventano solo forma senza sostanza, possono essere ritenute facilmente trasgredibili. Bisogna saper insegnare ai nostri giovani il senso della legalità e soprattutto far cessare il vento di silenzio e d’indifferenza che è diventato veramente intollerabile quando si parla di mafie. Si sente tangibile attorno a noi l’indifferenza verso l’argomento a ogni livello.

Perché è così difficile poter scrivere e parlare di mafie? E’ un tema così ostico? Parlare di mafie dovrebbe essere un dovere civico di ognuno di noi. È di pochi giorni fa la notizia di quel killer che a Napoli per uccidere un associato di un clan rivale colpisce quasi a morte una bambina di soli quattro anni che si trovava lì per caso con la nonna. Non ci rendiamo conto – perché ormai indifferenti a tutto – a che livelli ci abbassiamo. Peggio degli animali che hanno la fortuna di non uccidersi tra loro per futili motivi o per denaro.

Le parole di Peppino Impastato, “la mafia uccide il silenzio pure”, dovrebbero essere scritte all’ingresso di ogni scuola perché il messaggio terrificante è che stiamo educando una gioventù all’indifferenza. Il motivo? Perché abbiamo perso il senso della legalità. I veri valori della vita li abbiamo inesorabilmente persi”. La lotta alle mafie non è cosa semplice.

L’unico rimedio, ancora una volta, è l’educazione che ci proviene dalla famiglia e dalla scuola: dobbiamo trasmettere l’idea che le mafie sono il male assoluto. E’ indispensabile l’impegno sociale di ciascuno di noi. Questo cancro in continua metastasi si può combattere solo contrapponendo un’altra cultura, quella della legge, della verità e della giustizia. Dobbiamo educare al rispetto delle regole: oggi regna l’idea che le regole non siano importanti, che siano un fatto trascurabile. Non è così: le regole hanno il potere di cambiare una società, ma con la stessa facilità la loro violazione o peggio il messaggio che sono inutili e trasgredibili possono distruggerla inesorabilmente. Diffondiamo questo messaggio e come diceva Paolo Borsellino: “Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene”.

(*Vincenzo Musacchio giurista e presidente dell’Osservatorio Antimafia del Molise)

L’articolo Mafia, se ne parli a scuola perché abbiamo perso il senso della legalità. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Assegnazione provvisoria: è possibile chiedere ricongiungimento al convivente?

Commenti disabilitati su Assegnazione provvisoria: è possibile chiedere ricongiungimento al convivente?

Religione cattolica, inserimento dati SIDI sino al 30 aprile. Quante ore per classe

Commenti disabilitati su Religione cattolica, inserimento dati SIDI sino al 30 aprile. Quante ore per classe

Assegnazione docenti alle classi, Cassazione: il dirigente deve applicare le delibere del Consiglio d’Istituto

Commenti disabilitati su Assegnazione docenti alle classi, Cassazione: il dirigente deve applicare le delibere del Consiglio d’Istituto

Didattica a distanza, Gasparri (FI): 30% famiglie non ha pc, si utilizzino canali Rai

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, Gasparri (FI): 30% famiglie non ha pc, si utilizzino canali Rai

“Tommy e gli altri” nelle scuole: tour di proiezioni per gli studenti per raccontare l’autismo

Commenti disabilitati su “Tommy e gli altri” nelle scuole: tour di proiezioni per gli studenti per raccontare l’autismo

Coronavirus: 30 psicologi e e 40 operatori medicospecialisti a supporto di docenti e famiglie per conseguenze emotive e psicologiche

Commenti disabilitati su Coronavirus: 30 psicologi e e 40 operatori medicospecialisti a supporto di docenti e famiglie per conseguenze emotive e psicologiche

Assunzione 4mila ricercatori, Manfredi: concorsi dopo l’estate, assunti entro fino anno

Commenti disabilitati su Assunzione 4mila ricercatori, Manfredi: concorsi dopo l’estate, assunti entro fino anno

Dal 30 settembre alle 16,15 su Rai Gulp, “Leo da Vinci”, serie quotidiana dedicata al genio toscano

Commenti disabilitati su Dal 30 settembre alle 16,15 su Rai Gulp, “Leo da Vinci”, serie quotidiana dedicata al genio toscano

Aumenti stipendio, che sia la volta buona? Lettera

Commenti disabilitati su Aumenti stipendio, che sia la volta buona? Lettera

Mobilità docenti 2020, è iniziata la pubblicazione dei movimenti

Commenti disabilitati su Mobilità docenti 2020, è iniziata la pubblicazione dei movimenti

A scuola gli studenti silenziano il cell, non lo spengono

Commenti disabilitati su A scuola gli studenti silenziano il cell, non lo spengono

Supplenze sostegno: chiarimenti su unico titolo valido

Commenti disabilitati su Supplenze sostegno: chiarimenti su unico titolo valido

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti