Ma sui vaccini le Regioni continuano a procedere in ordine sparso

«Mancando una banca dati delle persone con disabilità grave riconosciute dalla Legge 104 – sottolineano dalla Federazione FISH -, ovvero il criterio stabilito dal Ministero della Salute per la priorità delle vaccinazioni anti-Covid alle persone con disabilità e ai loro caregiver, le Regioni continuano a procedere in ordine sparso, contraddicendo le stesse indicazioni ministeriali. Chiediamo quindi che esse vi si adeguino, proponendo ad esempio una diversa modalità di registrazione, attraverso il coinvolgimento dei medici di base»

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti