Linee guida per la salute mentale dei rifugiati e vittime di tortura

A conclusione di un lavoro iniziato nel 2014, il Ministero della Salute ha pubblicato le “Linee guida per la programmazione degli interventi di assistenza e riabilitazione nonché per il trattamento dei disturbi psichici dei titolari dello status di rifugiato e dello status di protezione sussidiaria che hanno subito torture, stupri o altre forme gravi di violenza psicologica, fisica o sessuale”.

Il documento si propone di definire delle indicazioni che siano  uniformi a livello nazionale per l’individuazione, la presa in carico e la certificazione dei rifugiati e richiedenti asilo ( in Italia, al 31 dicembre 2015, erano 103.792) vittime di tortura e dei soggetti più vulnerabili: circa il 25-30% dei rifugiati ha subito esperienze di violenza che rientra nella categoria dei cosiddetti “traumi estremi”. Come si legge nel documento: “gli eventi traumatici che colpiscono i richiedenti e titolari di protezione umanitaria determinano gravi conseguenze sulla loro salute fisica e psichica con ripercussioni sul benessere individuale e sociale”.

Le linee guida sono nate dal lavoro congiunto di UNHCR, Ministero della Salute e molteplici realtà territoriali e nazionali per la promozione della salute mentale dei migranti. E’  significativo che esse si rivolgano non solo a chi sia già titolare dello status di protezione internazionale o umanitaria, ma anche a richiedenti asilo e alle domande presentate sia nel territorio degli Stati che alla frontiera, in acque territoriali e nelle aree di transito.

La migrazione rappresenta un’importante fonte di rischio per la salute mentale, considerando l’articolazione del suo intero processo: le condizioni di violenza da cui si fugge, quelle del viaggio e la precarietà dell’ accoglienza. Come metteva in luce l’indagine presentata da Medici senza Frontiere nel 2016 sui bisogni di salute mentale tra i richiedenti asilo,  il 60% dei pazienti visitati nei Centri di accoglienza straordinaria (Cas) presentava sintomi di disagio mentale connesso ad eventi traumatici, prima o durante il percorso di fuga. Di questi, l’87% peggiorava a causa delle difficili condizioni di vita nei centri.

Facebook Comments

Monia

Related Posts

Renato giornalista e la carta di Trieste

Commenti disabilitati su Renato giornalista e la carta di Trieste

La malattia mentale può essere curata fuori dal carcere

Commenti disabilitati su La malattia mentale può essere curata fuori dal carcere

40#180 W Marco Cavallo

Commenti disabilitati su 40#180 W Marco Cavallo

Collana 180. Archivio critico della salute mentale – Restituire la soggettività

Commenti disabilitati su Collana 180. Archivio critico della salute mentale – Restituire la soggettività

Collana 180. Archivio critico della salute mentale

Commenti disabilitati su Collana 180. Archivio critico della salute mentale

Sui fatti di Trieste ho qualcosa da dire

Commenti disabilitati su Sui fatti di Trieste ho qualcosa da dire

Presentazione delle istruzioni operative SIEP

Commenti disabilitati su Presentazione delle istruzioni operative SIEP

Società Pericolosa: Comunicato

Commenti disabilitati su Società Pericolosa: Comunicato

Ancora una morte per TSO (?)

Commenti disabilitati su Ancora una morte per TSO (?)

Oscillando sul testo di Pier Aldo Rovatti

Commenti disabilitati su Oscillando sul testo di Pier Aldo Rovatti

Il diritto di curarsi fuori dal carcere

Commenti disabilitati su Il diritto di curarsi fuori dal carcere

Immagini per non dimenticare: la chiusura del manicomio

Commenti disabilitati su Immagini per non dimenticare: la chiusura del manicomio

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti